BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ANDRIA - FINTO PRETE 23ENNE TRUFFAVA LE DIOCESI RISCUTENDO DONAZIONI, ANCHE IN ABRUZZO I SUOI COLPI: A 23 anni girava le parrocchie spacciandosi per un prete impegnato nel sociale. E di “collega” in “collega” raccoglieva soldi per i bisognosi quando in realtà le donazioni finivano dritte nelle sue tasche. Un giovane di Andria (Bat) è stato CASTELLI D'ABRUZZO - IL CASTELLO ARAGONESE DI ORTONA: La prima costruzione risale al 1452. La famiglia aragonese lo costruì sopra la vecchia struttura dei Caldora del XIV secolo. Tale struttura tuttavia risale all'epoca angioina del XIII secolo. Secondo le stesse ipotesi Giacomo Caldora avrebbe potuto potenziare il castello SITI ARCHEOLOGICI D'ABRUZZO - PELTUINUM: La fondazione di Peltuinum si colloca intorno alla metà del I secolo a.C., nella piana di Navelli, esattamente tra gli attuali comuni di Prata d’Ansidonia e San Pio delle Camere. Le prime campagne di studio furono avviate tra il 1983 SANTUARIO SAN GABRIELE DELL'ADDOLORATA - 32° RADUNO ALPINI ABRUZZESI: Domenica 3 marzo 2024 dalle ore 9.00 presso il Santuario di San Gabriele 32° Raduno degli Alpini Abruzzesi, in ricordo dei caduti nella campagna di Russia del 1942. L’incontro è organizzato dall’associazione nazionale alpini (A.N.A.) sezione “Abruzzi” e dal Gruppo di SCURCOLA MARSICANA - LA CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA: Fu innalzata nell’alto di Scurcola, prima dai De Pontibus e poi dagli Orsini e quindi dai Colonna a fianco della antica Rocca, che prima era di forma quadrangolare: una delle quattro torri dovette essere abbattuta per far posto alla nuova COLLALTO SABINO - DOMANI 2 MARZO SU RAIDUE A "BELLISSIMA ITALIA" IL BORGO E LE SUE RICHEZZE: La Pro-loco, comunica che domani su Raidue alle 16,45 , il paese di Collalto Sabino sarà raccontato, nel programma RAI, BELLISSIMA ITALIA. Ancora una volta, il bellissimo borgo viene raccontatao al piccolo schermo. Le bellezze di una Collalto Sabino incantata, CAPISTRELLO - LADRI CHIUDONO I PROPRIETARI IN UNA STANZA, E FUGGONO CON IL BOTTINO, MOLTA PAURA: Molte sono nelle ultime settimane le segnalazione, di furti, o tentati, nella zona. L'altra sera due malviventi incappucciati,hanno fatto suonare l'allarme di una villa, diverse volte, portando il proprietario a pensare ad un mal funzionamento, staccando lo stesso. I ladri, E BASTA COI MINORI SBATTUTI SUI SOCIAL !: Redazione-  Non se ne può più, ovunque ti giri, on line, vedi immagini di bambini adoperati per far pubblicità ai loro genitori. La Ferragni in questo, detta legge ma se ne contano a centinaia di sue seguaci che mettono in L'AQUILA - COPPIA DI ANZIANI TRUFFATI IN VIA STRINELLA: Redazione-  Una truffa che si ripete, sempre a discapito dei poveri anziani. La coppia ha ricevuto una telefonata in cui qualcuno li avvisava che il figlio, residente fuori regione, aveva avuto un incidente e aveva bisogno di denaro.La trama della VILLALAGO - UNA GIOVANE CERVA CURIOSA ENTRA NELLA VERANDA DI UN BAR: Redazione-  Il paese di Villalago, luogo incantato dalla natura, dove l'uomo osserva la natura, senza disturbare, in un connubio emblematico. Qualche giorno fa, una giovane cerva, forse incuriosita, dai rumori, è entrata in una veranda di un bar. Questa è

COME VENGONO TRATTATI I NOSTRI ANZIANI: PENSIONATO 94ENNE COSTRETTO A CHIEDERE L'ELEMOSINA

Il pensionato Michele Il pensionato Michele

Redazione-Ecco lo Stato razzista antitaliano e il governo PD tratta i nostri anziani: un pensionato italiano di 94 anni, della provincia di Milano, costretto a chiedere l’elemosina per poter mangiare. La sua misera pensione di 330 euro se ne va tutto nell’affitto del suo appartamento.Un giorno un signore si è avvicinato, mentre chiedevo l’elemosina. Mi ha messo in mano un pacchettino e dentro c’erano duemila euro». Michele, 94 anni, sorride senza denti e, nonostante tutto, non ha perso l’ironia: «Era solo un sogno…».

Capelli bianchissimi, scarpe più grandi della sua misura, al collo una croce. Ogni giorno, verso sera, si mette in un punto preciso di corso Vittorio Emanuele. Arriva con un sacchetto: dentro un cappello, una bottiglia d’acqua, le medicine per il cuore e una sedia pieghevole. «Vivo in un monolocale del Comune al Lorenteggio 220 euro al mese con le spese. Ma la pensione è di 330 euro, non riesco a pagarmi da mangiare e a curarmi — racconta —, e allora faccio a modo mio.

Invece che restare da solo in casa, vengo in centro e chiedo aiuto per strada». È ormai conosciuto tra i negozianti e gli stessi clochard «vicini», che gli portano qualche moneta. L’altra sera lo hanno soccorso alcuni cittadini volontari. Ma non ha nessun familiare? «Le mie figlie abitano a Bari, la più grande ha 75 anni, la più piccola 69. Io sono salito a Milano molto tempo fa». In tasca, tiene una foto dove sorride con due ragazze: «Lavorano qui vicino. L’8 settembre era il mio compleanno, se lo sono ricordate. Mi hanno portato tre

pasticcini e hanno scattato questa foto».

Fonte:riscattonazionale.net

Ultima modifica ilVenerdì, 10 Novembre 2017 19:36

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.