BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
COLLALTO SABINO - PURTROPPO TROVATO MORTO IL RAGAZZO SCOMPARSO: Redazione- Purtroppo ieri sera è stato ritrovato i corpo del ventsettenne Calabrese, residente a Collalto Sabino, che da giorni era scomparso . E' stato trovato nella sua auto in un parcheggio dl quartiere Salario a Roma, nei pressi di via POPOLI - VOLPE INVESTITA CURATA DAI VOLONTARI ANPANA: Redazione- Investita da un'auto in transito viene salvata dai volontari dell'Anpana di Termoli: è una volpe avvistata più volte nei terreni adiacenti la strada provinciale che da Termoli conduce a San Giacomo degli Schiavoni (Campobasso). I giovani dell'Associazione protezione animali, TRA NATURA E STORIA - I PERCORSI NATURALISTICI ALLE SOGLIE DEL CASTELLO DI ROCCA SINIBALDA: Redazione- Modellato dalla storia del Castello e dallo sperone di roccia in posizione dominate sulla Valle del Turano, Rocca Sinibalda è uno dei borghi più belli del Reatino.Una passeggiata lungo via degli Archi e via Sole permette di ammirare dal basso la maestosità della IL CASTELLO DELLE METAMORFOSI - ROCCA SINIBALDA: Redazione- A un’ora da Roma, a picco sulla valle del Turano, il Castello di Rocca Sinibalda è uno dei più affascinanti e misteriosi castelli italiani. Monumento nazionale dal 1928, risale all’anno Mille. Nel Rinascimento il grande architetto senese Baldassarre Peruzzi POSTE ITALIANE: IN ABRUZZO PRESENZA FEMMINILE AL 64%, E’ IL SESTO DATO PIU’ ALTO IN ITALIA: Nella provincia di Chieti le donne arrivano al 66%: sette su dieci lavorano negli uffici postali. Due donne alla guida delle Filiali provinciali di Pescara e L’Aquila   Redazione- Poste Italiane entra nella top five della classifica sulla parità di TAGLIO DEL NASTRO QUESTA MATTINA ALL’OSPEDALE DELL’AQUILA CON L’INAUGURAZIONE DELLA STANZA ROSA: Redazione- Un altro tassello si è così aggiunto al progetto già avviato dal Soroptimist Club dell’Aquila che ha portato a istituire al Pronto Soccorso il “Codice Rosa” dotato ora anche di uno spazio dedicato non solo alle donne ma a SCOMPARSO A ROMA ROCCO PANETTA, RAGAZZO RESIDENTE A COLLALTO SABINO: Redazione- Non si hanno più notizie di Rocco Panetta, un giovane di 27 anni domiciliato a Collalto Sabino in provincia di Rieti, nel Lazio. Rocco lavora al centro Amazon di Passo Corese e l'ultima volta che la famiglia lo ha PELLE- RISO IN BIANCO: Ritrovare la felicità in "in un po' di sale e un po' di curcuma”: dopo i riscontri ottenuti, la “trap d’autore” di Stefano Pellegrino distribuito da Giuliano Saglia Redazione- Ha iniziato a raccontare la sua parabola in musica a gennaio 2020 -SOMETIMES, L’AMORE TRA ABBANDONO E SPERANZA- : IL SINGOLO D’ESORDIO DELLA CANTANTE DENISE:   Redazione- La giovane autrice del brano descrive la disperazione, diventata quasi ossessione, di essere stata lasciata dall’uomo amato; pur nel dolore si rende conto, in un certo senso, di aver persino perso la sua dignità così come afferma ,nella sua ROCCA DI BOTTTE, RAGAZZO 35ENNE TROVATO MORTO IN CASA: Redazione- Questa mattina, un ragazzo di 35anni di origine romana, è stato trovato morto nel bagno della sua abitazione in località Casaletto, a Rocca di Botte, dai familiari. Si è trattato, purtroppo, di un improvviso arresto cardiocircolatorio. A nulla sono

GAD LERNER: GEORGE SOROS VA FATTO SUBITO SANTO

Geroge Soros e Gad lerner Geroge Soros e Gad lerner

Redazione- Per Gad Lerner il fine giustifica i mezzi: ed è su questo fermo principio di riferimento che Gad Lerner dalle colonne di Repubblica tira la volata a Soros. Ora, che spesso il giornalista argomenti per paradossi e proceda per forzature e generalizzazioni estremiste, è cosa ormai quasi assodata. Ma stavolta, davvero, esagera: puntare l’indice contro chi critica il magnate ungherese e definire «mascalzonate» le azioni di chi lo avversa o non ne condivide idee e operato, ci sembra davvero troppo…

Gad Lerner: «Se Soros diventa il diavolo»

Ma tant’è: e in un accorato commento firmato su Repubblica e dall’emblematico titolo «Se Soros diventa il diavolo», Gad Lerner si scaglia contro chi lo accusa di organizzare e finanziare l’invasione sistematica e incontrollata di immigrati dal Nord Europa, rimpinguando le casse di quelle ong che fanno la spola dalle coste libiche ai porti di casa nostra, garantendo anche munifiche donazioni ai partiti filo europeisti, rigorosamente schierati sul fronte buonista dell’accoglienza coatta (a casa degli altri però)…. Un endorsement che scoppia ad orologeria proprio nei giorni del caso Sea Watch 3 che inchiodano il braccio di ferro tra il Viminale e la nave della Ong tedesca, cristallizzando una situazione già vista e rivista anche troppe volte, in cui Lerner definisce Soros un filantropo che ha il torto di essere detestato da Trump, Putin e Netanyahu – ma naturalmente ne ha anche per la Lega e per chi nel Belpaese svetta in cima alla lavagna tra i cattivi in prima linea contro il munifico tycoon ungherese – vittima indifesa definita dai suoi detrattori «malvagio burattinaio della Grande Sostituzione etnica, cioè l’immigrazione pianificata attraverso cui, per saziare la propria avidità, la finanza mondialista starebbe abbattendo il costo della manodopera europea». E ancora: «Siccome è molto ricco, siccome fu tra gli speculatori che nel 1992 scommisero vittoriosamente sulla svalutazione della sterlina e della lira, siccome devolve in opere di filantropia quasi la metà del suo patrimonio da 32 miliardi di dollari» il povero Soros è demonizzato e ostracizzato da avversari e competitor…

Attacco ai detrattori del magnate ungherese

«Mascalzonate» le definisce il giornalista nel suo commento sul quotidiano diretto da Verdelli: e a questo punto il processo di beatificazione è completo che quasi sembra di leggere tra le righe: «Santo subito». E poco conta, come rileva anche Il Giornale sul suo sito attaccando il servizio di Lerner, «se le ingerenze del magnate ungherese nelle scelte politiche di molti Paesi (occidentali e non) siano ormai alla luce del sole». Non importa se, anche recentemente, ha tentato di influenzare il voto in Europa facendo arrivare, scrive il sito del quotidiano milanese diretto da Sallusti, «200.000 euro nelle casse di +Europa», il partito simbolo della difesa a spada tratta degli interessi di Bruxelles in Italia. E sorvoliamo sul fatto che, come scrive lo stesso Gad su Repubblica, «non ha giovato alla popolarità di Soros la scelta di finanziare piani d’integrazione dei Rom nell’Europa centro-orientale dove sono tuttora vittime di pregiudizio generalizzato. E in seguito di allargare il suo raggio d’azione a opere di sostegno dei migranti, attraverso le Ong che praticano il soccorso e l’accoglienza»: Soros è un uomo pio. Un benefattore e tutto è prodromico all’affermazione finale intorno alla quale gira tutta la recriminazione firmata Gad Lerner: «le caricature, gli slogan” e “la visione deformata di un potere occulto” sono identici a quelli che “funestarono la prima metà del secolo scorso per legittimare l’antisemitismo”. I sovranisti di oggi come i nazisti di ieri. Ma che Lerner lo pensi e lo dica, non è una novità: il dato nuovo è semmai forzare la geometria di un ragionamento per declinare al teorema che si è deciso di dimostrare tutto il discorso.

E la caccia all’untore di destra, ancora una volta, è servita…

Fonte:secoloditalia.it

Ultima modifica ilSabato, 29 Giugno 2019 12:32

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.