BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
RAI - ALESSANDRO GRECO TORNA A CONDURRE, UNOMATTINA ESTATE: Alessandro Greco sarebbe pronto a ritornare su Rai1 alla guida di uno dei programmi estivi più seguiti dal pubblico italiano: Unomattina estate che aprirà i battenti il prossimo 3 giugno. L'indiscrezione arriva da TvBlog. La madre di Alessandro Greco, di ROMA - PAPA FRANCESCO IN VISITA A SORPRESA AD UNA PARROCCHIA DELLA BORGHESIANA: “Segreto quasi mantenuto”. Così papa Francesco ha commentato la sua visita a sorpresa, questo pomeriggio, a una parrocchia della periferia romana, San Giovanni Maria Vianney del quartiere Borghesiana, dove si è intrattenuto per un’ora con quasi 200 bambini del catechismo. GIULIANOVA - RINVENUTA NAVE ROMANA CON IL SUO CARICO AL LARGO: Una notizia fantastica, quella che ci arriva da Giulianova, infatti sembra eser stata seganalata al largo di Giulianova la presenza di una nave romana con il suo carico.la nave trasportava un carico considerevole di anfore, di cui alcune furono recuperate SANTE MARIE - ORSO GOLOSO DISTRUGGE APIARI: Con una nota, il Comune ha segnalato l'incursione di un Orso Marsicano, nel territorio di Sante Marie, in un campo dove c’erano delle arnie distruggendo i favi e disperdendo le api. Con l'improvviso alzamento delle temperature, ed il brusco calo EMISSIONE FRANCOBOLLO VESPA CLUB: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 20 aprile 2024 viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato al Vespa Club d’Italia, relativo al - LE ESPERIENZE DEL PICCOLO OCTO- | QUEL POLPO CHE INSEGNA LA DIVERSITÀ A GRANDI E BAMBINI: Redazione-  E’ un piccolo polpo grigiastro, molliccio e appiccicoso, con i suoi otto tentacoli e un gran testone, il protagonista del libro di Giovanna Candiani, dal titolo “Le esperienze del piccolo Octo”, edito da Aletti. “Una nuova amica” è il TAVOLA ROTONDA - A PROPOSITO DEL GRUPPO 70: CODICI, PAROLE, INTERAZIONI | GALLERIA D’ARTE MODERNA, MARTEDÌ 23 APRILE: Redazione-  Nell'ambito della mostra «La poesia ti guarda». Omaggio al Gruppo70 (1963-2023), a cura di Daniela Vasta, in corso alla Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale, il museo propone ai visitatori, martedì 23 aprile ore 18.00, una tavola rotonda di LA LETTURA CONTRO L'ATTESA, A FRANCAVILLA LA TUA COLLABORA CON "LIBRIDINE": Redazione-  C'è sempre più la necessità per le storie di essere trasversali, di abitare nei libri e non solo. Sempre più assistiamo a nuove modalità di fruizione delle storie, basti pensare agli audiolibri o al kindle. Alla luce di ciò, POSTE ITALIANE: MORINO, L’UFFICIO POSTALE SI PREPARA AD ACCOGLIERE I SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Redazione-  Poste Italiane comunica che l’ufficio postale di Morino da oggi, venerdì 19 aprile, è interessato da interventi di ammodernamento per migliorare la qualità dei servizi e dell’accoglienza. La sede infatti è inserita nell’ambito di “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, POSTE ITALIANE: NELLA GIORNATA CELEBRATIVA DEL 90° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ REALIZZATI UN ANNULLO SPECIALE E UNA: Redazione-  In occasione del 90° Anniversario della Fondazione dell’Istituto Superiore di Sanità, domani sabato 20 aprile, presso il Palazzo di viale Regina Elena a Roma si svolgerà una manifestazione celebrativa alla quale parteciperà il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Poste Italiane

NELLA RUBRICA DIALOGHI PRESENTATA CON LE CURATRICI LA NUOVA EDIZIONE DE - IL MITO E LA BELLEZZA -

Immagine Dialogo Immagine Dialogo

Redazione- “Le curatrici sono da ringraziare per il lavoro che hanno fatto con e su questo libro: un testo pubblicato in Italia nel 1991, negli anni in Italia resosi quasi introvabile nonostante fosse citato e richiamato in molti contesti e ambiti”: così ha esordito Marielisa Serone D’Alò in apertura del 154esimo incontro della rubrica “Dialoghi, la domenica con un libro”, dedicato alla presentazione della riedizione del libro di Naomi Wolf “Il mito della bellezza” (Edizioni Tlon). Con Serone D’Alò le curatrici Maura Gancitano (scrittrice, filosofa, fondatrice progetto Tlon) e Jennifer Guerra (scrittrice, giornalista, studiosa di tematiche di genere, femminismo e diritti LGBTQ+) e Michele Fina che ha sottolineato “l’importanza di incrociare Tlon, il suo progetto culturale fatto di una casa editrice, una libreria e tantissime iniziative: è un bell’esempio di cui parlare. Il libro è molto valido, e contemporaneo nonostante abbia trent’anni - in particolare l’ottavo capitolo sarebbe da leggere e rileggere ed esordisce così: ‘Il mito della bellezza ha contrastato le nuove libertà delle donne, spostando direttamente sul loro viso e sul loro corpo i limiti sociali imposti all’esistenza femminile’. Per provare che la questione sia urgente e attuale basta capire il nesso che lega la mistica della femminilità, il mito della bellezza con il controllo del corpo e la dittatura del conformarsi al modello: facendo questo si riesce a comprendere meglio fenomeni che sembrano distanti dal tema della bellezza come la violenza maschile sulle donne che invece di quelle dinamiche tossiche si nutre facendo del nostro Paese un posto in cui in cui gli omicidi diminuiscono e aumentano i fenomeni di femminicidio”.

Gancitano ha spiegato: “E’ un libro che ho letto diversi anni fa dopo avere fatto fatica a trovarlo. Ci siamo posti l’obiettivo di riportarlo in Italia. E’ iniziato un percorso di riedizione, con la sfida di riattualizzare molti elementi, prestare attenzione alle sensibilità attuali. Da qui è nata la richiesta di collaborazione a Jennifer Guerra, che ha fatto un importante lavoro anche di ricostruzione e persino di investigazione. In realtà il testo rimane molto attuale, al di là di alcune distinzioni e sfumature. Riesce ancora a descrivere la società in cui viviamo, tante ricerche hanno confermato la visione di Naomi Wolf. Questo è anche triste, testimonia come ancora le persone si trovino ad affrontare un conflitto con se stesse e il proprio corpo in un modo non molto diverso rispetto a quanto accadeva negli anni Novanta del secolo scorso”. Per Gancitano il testo “negli anni è stato un po’ dimenticato forse perché la questione della bellezza è stata considerata un po’ marginale, è sopravvissuta questa idea. Ci sono in realtà molti studi scientifici in cui il libro è citato. In Italia purtroppo delle questioni al centro del testo si è parlato poco, ma oggi è importante capire quello che accade, le dinamiche che portano a una certa rappresentazione femminile, e per capire quanto sia un falso tema quello della bellezza che purtroppo ancora viene percepito come importante per avere successo nella vita. Come scriveva Simone de Beauvoir, la donna viene vista da millenni come un oggetto e come l’Altro, anche quando comincia a entrare nello spazio sociale per migliorarsi. Accade di più a chi porta un corpo raccontato come più vulnerabile e giudicato rispetto agli altri, elemento collegato al fatto che gli uomini arrivano a considerare le donne una proprietà. E’ evidente l’intersezione con il dramma dei femminicidi. Per questo ‘Il mito della bellezza’ dovrebbe essere letto soprattutto dagli uomini, in un contesto in cui molte cose stanno cambiando e migliorando anche in Italia, sebbene ancora con molte resistenze culturali”.

Guerra ha raccontato: “Si è trattato della mia prima curatela, è stato anche un mettermi in gioco. La sfida non era semplice, c’erano tante edizioni da confrontare e allo stesso tempo attualizzare elementi mantenendo l’integrità del testo. Ci sono anche questioni che vanno chiarite perché la riflessione all’interno del femminismo è nel frattempo molto evoluta. Il libro è anche molto utile per la prospettiva che offre sul decennio degli anni Ottanta, spesso tralasciato nell’ambito del femminismo, che oggi nel dibattito pubblico è al centro anche per il percorso della ministra Roccella, caratterizzato dal passaggio dal femminismo al radicalismo estremo, arrivando a essere negli anni scorsi portavoce del Family Day. Non si tratta di un percorso unico a livello internazionale, si nota su due temi, l’aborto e la questione dei diritti transgender. Naomi Wolf cerca di capire come le donne nel momento in cui sono uscite dallo spazio domestico abbiano subito una sorta di contrattacco. Scrive che il mito della bellezza serve a indebolire le donne, a incanalare le loro energie in qualcosa che non è la loro liberazione, ed è in qualche modo funzionale alla marginalizzazione, all’oppressione, all’impossibilità di essere libere e autodeterminarsi fino anche a incontrare la violenza - visto che ribadisce un ordine sociale con un soggetto dominante maschile”.

La registrazione del dialogo è disponibile qui https://www.facebook.com/michelefina78/videos/910774030066139/?extid=NS-UNK-UNK-UNK-IOS_GK0T-GK1C&mibextid=1YhcI9R&ref=sharing

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.