BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'AQUILA - L'AQUILA 1927 FEMMINILE SI RITIRA DAL CAMPIONATO DI SERIE C FEMMINILE: L'Aquila 1927 femminile non scenderà più in campo almeno fino al termine della stagione di serie C.Lo si apprende da una comunicazione ufficiale della società riportata anche sui propri canali social. "Nel sottolineare che i propri impegni sono stati onorati sotto GIULIANOVA - TRAGEDIA,FRATELLO E SORELLA MUOIONO LO STESSO GIORNO IN CIRCOSTANZE DIVERSE: Una tragedia che ha sconvolto un intero paese, quello di Giulianova. Un noto commerciante della zona, di 67 anni, si è tolto la vita all'interno della propria vettura in circostanze drammatiche. Subito dopo, una nipote appresa la notizia, ha cercato COCULLO - IL RITO DEI SERPARI, AL VIA L'ITER PER LA CANDITATURA UNESCO: Redazione-  Riprende con nuovo impulso l'iter per la candidatura a patrimonio immateriale Unesco della festa di san Domenico abate di Cocullo, più conosciuta come "Rito dei Serpari", ritenuta non solo una vetrina per il piccolo borgo, ma anche per gli PROFUMI D'ABRUZZO - POMODORO PERA D'ABRUZZO VARIETA' ANTICA E PREZIOSA: Redazione-  Il pomodoro pera abruzzese ha sostenuto l’economia della regione per secoli. Ma negli anni ’70, con l’arrivo del pomodoro ibrido industriale, più resistente e facile da coltivare, questa varietà stava andando perduta. Grazie al progetto di recupero della Regione ABRUZZO IN TAVOLA - LA PIZZA SCIMA ANTICA RICETTA DEL 600: Redazione-  La storia della pizza scema parte da lontano. Nella ricetta si fondono le influenze della panificazione romana e la tradizione gastronomica giudaica. A partire dalla fine del 1600 infatti, in seguito a un terribile maremoto che decimò le popolazioni COSENZA - GRANDE EVENTO DI PIZZICA SALENTINA A LATTARICO: Redazione-  Grande evento di Pizzica Salentina a Lattarico, in provincia di Cosenza. LA SCUOLA DELLE NOSTRE TRADIZIONI di Valentina Donato e Fortunato Stillittano, presenta Stage di Pizzica Salentina con i maestri STEFANO CAMPAGNA ( BALLERINO della notte della Taranta ) PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO - I CUCCIOLI DELL'ORSA AMARENA SONO DUE MASCHI E SONO USCITI DAL LETARGO: Redazione-  Sono usciti allo scoperto, dopo il periodo del letargo e stanno bene i due orsi figli di Amarena, uccisa a fucilate il 31 agosto scorso a San Benedetto dei Marsi, a pochi passi dai due cuccioli di pochi mesi SCURCOLA MARSICANA - LA SCOSSA DI TERREMOTO IN SERATA BEN DISTINTA SUL TERRITORIO: La scossa di terremoto alle 22.11 a 4 km di profondità, con 3.1 di magnitudo, è stata ben distinta dalla popolazione, ma anche nel territorio di Tagliacozzo, Carsoli ed addirittura ad Agosta in provincia di Roma. Una scosssa ben distinta, SCURCOLA MARSICANA - TRE LE SCOSSE DI TERREMOTO NELLA GIORNATA: Redazione-  Sono tre le scosse di terremoto avvertite nella giornata di oggi a Scurcola Marsicana. La prima scossa è stata registrata alle 11.56 a 5 km di profondità, con 1.3 di magnitudo. In serata due scosse, una ben distinta dalla PIANA DEL CAVALIERE - DOPO I LIMITI DI VELOCITA' VOLUTI DALL'ANAS SULLA SS83 MARSICANA, QUANDO ARRIVERA' L'ORDINANZA PER LA TIBURTINA: L'Anas nella giornata di oggi a emesso l'ordinanza 55/2024/AQ per ridurre il limite di velocita' a 50 km/h e divieto assoluto di sorpasso, su gran poarte della SS 83 Marsicana, per le continue scorribande dei centauri nel fine settimana. Il

MUSLIM BAN, PRIMA VITTORIA PER DONALD TRUMP

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Redazione-Donald Trump incassa una prima, importante dal punto di vista simbolico anche se parziale, vittoria nella battaglia legale per il suo travel ban , da mesi bloccato dai giudici federali. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha infatti permesso la reintroduzione di una versione ridotta dell'ordine esecutivo con cui la Casa Bianca ha cercato di bloccare l'ingresso nel Paese di cittadini di sei Paesi musulmani.La Corte - nella quale siede dallo scorso aprile Neil Gorush, il giudice nominato da Donald Trump e confermato dal Senato solo dopo che i repubblicani hanno forzato la mano cambiando le procedure di voto - infatti ha accettato che il divieto venga imposto ai cittadini di Libia, Iran, Somalia, Sudan, Siria e Yemen a meno che non possano "rivendicare in modo credibile una relazione di fiducia con una persona o un'organizzazione negli Stati Uniti".

E in assenza di uno sponsor verrà anche bloccato l'ingresso di tutti i rifugiati nel Paese. Le nuove misure potranno entrare in vigore entro 72 ore e avranno valore dai 3 mesi. La Corte ha poi accettato di ascoltare gli argomenti sulla legalità dell'intero bando il prossimo autunno, a partire dal primo lunedì di ottobre, permettendo quindi a parti del divieto di essere in vigore per l'intera estate.

Nella sentenza emessa oggi dalla Corte si specifica che preservare la sicurezza nazionale è "un obiettivo urgente" e imporre il divieto di ingresso a chi non possa dimostrare legami all'interno degli Stati Uniti "non impone nessuna avversità legalmente rilevante al cittadino straniero". Una posizione che i giudici conservatori Clarence Thomas e Samuel Aliton, insieme al giudice nominato da Trump, hanno considerato anche troppo moderata dal momento che volevano revocare del tutto il blocco imposto al bando.

Sono stati almeno cinque i giudici che hanno votato per la reintroduzione parziale del bando, e almeno 4 per decidere di accettare di ascoltare il ricorso del governo. Tradizionalmente la Corte Suprema è riluttante ad accettare di farsi coinvolgere a meno che sulla questione corti di grado inferiore siano arrivate a sentenze contrastanti tra loro.

Ma questo non è il caso del travel ban dal momento che due differenti corti d'appello hanno raggiunto la stessa decisione, anche se con motivazioni diverse. Una ha bloccato la misura sostenendo che discrimina i musulmani mentre l'altra ha affermato che viola l'applicazione della legge sull'immigrazione.

La decisione della Corte Suprema è "una chiara vittoria per la nostra sicurezza nazionale" ha commentato Donald Trump esultando per la decisione dei sommi giudici americani. "Come presidente non posso far entrare nel nostro Paese persone che vogliono farci del male - continua la dichiarazione del presidente - voglio persone che possano amare gli Stati Uniti e i suoi cittadini, che lavorino sodo e siano produttivi".

Permettendo al governo americano di vietare l'ingresso dei cittadini di sei Paesi a maggioranza musulmana che non hanno legami con individui e organizzazioni americane, la Corte Suprema permette così di "usare un importante strumento per proteggere la nostra sicurezza nazionale", ha concluso

Trump.

Ultima modifica ilGiovedì, 06 Luglio 2017 12:16

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.