BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI - ERA IL 25 MAGGIO DEL 1944, UN COLPO ALLA TESTA DI UN NAZISTA, TOLSE LA VITA A FERRANTE: Il 25 maggio 1944 fu uccisa con un colpo di pistola Elvira Ferrante, legata a formazioni partigiane(nella zona operava la banda partigiana Madonna del Monte). L’episodio avvenne a Carsoli,presso il ponte: la località era già da tempo luogo di internamento CARSOLI - OTTANTANNI FA IL PAESE, SOTTO I BOMBARDAMENTI, VENNE RASO AL SUOLO: Era il 16 Aprile del 1944, Carsoli venne bombardata ripetutamente, riportando molte perdite civili, ed il paese bìvenne raso al suolo per la totalità. Nel 2004, il presidente della Repubblica Italiana conferi' alla cittadinanza di Carsoli, la medaglia d'Argento al CAMPLI FLEGREI - LA TERRA NON HA PACE, CONTINUANO LE SCOSSE DI TERREMOTO: Uno sciame sismico intenso, quello che in queste ore si sta registrando nel Napoletano, nella zona dei Campli Freglei. Una lista lunghissima, infatti,dalle 9.35, che ha contato oltre 70 eventi di varia intensità in un lasso di tempo ridotto, e MUORE IL CALCIATORE MATTEO GIANI, AVEVA AVUTO UN ARRESTO CARDIACO IN CAMPO, AVEVA 26 ANNI: Purtroppo questa mattina il cuore di Mattia Giani, ha smesso di battere. La gravità dell’accaduto, durante la partita di calcio, è stato subito chiaro a tutti i presenti allo stadio di Campi Bisenzio, struttura che ospitava il Castelfiorentino. Mattia, 26 CINEMA - 57 ANNI FA SI SPEGNEVA UNA STELLA, MORIVA IL GRANDE TOTO': Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, per l’eternità noto come Totò, lo aveva previsto: solo alla sua morte gli avrebbero riconosciuto lo status di grande artista e così fu, nonostante la sua poesia CARSOLI - FIORI E COLORI PER IL MONUMENTO AI CADUTI: Il sindaco, Velia Nazzarro, insieme all'amministrazione comunale, ha voluto porgere ai nostri caduti un po di colore, e note profumate, inserendo nel complesso del monumento dei caduti, dei fiori, nella iuole adiacenti al memoriale. Un gesto che rende il luogo GROTTAFERRATA - "GROTTA PICCANTE PEPERONCINO DI VINO" CON GLI ERRESEI, PIZZICA E TARANTE INFUOCHERANNO LA PIAZZA: A Grottaferrata, dal 19 al 21 aprile torna la manifesta dedicata al connubio tra il vino locale del il peperoncino: Grotta Piccante, Peperoncino Di Vino. Un felice connubio che vede anche il festeggiamento del patto di amicizia fra i comuni AVEZZANO - TROVATO SENZA VITA IN CASA L'AVVOCATO CARLO LUCCI: La notizia è appena arrivata in redazione. Un tragedia che ha sconvolto la comunità di Avezzano , e del mondo degli avvocati. Subito dopo pranzo è stato trovato senza vita il 58enne avvocato avezzanese Carlo Lucci.Sembrerebbe, le cause della morte, UN ANNO FA MORIVA A NEW YORK MARIO FRATTI: Inaugurato all’Istituto Italiano di Cultura un Archivio in onore del grande drammaturgo abruzzese     Redazione – Un anno fa, il 15 aprile, Mario Fratti moriva nella sua bella casa al 146W della 55^ Strada di New York, la città nella quale il PROTEZIONE E PREVIDENZA: CON POSTE ITALIANE NUOVI INCONTRI INFORMATIVI GRATUITI ONLINE PER I CITTADINI: Redazione-  “La protezione” e “La previdenza”. Sono i temi che verranno affrontati, rispettivamente domani, martedì 16 e giovedì 18 aprile, nel corso dei nuovi appuntamenti online di educazione finanziaria, completamente gratuiti e rivolti a tutti i cittadini , organizzati da Poste

E' INIZIATA LA RESISTENZA CATTOLICA CONTRO PAPA FRANCESCO: "PENSA SOLO AI MIGRANTI, MAI ALL'ABORTO E ALL'EUTANASIA"

Papa Bergoglio Papa Bergoglio

Redazione-È iniziata la resistenza contro Bergoglio, si moltiplicano le contestazioni al suo pontificato su social e giornali da parte dei fedeli scandalizzati, in un crescendo scandalizzato di dubbi e perplessità con toni ed epiteti che mai sono stati rivolti ad un papa. Il terreno di scontro sono soprattutto la liturgia e i valori fondamentali della famiglia e della dignità dell’uomo, messi in discussione da Bergoglio che pensa solo a predicare l’accoglienza dei clandestini.

Di mese in mese il «dossier» contro papa Francesco si gonfia di nuovi fascicoli. Il più consistente è quello sulla famiglia e la comunione ai divorziati, terreno su cui «si svolge la lotta fondamentale circa la dignità dell’uomo», per usare parole di Giovanni Paolo II nel 1997.

Ma in una parte del mondo cattolico, non solo italiano (Est Europa, Africa, Stati Uniti), lo sconcerto si allarga ad altre questioni. La liturgia, cioè il modo di celebrare la messa, i sacramenti, le preghiere, i canti. La difesa della vita, passata in secondo piano davanti all’insistenza su temi come l’accoglienza degli immigrati e la difesa del creato. La discontinuità con il magistero degli ultimi pontefici. La distinzione tra teologia e pastorale, tra le regole e la loro applicazione. Il rapporto con la curia vaticana. I legami con la politica. E non si tratta di singole questioni, qualcosa che va e qualcos’altro no. «Oggi si gioca il permanere della Chiesa nella verità di Cristo», dice Riccardo Cascioli, direttore della «Nuova bussola quotidiana». Niente di meno. E sui sempre più numerosi siti tradizionalisti risuona la chiamata alle armi per «nuova crociata» voluta da Dio. L’infedele non è più a Gerusalemme, ma a Roma.

Il Papa che vuole abbattere muri e costruire ponti starebbe in realtà innalzando barriere e scavando fossati. All’inizio del pontificato in queste cerchie si pensava che la diversità rispetto a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI fosse questione di biografia, di temperamento personale e retroterra culturale. Oggi invece gli ambienti antibergogliani parlano di una vera rottura con Cristo stesso. Una lacerazione complessiva, non limitata a qualche campo di applicazione. «Una parte della Chiesa dice Cascioli crede che il Concilio Vaticano II ne abbia fatta nascere una nuova. Quello che c’era prima è stato tagliato via, ciò che era stato affermato fino all’altro giorno viene contraddetto, e il nuovo va costruito nel rapporto con il mondo, non nella fedeltà a duemila anni di storia. Cancellato anche lo sforzo dei predecessori di condurre una riforma nella continuità. Nel dopo Concilio si era sviluppato un magistero parallelo alternativo a quello dei Papi. Era minoritario e oggi ha preso il potere».

L’ultimo fronte aperto è quello della liturgia, materia molto tecnica. Papa Francesco di recente ha disposto che la Santa Sede non opererà più una revisione delle traduzioni dei testi liturgici fatte dai singoli episcopati, ma interverrà semplicemente con una conferma o una bocciatura. Il fronte conservatore vi ha colto un nuovo elemento di discontinuità tra Francesco e Benedetto XVI, identificato come l’ultimo vero custode del depositum fidei, i cardini della fede affidati al successore di san Pietro. «È una follia taglia corto il vaticanista Marco Tosatti : il messale in inglese può essere diverso in Alaska, Australia, Kenya. Stessa lingua, stessa messa, ma ogni conferenza episcopale potrà fare la sua traduzione mentre il Vaticano si limiterà a mettere un timbro. Se sei la Chiesa cattolica e universale, devi avere una cosa uguale ovunque: la messa. Mi pare una banalità sconcertante».

Ma l’elenco delle lamentazioni è sterminato. Con papa Francesco sarebbe in dubbio il valore dell’eucaristia, cioè la presenza reale di Cristo nel pane e vino consacrati. In crisi anche la difesa della vita da quando Bergoglio archiviò l’espressione «valori non negoziabili»: «I valori sono valori e basta», disse in un’intervista al Corriere della Sera che sembrò mettere una pietra sull’insegnamento di Ratzinger, il quale quando guidava la Congregazione per la dottrina della fede coniò l’espressione «principi non negoziabili».

Secondo i detrattori, Francesco parla solo di immigrati e accoglienza, mai di combattere aborto, eutanasia, fecondazione. E avrebbe abbandonato l’ecumenismo di Benedetto XVI verso gli ortodossi per privilegiare un dialogo ritenuto ambiguo con i luterani.

Crea sconcerto un Papa che in aereo parla a ruota libera con i giornalisti, che non ama i teologi ma si lancia in lezioni sui cambiamenti climatici, che distingue la dottrina dalla pastorale con il risultato di cristallizzare le regole in un passato lontano mentre la modernità richiederebbe adattamento ed elasticità. Dopo anni di collateralismo tra vescovi e politica, si contesta l’appoggio del Vaticano al governo Gentiloni sulla gestione degli immigrati. Giornali, siti e blog criticano ferocemente le decisioni di Francesco, le riforme rimaste sulla carta, le scelte delle persone, la presunta volontà di esautorare di fatto la curia romana sostituendola con un «cerchio magico» di consiglieri che fanno e disfanno. I prefetti delle Congregazioni curiali sarebbero poco più che belle statuine tenute a ratificare i diktat che arrivano da Casa Santa Marta. La gente che continua ad andare a messa la domenica, sempre secondo la narrazione di chi predica il «dovere di resistere», è sconcertata da un Papa che bastona i vescovi carrieristi, i preti con la doppia vita e i fedeli superstiti malati di «Alzheimer spirituale», e poi fa gli elogi di Marco Pannella, Emma Bonino, Eugenio Scalfari, fieri nemici della Chiesa.

Gran parte della contestazione anti Bergoglio corre su internet. Intellettuali e giornalisti dicono di vedere moltiplicati accessi, contatti, commenti su siti e blog, in un crescendo scandalizzato di dubbi e perplessità con toni ed epiteti che fino a qualche tempo fa sarebbero suonati fuori luogo negli scritti di tanti figli di santa madre Chiesa. È anche questa una forma di populismo? «No, è la rivolta dei laici contro il clericalismo – dice Tosatti -. Questa battaglia ha in prima fila gente che non porta la tonaca e non frequenta le curie. La consapevolezza del ruolo dei laici è un’eredità che dobbiamo a Giovanni Paolo II. Tanti pagano di persona, a partire dagli intellettuali cacciati

dalle università pontificie»

Fonte:riscattonazionale.net

Ultima modifica ilLunedì, 02 Ottobre 2017 11:41

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.