BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ABRUZZO - L'OLIO DEL NOSTRO TERRITORIO APPREZZATO DA INTENDITORI DI TUTTO IL MONDO: L'olio extravergine di oliva conquista la fiducia di buyer e visitatori. E' quanto emerso dal Salone internazionale del Sol, l'esposizione dedicata all'olio di oliva in fase di svolgimento a Verona. L'evento si svolge in concomitanza con il Vinitaly. Sono 15 ABRUZZO - DUE MILIONI A DISPOSIZIONE PER ARCHITETTURA E PAESAGGIO RURALE: "La Regione Abruzzo avrà a disposizione 2 milioni per investire sulla tutela e la valorizzazione dell'architettura e del paesaggio rurale, grazie alle risorse stanziate con il Decreto Ministeriale del 7 marzo 2024, n.92. Si tratta di una nuova ripartizione dei L'AQUILA - TERZO INCONTRO IN PREFETTURA PER LA SICUREZZA DI AVEZZANO E DELLA MARSICA: Si è svolta in Prefettura, dando seguito all’iniziativa varata dal Prefetto dell’Aquila, Giancarlo Di Vincenzo, la terza riunione del Tavolo per la sicurezza di Avezzano e della Marsica, organismo costituito per il costante monitoraggio sulla situazione della sicurezza nell’area, allo CATANIA - 31ENNE OPERAIO MUORE SCHIACCIATO DALL'ASCENSORE DURANTE LA MANUTENZIONE: Una tragedia, l'ennesima sul lavoro, questa volta ha perso la vita un giovane di 31 anni. Il giovane, manutentore di ascensori. Il giovane è morto dopo essere rimasto incastrato tra la cabina e la porta di un piano dell'elevatore di CAMPLI FLEGREI - ALLARME DELLA TV SVIZZERA " IMMINENTE ERUZIONE E TERREMOTO, NAPOLI SEPOLTA DA TRENTA METRI DI CENERE ": In un documentario della TV pubblica svizzera Rsi, viene prevista una catastrofe imminente per Napoli e oltre, a causa di un'eruzione ai Campi Flegrei.Gli studiosi intervistati nel programma esprimono preoccupazioni serie riguardo alla portata devastante dell'eruzione, contraddicendo le ipotesi del PESCARA - TORNA LA MOSTRA MERCATO DEL FIORE " FLORVIVA ": Torna a Pescara la grande mostra mercato dei fiorni e delle piante. Giunta alla 46esima edizione, la manifestazione si terrà nel long weekend che va dal 25 al 28 aprile al porto turistico Marina di Pescara. Oltre 150 gli espositori CARSOLI, CI HA LASCIATO ENZO MARCELLI ( SICILIANO PER TUTTI I CARSOLANI ): Redazione- Ci ha lasciato Enzo Marcelli, (Siciliano per tutti noi carsolani ) icona storica del nostro paese. Carnaby Street, il mercante della moda. Fai buon viaggio zio Enzo (Siciliano) e che la terra ti sia lieve. Un abbraccio forte sentite LILCIU | VORREI SAPER: Redazione-  Dal 19 aprile 2024 è in rotazione radiofonica “Vorrei saper”, il nuovo singolo di LILCIU disponibile su tutte le piattaforme di streaming digitale dal 12 aprile."VORREI SAPER" è un brano che mescola sonorità trap e house, con un pizzico ARTI MARZIALI: “EXECUTIVE FIVE TRAINING AL CENTRO TECNICO FEDERALE DELLA FIJLKAM LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI CARLO MASSONI E MARCO: Redazione-  “Executive five training, esercizi per la prevenzione degli infortuni negli sport di combattimento e nelle arti marziali è il volume scritto dal medico Carlo Massoni e dal personal trainer Carlo Mancini, che sarà presentato giovedì 18 aprile, alle ore POSTE ITALIANE: MOMPEO E ORVINIO, ARRIVANO ANCHE IN ALTRI DUE UFFICI POSTALI REATINI I SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Redazione-  Poste Italiane comunica che da oggi gli uffici postali di Mompeo (viale Regillo, 21) e Orvinio (Piazza del Comune 3), sono interessati dagli interventi previsti da “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, il progetto aziendale per rendere semplice e

LA NUOVA STRATEGIA DI TRUMP CONTRO L'ISIS: TRUPPE DI TERRA, RAID MIRATI E COLLABORAZIONE CON PUTIN E ASSAD

LA NUOVA STRATEGIA DI TRUMP CONTRO L'ISIS: TRUPPE DI TERRA, RAID MIRATI E COLLABORAZIONE CON PUTIN E ASSAD Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Redazione-James Woolsey, 75 anni, è repubblicano ma è stato vice-ministro della Marina con Billy Carter e direttore della Cia con Bill Clinton. Poi è rispuntato nel ruolo di consigliere per la Sicurezza Nazionale nella campagna elettorale di Donald Trump e ora è in lizza per la carica di ministro della Difesa nel governo che il nuovo Presidente si appresta a formare. La sua, dunque, non è voce da poco. Colpisce quindi sentirgli dire che contro l’Isis, in Iraq e in Siria, occorre intensificare gli sforzi e, se e dove necessario, inviare truppe sul terreno.

La nuova ricetta colpisce per due ragioni. La prima è che va nella direzione esattamente opposta a quella che dal 2014, cioè dal’irruzione dell’Isis in Iraq con la conseguente proclamazione del Califfato di Al Baghdadi, è stata applicata dall’amministrazione Obama, convinta che bastassero i bombardamenti per fiaccare i miliziani. In questo lasso di tempo l’Isis ha massacrato decine di migliaia di innocenti e depredato le risorse di un terzo del’Iraq e di metà della Siria, senza che il duo Obama-Clinton battesse ciglio. E le uniche vere vittorie militari sul Califfato, a Fallujah e forse ora a Mosul, come peraltro in Siria, sono state ottenute laddove, appunto, sono state impiegate truppe di terra, fossero quelle dell’esercito iracheno, dei peshmerga curdi, dei miliziani sciiti addestrati dall’Iran in Iraq o dell’esercito regolare di Assad.

La seconda ragione per cui le parole di Woolsey colpiscono è questa: riflettono al millimetro quanto da più di due anni tutti gli esponenti delle comunità cristiane del Medio Oriente, soprattutto quelle di Iraq e Siria, ripetono. Già a quel’epoca, per esempio, Sua Beatitudine Louis Raphael I Sako, patriarca della Chiesa cattolica caldea irachena, supplicava la coalizione americo-saudita di cambiare strategia, convinto che l’Isis non sarebbe mai stato sconfitto con i soli bombardamenti. E infatti: dopo migliaia di incursioni aeree, siamo ancora a chiederci quando ri-prenderemo Mosul, mentre andiamo scoprendo sempre nuove fosse comuni di civili innocenti.

Ma la ragione per cui non si è mai dato retto ai cristiani mediorientali, con regola ferrea oscurati dai grandi media tradizionali, è resa chiarissima proprio da questo cambio di strategia legato al cambio di Presidente negli Usa. Obama voleva abbattere Assad e quindi anche l’Isis, creatura delle monarchie petrolifere del golfo Persico tradizionali alleate degli Usa, poteva tornar utile allo scopo. Trump vuole abbattere l’Isis e sconfiggere il terrorismo, quindi anche Assad, per non parlare di Putin, può tornar utile. Alla gente del Medio Oriente la sentenza, peraltro già emessa da tempo, su quale atteggiamento a essa convenga.(Fonte:riscattonazionale.it)

Daesh

Ultima modifica ilMercoledì, 23 Novembre 2016 17:12

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.