BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ROCCA DI BOTTE - MAXI SCHERMO IN PIAZZA PER GLI EUROPEI DI CALCIO, ORGANIZZATO DALLA PRO-LOCO: Redazione-  Una splendita iniziativa della PRO LOCO di Rocca di Botte, un maxi schermo in piazza, per seguire gli Europei, la nazionale di calcio. ⚽️?In occasione degli Europei 2024, la Pro Loco di Rocca di Botte vi aspetta per tifare NICOLA PIOVANI INAUGURA L’VIII EDIZIONE DELL’ORVIETO FESTIVAL: Redazione-  L’Orchestra Filarmonica Vittorio Calamani diretta da Nicola Piovani sabato 7 settembre alle ore 21 inaugurerà l’VIII edizione dell’Orvieto Festival della Piana del Cavaliere, in programma quest’anno dal 5 al 15 settembre, con il concerto di apertura Tre Fenomeni, realizzato ANGELO SANTANGELO | UN PASSO DALLA LUNA: Redazione- Dal 14 giugno 2024 è in rotazione radiofonica “Un passo dalla luna”, il nuovo singolo di Angelo Santangelo disponibile su tutte le piattaforme digitali di streaming dal 7 giugno. “Un passo dalla luna” è un brano dalle sonorità pop, AL VIA LA MOSTRA ARTISTE A ROMA. PERCORSI TRA SECESSIONE, FUTURISMO E RITORNO ALL’ORDINE | CASINO DEI PRINCIPI DI VILLA: Redazione-  Al Casino dei Principi di Villa Torlonia, dal 14 giugno al 06 ottobre 2024, arriva la mostra Artiste a Roma. Percorsi tra Secessione, Futurismo e Ritorno all’Ordine.L’esposizione, a cura di Federica Pirani, Annapaola Agati, Antonia Rita Arconti e Giulia ESTATE DELL'ARATRO, A PIANELLA OPPORTUNITÀ PER ARTISTI: Redazione-  Per il 30 giugno, in occasione della festa di apertura dell'Estate dell'Aratro del Direttore artistico Franco Mannella a Pianella (PE), Arotron mette a disposizione il palco Gran Sasso per brevi performance da incastrare tra di loro e creare un’armonia ALBERTO BAGNAI (COMMISSIONE ENTI GESTORI) SU SISTEMA PREVIDENZIALE: - AGGRAVIO DELLA SOSTENIBILITA’ DEL SISTEMA DOVUTO A DELIBERATE STRATEGIE DI AUSTERITA’: Redazione-  “La stasi del Pil che ci portiamo dietro dal 2008, e quindi l’aggravio della sostenibilità dei sistemi previdenziali, è stato dovuto a deliberate strategie di austerità”. Lo ha affermato il presidente della Commissione di controllo sull’attività degli Enti Gestori VITTORIO VERTONE DALLA BIENNALE DI VENEZIA ARTE A PESCARA: Redazione-  Sabato 15 giugno dalle ore 17:00, presso lo Stabilimento Balneare “Il nuovo Tramonto” a Pescara sud (Via Primo Vere 27), live performance on the beach con Vittorio Vertone già ospite della 58 Biennale di Venezia Arte 2019, e di TRUMP – SCONFIGGE - BIDEN SUL NUMERO DI GUAI GIUDIZIARI: Redazione-  “Nessuno è al di sopra della legge, nemmeno il figlio del presidente”. Così l'editoriale del Washington Post commentando la recente condanna di Hunter Biden per possesso illegale di un'arma da fuoco. Hunter, il figlio dell'attuale presidente, potrebbe essere condannato L’ENSEMBLE VIVALDI DE “I SOLISTI VENETI” IN CONCERTO PER LA GIORNATA EUROPEA DELLA MUSICA: Redazione-  Venerdì 21 giugno, alle ore 20.45, l’auditorium ex Chiesa di Santa Croce ospiterà un concerto dell’Ensemble Vivaldi de “I Solisti Veneti”. In occasione della Giornata Europea della Musica, l’Ensemble Vivaldi de “I Solisti Veneti” proporrà il seguente programma: Giuseppe Tartini, Sonata A PESCINA IL PRIMO FESTIVAL SILONIANO: A seguire la 27^ed.del Premio Internazionale Ignazio Silone, con gli spettacoli di Massimo Ranieri, Giuliano Palma ed Anna Oxa Redazione-  Nella Città di Pescina (Aq) è prevista una speciale estate 2024, non solo all'insegna della cultura, con la XXVII Ed.del Premio

FESTA DI NATALE ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA DI CARSOLI.RITA CONTI APRE IL CONFRONTO CON UNA LETTERA APERTA

Carsoli-Nel merito della festa di Natale alla scuola dell’infanzia di  Carsoli, da noi recensita con questo articolo:http://cavalierenews.it/ultim-ora/item/5219-i-bambini-testimoni-di-gioia-e-fede,-intensa-celebrazione-liturgica-con-la-scuola-dell-infanzia-di-carsoli.html , riceviamo ed integralmente pubblichiamo questa lettera aperta inviata da Rita Conti:

Sono la nonna di due bambini frequentanti la scuola dell’infanzia di Carsoli e sono un’insegnante di una scuola pubblica  da più di trent’anni.  Ho partecipato alla festa di natale della scuola, poichè il mio nipotino mi ha chiesto di andarlo a vedere in chiesa. 

Tra me e me mi son chiesta “perché in chiesa” ed ho pensato che forse era per motivi di spazio e per mettere insieme il festeggiamento con qualche aspetto più legato alla religione. Sinceramente non mi aspettavo una Santa Messa. Chiarisco subito che non sono atea, ne ho nulla contro la religione cattolica o qualunque altra, anzi, la dimensione spirituale e della religiosità è un aspetto insito nella persona. Non sono praticante, per diversi motivi che non è necessario specificare in questa sede. Le mie riflessioni, a proposito della festa, vanno in una direzione esclusivamente pedagogica e rispettosa delle caratteristiche dell’infanzia compresa tra i tre e cinque anni.

Come insegnante sostengo il valore di una scuola inclusiva, di un contesto educativo che sappia mettere insieme ogni differenza e sappia dare ad essa la considerazione che merita, senza giudizi e senza pretese di scale di valori più rispettabili o meno.

Oggi ho ascoltato una frase all’inizio della festa, che mi ha lasciato un po’ di amarezza e a dirla tutta anche qualche punta di fastidio ..”siamo orgogliosi della nostra tradizione”….

mi chiedo: Perché orgogliosi della “nostra” , ogni tradizione è un pezzetto di mondo e come insegnante sono orgogliosa dei  miei alunni quando mi regalano racconti delle loro tradizioni che vengono da ogni parte del mondo perché arricchiscono una comunità educativa  che cresce come comunità nella quale si riconosce la differenza del singolo.

La scuola pubblica è laica, ma non voglio ricadere nelle infruttuose polemiche che ben si prestano a speculazioni che non condivido.  Ai miei nipotini ho raccontato la storia del Natale, come una fiaba vera e i protagonisti sono una mamma e un papà che aspettano la nascita del loro bambino che si chiamerà Gesù e insieme a loro lo aspettano in tanti e quando nasce tutti vanno a trovarlo, poiché si dice che quel bimbo sia nato per salvare il mondo  e le persone.

In un contesto storico come quello di adesso, nulla di più attuale e necessario di questa fiaba vera: famiglie erranti e bimbi che nascono nel faticoso viaggio di tante vite , ma ogni bimbo che nasce  e tutti i bimbi stupendi che oggi erano lì sono dei “salvatori” se sappiamo farli crescere non con l’orgoglio di un’unica tradizione o di un unico modello ma con la capacità di accogliere e guardare più in la di un ristretto orizzonte. Dov’erano oggi i bambini e le famiglie che danno un altro nome a Dio o non lo chiamano affatto perché hanno una visione diversa della vita ? E se erano li,  come hanno potuto rispondere  ad un  rito cattolico che ignorano? Saranno stati in silenzio e se non erano li perché in una chiesa non si sentono a casa loro saranno stati degli esclusi.

Signor Parroco, quando lei ha parlato del corpo e del sangue di Gesù, provando a dire ai bimbi che Gesù sarebbe venuto , ha pensato che i bimbi così piccoli non accedono al simbolo,  ma  alle parole danno un senso letterale. Cos’avranno pensato e provato?

Grazie comunque all’impegno delle insegnanti che in queste circostanze mettono in gioco sempre tante energie. Grazie  a chi pur non chiamando Dio col nostro nome o non chiamandolo affatto ha risposto con rispettoso silenzio. Posso permettermi di dire che la “festa di oggi non risponde all’indicazione della cometa?

Auguri di buona vita a tutti

Rita Conti

P.S. tanto per chiarire: non appoggio la corrente dei contrari alle feste di Natale a scuola;  ho apprezzato molto quella dello scorso anno, durante la quale sono stati protagonisti i bambini che con la loro spontaneità  hanno egregiamente dato vita alla fiaba vera del Natale.”

Ultima modifica ilVenerdì, 18 Dicembre 2015 23:35

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.