BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'INFERNO E' SCESO IN ABRUZZO BRUCIA MEZZA REGIONE: Una giornata per la nostra regione da dimeticare, afferrata da ogni dove da incendi, sfollamenti e tanta paura.  La Costa dei Trabocchi è sotto l’attacco del fuoco, completamente bruciata la pinetina di Vallevò storico polmone verde sul mare che sovrasta l’omonimo CARSOLI - DOPO GIORNI SENZA POSITIVI TORNA UNA SEGNALAZIONE DI POSITIVITA': L'ASL ha comunicato al Sindaco elia Nazzarro, la positività di un cittadino Crseolano, si tratta di una persona non vaccinata, che in qesto moment si trova in isolamento fiduciario presso la propria abitazione.  CARSOLI- GRANDE SUCCESSO PER IL PRIMO RADUNO REGIONALE VESPA:  Una domenica all'insegna della Vespa, quella appena trascorsa a Carsoli, e tutto grazie al VESPA CLUB CARSOLI, e al suo presidente Fulvio De Santis. Una splendita manifestazione, ce ha portato nel borgo di Carsoli tantissime Vespa, recenti e datate, ma INCENDI, PD| PREOCCUPAZIONE, IMPEGNO MASSIMO E COESIONE NECESSARIA: Redazione- “Il Partito Democratico regionale esprime sconcerto e preoccupazione per la gravità dell’emergenza che stanno affrontando diversi territori, a cominciare dalla città di Pescara, a causa degli incendi che si sono sviluppati nella giornata di oggi”: lo dichiarano Michele Fina ARICCIA| FANTASTICHE VISIONI: Redazione- Palazzo Chigi di Ariccia (RM) ospita fino al 13 agosto Fantastiche Visioni, un’occasione per rivivere le bellezze architettoniche seicentesche, che incontrano quelle letterarie dell’Italia rinascimentale, la musica popolare e un ironico salto negli Anni Ottanta. Tutto questo attraverso un SOLIDARIETA' AL PROF. GRAVELLI, CAVALIERE AL MERITO DELLA REPUBBLICA: Redazione- “E' paradossale che da Galileo a Semmelweis la storia delle inutili repressioni del pensiero scientifico non abbia insegnato la prudenza alle autorita' decisionali” "Siamo pertanto completamente solidali con il il Prof. Garavelli, minacciato di provedimenti disciplinari per aver osato esprimere, pur in NELLA CHIESA DI SAN GIOVANNI AD AVEZZANO LE SPOGLIE MORTALI DELLA SERVA DI DIO MADRE MARIA TERESA CUCCHIARI: Redazione- Si è tenutai, 31 luglio, alle 10.30, nella chiesa di San Giovanni ad Avezzano, la solenne Celebrazione Eucaristica, presieduta dal Monsignor Pietro Santoro, dedicata alla Serva di Dio Madre Teresa Cucchiari, fondatrice, nel 1762, dell'istituto religioso femminile delle Suore NASCE SPAZIO TEVERE POINT: Redazione-  il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha inaugurato il Centro di Sosta Tevere Point, uno spazio gestito da Under35 volto ad agevolare la fruizione della Valle del Tevere e a consolidare il percorso ciclopedonale tra la Riserva Regionale TIQ | TEATRO IN QUOTA 2021 IL LINGUAGGIO PRESENTE (10 - 23 AGOSTO 2021): Redazione- Linguaggio: In senso ampio, la capacità e la facoltà, peculiare degli esseri umani, di comunicare pensieri, esprimere sentimenti, e in genere di informare altri esseri sulla propria realtà interiore o sulla realtà esterna, per mezzo di un sistema di MANTOVANELLI | PITTORE E SCENOGRAFO VENETO A L’AQUILA (1951-1981): Redazione- Neanche i tanti rinvii provocati dal Covid-19 sono riusciti a spegnere gli entusiasmi e a frenare le iniziative della One Gallery, che giovedì 5 agosto alle ore 17:30 riapre le sue porte a L’Aquila - Via Roma 67 con

MICHELE FINA INCONTRA LO STORICO GENTILONI E GIOVANNI LOLLI

Fina, Lolli, Gentiloni Fina, Lolli, Gentiloni

Redazione- La fase di costruzione della democrazia dal secondo Dopoguerra ai giorni nostri. Nel 64esimo incontro della rubrica di Michele Fina “Dialoghi. La domenica con un libro” è stato presentato il libro “Storia dell’Italia contemporanea 1943 – 2019” (Il Mulino), assieme all’autore Umberto Gentiloni, professore ordinario di storia contemporanea all’Università La Sapienza di Roma, e all’onorevole Giovanni Lolli.


 Per Fina il libro è “utile per leggere la fase attuale e affrontare i problemi di oggi. E’ un libro di storia che arriva alla cronaca. E’ un libro anche per non specialisti, sui problemi, sulle cesure, sulle questioni della storia e fa un servizio alla sua fruizione. Quello che spesso manca oggi è lo sforzo di usare la critica storica per interpretare il presente e decodificare il futuro”.

 
Giovanni Lolli l’ha definito un “libro acuto che ha diverse chiavi di lettura, tra cui racconto della democrazia come la storia di un tentativo di allargare continuamente, includere via via chi si sentiva escluso. C’è una fase ascendente che arriva fino agli anni Settanta del secolo scorso e una successiva. Nella prima fase questo processo è stato guidato dai partiti. Aldo Moro in particolare ha interpretato ogni tappa come il tentativo di allargare. C’era un disegno, che ha scontato ostacoli e opposizioni di ogni tipo. La morte di Moro coincide con un periodo diverso, il processo non è più guidato dalle classi dirigenti, che piuttosto hanno cominciato a seguirlo o a inseguirlo, come nel caso della riforma del Titolo V della Costituzione e dell’abolizione delle Province. In questa fase la periferia sociale e geografica si è sentita sempre più esclusa, un elemento dimostrato dal calo dell’affluenza alle urne che si riscontra a partire dagli anni Ottanta”.

 
Fina ha chiamato in causa le possibili analogie con la situazione attuale, con il momento in cui si viene fuori da una crisi paragonabile per alcuni versi a una guerra. Lolli ha concordato: “La pandemia potrebbe essere un nuovo inizio, ma ci sarà una classe dirigente che si comporterà come quella dei primi trent’anni della Repubblica? C’è stato già un momento di rottura in cui si potevano affrontare questi problemi già alla fine della Guerra Fredda, ma non vi ha corrisposto un disegno. Oggi siamo di fronte a una fase simile. L’Europa ci mette nelle condizioni di poter ridisegnare tutto, ma per me la questione della partecipazione è decisiva”, e perciò si potrebbe scontare, da questo punto di vista, il limite costituito dalle caratteristiche del governo tecnico.

 
Gentiloni ha spiegato: “E’ un libro pensato soprattutto per gli studenti. Una comunità nazionale vive e cresce se ha delle radici, infatti la molla principale che mi ha spinto a scriverlo è la crisi della cultura storica. La storia deve essere anche contemporanea, la cultura storica non si definisce sulla base della distanza dell’oggetto che si studia, altrimenti il rischio è che il racconto del passato avvenga in altro modo, anche attraverso le semplificazioni, le paure e le balle. La nostra storia è importante, questo Paese ha costruito fin quando è riuscito a farlo una democrazia di massa inclusiva. Fino agli anni Settanta le forze di governo e di opposizione vi hanno contribuito. La grande sfida è stata quella di permettere a uomini e donne di decidere della propria vita, l’idea nei 30 anni dopo la seconda guerra mondiale che i figli potessero vivere meglio dei genitori ha rappresentato il cammino dell’Occidente. Le conquiste affondano le radici nei sacrifici delle generazioni che ci hanno preceduto”.

 
Sullo stimolo offerto da Fina, l’autore ha detto: “Magari riuscissimo ad uscire da questa crisi come fatto dopo la guerra. La cosiddetta Prima Repubblica ha avuto una classe dirigente straordinaria, per coscienza e competenza. La classe dirigente del Dopo Guerra Fredda è stata guidata prevalentemente dal proprio interesse personale. Quella di oggi è una prova senza appello, gli errori sarebbero difficilmente riparabili. C’è bisogno di sintonizzare maggiormente l’Italia con il Mediterraneo, e di intervenire aggiornandoli sugli strumenti di partecipazione”, per coglierne le potenzialità.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.