BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ROCCA DI BOTTE - MAXI SCHERMO IN PIAZZA PER GLI EUROPEI DI CALCIO, ORGANIZZATO DALLA PRO-LOCO: Redazione-  Una splendita iniziativa della PRO LOCO di Rocca di Botte, un maxi schermo in piazza, per seguire gli Europei, la nazionale di calcio. ⚽️?In occasione degli Europei 2024, la Pro Loco di Rocca di Botte vi aspetta per tifare NICOLA PIOVANI INAUGURA L’VIII EDIZIONE DELL’ORVIETO FESTIVAL: Redazione-  L’Orchestra Filarmonica Vittorio Calamani diretta da Nicola Piovani sabato 7 settembre alle ore 21 inaugurerà l’VIII edizione dell’Orvieto Festival della Piana del Cavaliere, in programma quest’anno dal 5 al 15 settembre, con il concerto di apertura Tre Fenomeni, realizzato ANGELO SANTANGELO | UN PASSO DALLA LUNA: Redazione- Dal 14 giugno 2024 è in rotazione radiofonica “Un passo dalla luna”, il nuovo singolo di Angelo Santangelo disponibile su tutte le piattaforme digitali di streaming dal 7 giugno. “Un passo dalla luna” è un brano dalle sonorità pop, AL VIA LA MOSTRA ARTISTE A ROMA. PERCORSI TRA SECESSIONE, FUTURISMO E RITORNO ALL’ORDINE | CASINO DEI PRINCIPI DI VILLA: Redazione-  Al Casino dei Principi di Villa Torlonia, dal 14 giugno al 06 ottobre 2024, arriva la mostra Artiste a Roma. Percorsi tra Secessione, Futurismo e Ritorno all’Ordine.L’esposizione, a cura di Federica Pirani, Annapaola Agati, Antonia Rita Arconti e Giulia ESTATE DELL'ARATRO, A PIANELLA OPPORTUNITÀ PER ARTISTI: Redazione-  Per il 30 giugno, in occasione della festa di apertura dell'Estate dell'Aratro del Direttore artistico Franco Mannella a Pianella (PE), Arotron mette a disposizione il palco Gran Sasso per brevi performance da incastrare tra di loro e creare un’armonia ALBERTO BAGNAI (COMMISSIONE ENTI GESTORI) SU SISTEMA PREVIDENZIALE: - AGGRAVIO DELLA SOSTENIBILITA’ DEL SISTEMA DOVUTO A DELIBERATE STRATEGIE DI AUSTERITA’: Redazione-  “La stasi del Pil che ci portiamo dietro dal 2008, e quindi l’aggravio della sostenibilità dei sistemi previdenziali, è stato dovuto a deliberate strategie di austerità”. Lo ha affermato il presidente della Commissione di controllo sull’attività degli Enti Gestori VITTORIO VERTONE DALLA BIENNALE DI VENEZIA ARTE A PESCARA: Redazione-  Sabato 15 giugno dalle ore 17:00, presso lo Stabilimento Balneare “Il nuovo Tramonto” a Pescara sud (Via Primo Vere 27), live performance on the beach con Vittorio Vertone già ospite della 58 Biennale di Venezia Arte 2019, e di TRUMP – SCONFIGGE - BIDEN SUL NUMERO DI GUAI GIUDIZIARI: Redazione-  “Nessuno è al di sopra della legge, nemmeno il figlio del presidente”. Così l'editoriale del Washington Post commentando la recente condanna di Hunter Biden per possesso illegale di un'arma da fuoco. Hunter, il figlio dell'attuale presidente, potrebbe essere condannato L’ENSEMBLE VIVALDI DE “I SOLISTI VENETI” IN CONCERTO PER LA GIORNATA EUROPEA DELLA MUSICA: Redazione-  Venerdì 21 giugno, alle ore 20.45, l’auditorium ex Chiesa di Santa Croce ospiterà un concerto dell’Ensemble Vivaldi de “I Solisti Veneti”. In occasione della Giornata Europea della Musica, l’Ensemble Vivaldi de “I Solisti Veneti” proporrà il seguente programma: Giuseppe Tartini, Sonata A PESCINA IL PRIMO FESTIVAL SILONIANO: A seguire la 27^ed.del Premio Internazionale Ignazio Silone, con gli spettacoli di Massimo Ranieri, Giuliano Palma ed Anna Oxa Redazione-  Nella Città di Pescina (Aq) è prevista una speciale estate 2024, non solo all'insegna della cultura, con la XXVII Ed.del Premio

TORTELLINI ISLAMIZZATI E CROCEFISSI NELLE SCUOLE: LA DERIVA DELLA CHIESA BERGOGLIANA

Papa Francesco Papa Francesco

Redazione- Dobbiamo dircelo: oggi una delle minacce per il cristianesimo nel mondo viene proprio dalla Chiesa cattolica. O perlomeno dalle sue gerarchie, a cominciare dal pontefice. Che non è cosa di poco conto. E si badi che scrivo non dal punto di vista di un cattolicesimo apocalittico e tradizionalista (curioso aggettivo: ogni cattolico dovrebbe essere tradizionalista). Ma piuttosto parlo da “cattolico ateo”, come si definiva il grande scrittore nazionalista francese Philippe Barrès: oggi si dice “ateo devoto” o, in inglese, teo-con. Da questo punto di vista, ci appare chiaro che l’attuale vertice cattolico, se non nemico del cristianesimo, è di certo ostile all’identità occidentale. Che, ricordiamolo, non è una definizione geografica ma culturale.

Occidente, come insegna Leo Strauss, è Atene, Gerusalemme, Roma, nella duplice veste di romanità e di cristianesimo. E proprio il cristianesimo rielabora classicità ed ebraismo con ciò fondando l’identità occidentale, con il suo correlato di liberalismo, tolleranza, democrazia. Tutto ciò, per cui avevano combattuto i due grandi pontefici Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, è stato gettato via dall’attuale, che sta conformando sul piano mondiale una chiesa che rompe in maniera chirurgica con l’eredità occidentale.

I due casi di ieri, i tortellini islamizzati e i crocefissi nelle scuole, sono solo due sintomi di questa deriva della chiesa bergoglista. Ha poco da lamentarsi la curia bolognese sulla supposta montatura del caso. Da un lato, l’arcivescovo Zuppi ha lanciato un ballon d’essai aspettando la reazione, e quando questa è stata una corale protesta, ha innestato la retro: come un sottosegretario qualsiasi. Dall’altro le false notizie (ammesso il caso lo fosse) sono interessanti proprio perché false. Zuppi è infatti tanto considerato un amico dell’Islam che nessuno si è stupito e tutti hanno preso per buona la versione. Nei confronti dell’islam, Zuppi e le teste di punta della chiesa bergoglista perseguono infatti quella che la scrittrice isreeliana Bat Ye’or chiama la dhimmitudine, cioè la sottomissione patteggiata, una strategia utilizzata dalle chiese cristiane nei paesi islamici, e che ha condotto alla loro decimazione. C’è indubbiamente anche un sovrappiù d’arguzia gesuitica, del tipo io cedo sulla carne di maiale in cambio di non belligeranza da parte dell’islam.

Ma, appunto, l’Islam non ragiona così: questi patteggiamenti sono considerati, non a torto, come segnali di debolezza, di cui profittare. Riguardo la questione della alimentazione e della carne di maiale, è da anni che in tutti i paesi europei questo argomento crea tensioni, tanto che vi intervenne persino il presidente Sarkozy. Gli islamici non vogliono infatti scegliere tra maiale e pollo: esigono che nelle mense scolastiche il porco sia bandito perché contamina tutto. Ora si da il caso che il maiale, come scrive in un bel libro lo storico Michel Pastoureau (Il maiale. Storia di un cugino poco amato, Ponte alle Grazie) sia un simbolo dell’Occidente e che la sua carne sia l’asse alimentare (quindi, identitario) di Francia, Italia, Spagna, Germania e cosi via. Agli occhi delle organizzazioni islamiche la battaglia per l’eliminazione del maiale è campale e la sua vittoria costituirebbe

un regresso per noi e un passo verso la sottomissione.

Fonte:nicolaporro.it

Ultima modifica ilLunedì, 28 Ottobre 2019 10:44

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.