BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
POSTE ITALIANE: GRAZIE AI SERVIZI DIGITALI PAGAMENTO DEL BOLLO AUTO FACILE E VELOCE: Redazione- Anche per i cittadini della provincia dell’Aquila rinnovare il bollo auto con Poste Italiane è semplice, veloce e sicuro attraverso il sito e le app aziendali. Il servizio è disponibile per tutti gli utenti registrati su www.poste.it oltre che BOLLETTE| LEGA, RISCHIO CHIUSUIRA AZIENDE ABRUZZESI PER RINCARO: Redazione- Il caro bollette rischia di mettere al tappeto tante imprese di settori fondamentali per l’Abruzzo come l’edile ed il manifatturiero. Un esempio su tutti in provincia di Teramo dove un’azienda del settore metallurgico ha visto corrispondere ad un consumo IL FESTIVAL DELLA PIANA DEL CAVALIERE SELEZIONATO PER IL CONCORSO ART BONUS 2021: Redazione- Il Festival della Piana del Cavaliere 2021, svolto lo scorso settembre ad Orvieto, è uno dei progetti selezionati per il concorso Art Bonus 2021 – VI edizione.L’iniziativa è nata con l’obiettivo di promuovere una sempre più diffusa conoscenza della ENERGIA, COSTI CHOC PER LE AZIENDE IN ABRUZZO E MOLISE. SALVINI: -EMERGENZA NAZIONALE, A RISCHIO MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO-: Redazione- Il consumo di elettricità raddoppia, la bolletta quadruplica: è quanto succede a un’azienda di Corropoli, in provincia di Teramo, che realizza prodotti per il settore edile e industriale. Il salasso energetico rischia di essere un colpo mortale per molte -CATERINETTA E LA STECCA DI CIOCCOLATA-, TRA IL COVID E LA GUERRA: Redazione- Quelle sirene che rimbombano nelle orecchie della protagonista e riportano alla memoria i momenti terribili della Guerra. Le ambulanze che percorrono le strade deserte con a bordo i malati di Covid, il virus che, ora, attanaglia il mondo intero, FERROVIA,PD ABRUZZO| BENE INCONTRO CON RIFI, MA OCCORRE CONIUGARE CONSENSO POPOLAZIONE CON RAPIDITA' INTERVENTO: Redazione- "Accogliamo positivamente la notizia che sia stato ottenuto dalla Regione un incontro con Rfi e con i Comuni interessati dal raddoppio ferroviario della Pescara -  Roma, come richiesto anche dal nostro gruppo in Consiglio regionale. A fronte di un MATTIA VLAD MORLEO FIRMA LE MUSICHE DI DRAWING THE HOLOCAUST PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA IN PRIMA SERATA SU RAI: Colonna sonora dell’omonimo documentario del regista Massimo Vincenzi in onda in prima serata il 27 gennaio su Rai Storia in occasione della Giornata della Memoria Redazione- Arriverà su tutte le piattaforme digitali il 28 gennaio 2022 Drawing The Holocaust – Original ALICE! IN WONDERLAND CON 30.000 BIGLIETTI VENDUTI PROROGATO FINO AL 20 MARZO: Redazione- Alice! in Wonderland con i suoi 30.000 biglietti venduti proroga le sue repliche a Milano fino al 20 marzo 2022.Lo show di nouveau cirque al Magic Mirrors Theater alla Fabbrica del Vapore, prodotto da Razmataz Live in co-produzione con CARSOLI - SONO 251 GLI ATTUALI POSITIVI NEL TERRITORIO: Redazione- Sono 251 gli attuali positivi . di cui 4 in ospedale, nel territorio Carseolano. Intanto l'amministrazione Comunale ha comunicato per domenica 23 Gennaio, una nuova giornata di screening con tamponi antigenici gratuiti per tutti i ragazzi che frequentano le scuole L'AQUILA - IN CINQUE ORE DUE SCOSSE DI TERREMOTO IN PROVINCIA: Redazione- La terra torna a tremare nell'Aqulano, indìfatti nel pomeriggio e nella serata si sono rscontrate due scosse di terremoto, ben distinte dalla popolazione. Alle 16.03 con magnitudine 2.5 con epicentro a Scanno, ed in serata alle 21.47 a Capitignano.Si

SONO SOLO SEI BANALITA' IL PROGRAMMA DELLE SARDINE CHE, ALLA FINE, LE ANCHE PRETENDONO

Mattia Santori Mattia Santori

Redazione- Le attendevamo impazienti, queste benedette proposte politiche delle sardine. Le abbiamo viste scendere in piazza, riempire programmi televisivi, occupare prime pagine dei giornali. Sono un bel colpo d’occhio, ma dopo una decina di flash mob al grido “Bella Ciao” e “abbasso Lega” qualcuno aveva iniziato a chiedersi: sì, tutto bello, ma nel concreto cosa vogliono queste sardine? Qual è il loro progetto politico? Cosa immaginano per l’Italia di domani?

Qualche giorno fa Mattia Santori in tv promise: “Per il programma del nostro movimento aspettiamo la manifestazione di Roma”. Quel giorno è arrivato, Piazza San Giovanni era piena (100mila secondo gli organizzatori, 35mila per la questura) e tutti in trepidazione attendevano finalmente di scoprire il vero segreto delle sardine. Il programma in grado di dare nuovo slancio alla politica, la via da seguire per strappare l’Italia agli odiati populisti. Santori aveva in mano un foglietto, ci aspettavamo un discorso degno di nota. In fondo tutti i referenti locali (il contatore è arrivato a 113 piazze sparse in tutta Italia) hanno avuto un mese per redigere i punti programmatici. Un mese. E cos’hanno prodotto? Nulla, o quasi. Un topolino, più che un pesce. Un elenco di sei banalità sostanzialmente inutili per il Paese. L’unico sussulto riguarda il Decreto Sicurezza (e te pareva), l’odiosissima legge voluta da quel Matteo Salvini che è – alla fine – il vero ispiratore delle sardine. A Bologna sono nate contro il leghista e a Roma si sono riconfermate in grado soltanto di opporsi al Carroccio. Senza proporre granché.

Entriamo nel dettaglio. Il primo punto: “Pretendiamo che chi è stato eletto vada nelle sedi istituzionali a fare politica invece di fare campagna elettorale permanente”. Applausi. Secondo: “Pretendiamo che chiunque ricopre la carica di ministro, comunichi solo attraverso i canali istituzionali”. Ovazione. Terzo: “Pretendiamo trasparenza nell’uso che la politica fa dei social network, sia economica che comunicativa”. Acclamazione. Quarto: “Pretendiamo che il mondo dell’informazione protegga, difenda e si avvicini alla verità e traduca tutto questo sforzo in messaggi fedeli ai fatti”. Standing ovation. Quinta: “Pretendiamo che la violenza venga esclusa dai toni e dai contenuti della politica in ogni sua forma. E che la violenza verbale venga equiparata alla violenza fisica”. Evviva. Sesto: “Chiediamo di rivedere (dalla piazza gridano “abrogare”) il Decreto Sicurezza, c’è bisogno di leggi che non mettano al centro la paura ma il desiderio costruire una società inclusiva e che vedano la diversità come ricchezza non come minaccia”. Amen.

Vista la profondità di pensiero, mi immagino già lo sforzo per arrivare a sei. Dunque chiedere di scriverne dieci forse sarebbe stato un po’ troppo. Ma quel che sorprende è l’assenza di sostanza politica, sociale, economica. Abbassiamo le tasse o le alziamo? Firmiamo il Mes oppure no? Liberismo o statalismo? Mistero. L’unica cosa certa (in fondo sul palco sono salite pure le Ong) è che desiderano i porti aperti. Ma è un loro diritto provare a scardinare i dl Sicurezza. Dunque ben venga.

Quel che invece preoccupa sono i toni. Lo avevamo detto alla pubblicazione del manifesto: quando le senti parlare, le sardine puzzano di dittatura sinistra. I populisti non hanno diritto di essere ascoltati, loro invece “pretendono”. Non l’avete notato? Cinque delle sei proposte enunciare a Roma iniziano con quella parola. “Pretendo, pretendo, pretendo”. Come se tutto fosse loro dovuto. Invece in democrazia un programma si propone agli elettori, ci si candida e – una volta al potere – si cerca di applicarlo. Non si pretende alcunché.

L’erba voglio non cresce nemmeno nel giardino dei Re sardina.

Fonte:rassegneitalia.info

Ultima modifica ilLunedì, 13 Gennaio 2020 20:34

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.