BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI - SONO 251 GLI ATTUALI POSITIVI NEL TERRITORIO: Sono 251 gli attuali positivi . di cui 4 in ospedale, nel territorio Carseolano. Intanto l'amministrazione Comunale ha comunicato per domenica 23 Gennaio, una nuova giornata di screening con tamponi antigenici gratuiti per tutti i ragazzi che frequentano le scuole di L'AQUILA - IN CINQUE ORE DUE SCOSSE DI TERREMOTO IN PROVINCIA: La terra torna a tremare nell'Aqulano, indìfatti nel pomeriggio e nella serata si sono rscontrate due scosse di terremoto, ben distinte dalla popolazione. Alle 16.03 con magnitudine 2.5 con epicentro a Scanno, ed in serata alle 21.47 a Capitignano.Si è FOLDS OF TIME| IL PRIMNO VISEO- ALBUM DI MUMEX TRIO: Louis Siciliano, Roberto Bellatalla e Mauro Salvatore insieme per un Ulisse in musica: un viaggio sperimentale jazz e metafisico. Pensando a John Coltrane Redazione- Un Ulisse della musica che fa della ricerca la sua stessa ragion d’essere. Un viaggio sperimentale per RIGOPIANO, FINA| VICINI AI FAMILIARI DELLE VITTIME, LAVORARE PERCHE' GLI ERRORI NON SIANO RIPETUTI: Redazione- “Nel giorno del quinto anniversario della tragedia di Rigopiano, la comunità del Partito Democratico abruzzese esprime vicinanza ai familiari delle vittime. Il nostro auspicio è che il percorso processuale arrivi fino all’esaurimento, e che emergano in modo chiaro le TERAMO| #NOGREENPASS #NONTOCCATEIMINORI #NAZIONALE: Redazione- In merito all’articolo pubblicato sul messaggero di quest’oggi “Poliziotti come buttafuori: i clienti senza green pass bloccati all'ingresso del locale” []fatti accaduti a Teramo di fronte al locale LA CONTEA di M. Z. Di seguito le dichiarazioni di NICO LIBERATI CASOLI CITTÀ DELLA MEMORIA: L’ambasciatore sloveno inaugurerà il “Memoriale europeo dell’ex campo fascista di Casoli (CH)” il 27 gennaio 2022 in occasione del Giorno della Memoria Redazione- Verrà inaugurato giovedì 27 gennaio 2022, nel pieno rispetto delle norme anti covid-19, in occasione del Giorno LEGA| SPACCIATORE PERCEPIVA SUSSIDIO A PESCARA, RIVEDERE NORME EROGAZIONE: Redazione- “Ennesima truffa del Rdc: questa volta, accusato di percepire indebitamente il sussidio uno spacciatore. Grazie all’ottimo lavoro della Guardia di Finanza di Pescara sono stati sequestrati a casa del presunto pusher 45 chili di marijuana per un valore di ESCE RITRATTO DI UN SOGNO 2| L'ALTA MODA VISTA ATTRAVERSO LE BIOGRAFIE DI 7 STILISTE ITALIANE: Redazione- Il 12 dicembre presso la meravigliosa location dell’hotel Abitart****(Roma) si è tenuta la conferenza stampa per il lancio del nuovo libro Ritratto di un Sogno vol. II edito da SG MEDIA AGENCY e scritto in collaborazione con la fashion TRIBUNALI, DI GIROLAMO (M5S): EMENDAMENTO GRIPPA-M5S ALLA CAMERA PER PROROGA E DOTAZIONE DI PERSONALE: Redazione- Voglio ringraziare la collega parlamentare del Movimento 5 Stelle Carmela Grippa che alla Camera dei Deputati ha presentato un argomentato emendamento al decreto Milleproroghe per mantenere in attività i tribunali abruzzesi di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto. Alla proposta DIRITTO E MITO NELLA RUBRICA DI MICHELE FINA: Redazione- Nel 94esimo incontro della rubrica di Michele Fina “Dialoghi, la domenica con un libro” sono stati ospiti Luciano Violante (presidente emerito della Camera dei deputati, presidente della Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine) e Fabrizio Di Marzio (professore ordinario

FESTA DI NATALE ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA DI CARSOLI.RITA CONTI APRE IL CONFRONTO CON UNA LETTERA APERTA

Carsoli-Nel merito della festa di Natale alla scuola dell’infanzia di  Carsoli, da noi recensita con questo articolo:http://cavalierenews.it/ultim-ora/item/5219-i-bambini-testimoni-di-gioia-e-fede,-intensa-celebrazione-liturgica-con-la-scuola-dell-infanzia-di-carsoli.html , riceviamo ed integralmente pubblichiamo questa lettera aperta inviata da Rita Conti:

Sono la nonna di due bambini frequentanti la scuola dell’infanzia di Carsoli e sono un’insegnante di una scuola pubblica  da più di trent’anni.  Ho partecipato alla festa di natale della scuola, poichè il mio nipotino mi ha chiesto di andarlo a vedere in chiesa. 

Tra me e me mi son chiesta “perché in chiesa” ed ho pensato che forse era per motivi di spazio e per mettere insieme il festeggiamento con qualche aspetto più legato alla religione. Sinceramente non mi aspettavo una Santa Messa. Chiarisco subito che non sono atea, ne ho nulla contro la religione cattolica o qualunque altra, anzi, la dimensione spirituale e della religiosità è un aspetto insito nella persona. Non sono praticante, per diversi motivi che non è necessario specificare in questa sede. Le mie riflessioni, a proposito della festa, vanno in una direzione esclusivamente pedagogica e rispettosa delle caratteristiche dell’infanzia compresa tra i tre e cinque anni.

Come insegnante sostengo il valore di una scuola inclusiva, di un contesto educativo che sappia mettere insieme ogni differenza e sappia dare ad essa la considerazione che merita, senza giudizi e senza pretese di scale di valori più rispettabili o meno.

Oggi ho ascoltato una frase all’inizio della festa, che mi ha lasciato un po’ di amarezza e a dirla tutta anche qualche punta di fastidio ..”siamo orgogliosi della nostra tradizione”….

mi chiedo: Perché orgogliosi della “nostra” , ogni tradizione è un pezzetto di mondo e come insegnante sono orgogliosa dei  miei alunni quando mi regalano racconti delle loro tradizioni che vengono da ogni parte del mondo perché arricchiscono una comunità educativa  che cresce come comunità nella quale si riconosce la differenza del singolo.

La scuola pubblica è laica, ma non voglio ricadere nelle infruttuose polemiche che ben si prestano a speculazioni che non condivido.  Ai miei nipotini ho raccontato la storia del Natale, come una fiaba vera e i protagonisti sono una mamma e un papà che aspettano la nascita del loro bambino che si chiamerà Gesù e insieme a loro lo aspettano in tanti e quando nasce tutti vanno a trovarlo, poiché si dice che quel bimbo sia nato per salvare il mondo  e le persone.

In un contesto storico come quello di adesso, nulla di più attuale e necessario di questa fiaba vera: famiglie erranti e bimbi che nascono nel faticoso viaggio di tante vite , ma ogni bimbo che nasce  e tutti i bimbi stupendi che oggi erano lì sono dei “salvatori” se sappiamo farli crescere non con l’orgoglio di un’unica tradizione o di un unico modello ma con la capacità di accogliere e guardare più in la di un ristretto orizzonte. Dov’erano oggi i bambini e le famiglie che danno un altro nome a Dio o non lo chiamano affatto perché hanno una visione diversa della vita ? E se erano li,  come hanno potuto rispondere  ad un  rito cattolico che ignorano? Saranno stati in silenzio e se non erano li perché in una chiesa non si sentono a casa loro saranno stati degli esclusi.

Signor Parroco, quando lei ha parlato del corpo e del sangue di Gesù, provando a dire ai bimbi che Gesù sarebbe venuto , ha pensato che i bimbi così piccoli non accedono al simbolo,  ma  alle parole danno un senso letterale. Cos’avranno pensato e provato?

Grazie comunque all’impegno delle insegnanti che in queste circostanze mettono in gioco sempre tante energie. Grazie  a chi pur non chiamando Dio col nostro nome o non chiamandolo affatto ha risposto con rispettoso silenzio. Posso permettermi di dire che la “festa di oggi non risponde all’indicazione della cometa?

Auguri di buona vita a tutti

Rita Conti

P.S. tanto per chiarire: non appoggio la corrente dei contrari alle feste di Natale a scuola;  ho apprezzato molto quella dello scorso anno, durante la quale sono stati protagonisti i bambini che con la loro spontaneità  hanno egregiamente dato vita alla fiaba vera del Natale.”

Ultima modifica ilVenerdì, 18 Dicembre 2015 23:35

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.