BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
OVERKIND, L'ULTIMO ALBUM DELLA ROCK BAND VERONESE: Redazione- L’album OVERKIND, come suggerisce l'artwork, è incentrato sullo Yin e lo Yang, vale a dire il concetto di dualità presente nella filosofia cinese (taoista) in cui si ricorda che in tutte le cose naturali e umane sono presenti due FESTIVAL DELLA PIANA DEL CAVALIERE | ORVIETO FESTIVAL: Redazione- A settembre, dal 1° all’11, ritorna il Festival della Piana del Cavaliere | Orvieto Festival, per una sesta edizione ricca di novità ed eventi. Il programma spazia dal repertorio antico e dai concerti per strumento solo, fino ai grandi NUCLEARE, FINA | IMPEDIREMO UNA CENTRALE IN ABRUZZO: Redazione- “Ci sono tante buone ragioni per dire no all’energia nucleare nel nostro Paese e in Abruzzo sono ancora più forti, la destra e Salvini devono esserne consapevoli”: lo dichiara Michele Fina, segretario del Partito Democratico abruzzese, commentando le prese VACANZE LUCHESI | TORNA LA MAGIA DELLA MUSICA SOTTO LE STELLE CON LA BIG BAND DEL CONSERVATORIO A. CASELLA: Redazione- Un nuovo appuntamento con la grande musica torna ad accendere l’estate luchese. Domani, giovedì 11 agosto, alle 21.30, piazza Umberto I ospiterà il grande concerto della “Big Band ConsAQ”, diretta dal M° Massimiliano Caporale, proposto dall’ Istituzione Musicale Abruzzese INSERITA DAL TIME NEL WORLD'S GRATEST PLACES 2022 DA ULISSE AI BRONZI DI RIACE, IL 2022 E' L'ANNO DELLA CALABRIA: Redazione- Inserita dal Time nel World’s Greatest Places 2022, nell’anno delle celebrazioni per il cinquantenario del ritrovamento dei Bronzi di Riace, la Calabria sarà l’assoluta protagonista delle vacanze culturali e naturalistiche del 2022 estate/inverno - anche con la sua ciclabile SCIOPERO EUROSPIN, PD ABRUZZO | SOSTENIAMO LE LAVORATRICI E I LAVORATORI: Redazione- “Il Partito Democratico abruzzese esprime sostegno alle lavoratrici e ai lavoratori di Eurospin, che sciopereranno il prossimo 13 agosto”: lo dichiarano Michele Fina e Lisa Vadini, rispettivamente segretario e responsabile Lavoro del Pd regionale.Per Fina e Vadini “la protesta SCUOLA, D'ERAMO | GRAZIE ALLA LEGA IN ARRIVO 40 MILIONI DI EURO IN ABRUZZP: Redazione- “40 milioni di euro per l’Abruzzo: questi i fondi assegnati dal ministero dell’Istruzione nell’ambito del Piano Scuola 4.0. Questo provvedimento è stato fortemente sostenuto dalla Lega e frutto dell’importante impegno del sottosegretario Sasso.  Il piano prevede la trasformazione di classi ROCCA SAN GIOVANNI | DAL 16 AL 18 AGOSTO LA XIX EDIZIONE DI ROCCA SAN GIOVANNI JAZZ: Redazione- Torna anche quest’anno l’appuntamento con Rocca San Giovanni in Jazz, il festival della musica di qualità che si terrà nel cuore del borgo dal 16 al 18 agosto. La diciannovesima edizione, curata dalla direzione artistica di Walter Gaeta, vedrà ALBA OFF 2022 | CONTO ALLA ROVESCIA PER LA QUARTA EDIZIONE DELLA RASSEGNA ESTIVA DEL TEATRO OFF: Redazione- Manca poco all’avvio della quarta edizione di “Alba OFF”, la rassegna teatrale estiva, organizzata dal Teatro OFF di Avezzano e dalla compagnia Teatranti Tra Tanti, all’interno della suggestiva cornice dell’Anfiteatro romano di Alba Fucens. A partire da domani fino al EDIZIONE EPOCALE DEL CONCERTONE DE "LA NOTTE DELLA TARANTA": Redazione- Si terrà il 27 agosto 2022 “La notte della Taranta“, festival musicale dedicato alla riscoperta e alla valorizzazione della musica tradizionale salentina fusa insieme alla world music al rock, al jazz e alla musica sinfonica. Il vero e proprio Concertone si

L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE CON LA PIU' ALTA PRESSIONE FISCALE E CON IL WELFARE ESILE

Unione Europea Unione Europea

Redazione-Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d’Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti. L’analisi è stata realizzata dall’Ufficio studi della CGIA. In questi ultimi  anni di crisi, infatti, alla gran parte dei Paesi mediterranei sono state  “imposte” una serie di misure economiche di austerità e di rigore  volte a mettere in sicurezza i conti pubblici.  In via generale questa operazione è stata perseguita  attraverso uno smisurato aumento delle tasse, una fortissima contrazione degli investimenti pubblici e un corrispondente taglio del welfare state.

“Da un punto di vista sociale – fa sapere il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo –  il risultato ottenuto è stato drammatico: in Italia, ad esempio, la disoccupazione continua a rimanere sopra l’11 per cento, mentre prima delle crisi era al 6 per cento. Gli investimenti, inoltre, sono scesi di oltre 20 punti percentuali e il rischio povertà ed esclusione sociale ha toccato livelli allarmanti. In Sicilia, Campania e Calabria praticamente un cittadino su 2 si trova in una condizione di grave deprivazione. E nonostante i sacrifici richiesti alle famiglie e alle imprese, il nostro rapporto debito/Pil è aumentato di oltre 30 punti, attestandosi l’anno scorso al 131,6 per cento”.

In questi ultimi anni  la crisi ha colpito indistintamente tutti i ceti sociali, anche se le famiglie del cosiddetto popolo delle partite Iva ha registrato, statisticamente, i risultati più preoccupanti. Il ceto medio produttivo, insomma,  ha pagato più degli altri gli effetti negativi della crisi e ancora oggi fatica ad agganciare la ripresa. “A differenza dei lavoratori dipendenti – fa notare il Segretario della CGIA  Renato Mason  – quando un autonomo chiude l’attività non beneficia di alcun ammortizzatore sociale. Perso il lavoro ci si rimette in gioco e si va alla ricerca di una nuova occupazione.

In questi ultimi anni, purtroppo, non è stato facile trovarne un altro: spesso l’età non più giovanissima e le difficoltà del momento hanno costituito una barriera invalicabile al reinserimento, spingendo queste persone verso impieghi completamente in nero”. Ritornando ai dati della ricerca, In Italia la pressione tributaria (vale a dire il peso solo di imposte, tasse e tributi sul Pil) si attesta al 29,6 per cento (anno 2016). Tra i nostri principali paesi competitori presenti in Ue nessun altro ha registrato una quota così elevata. La Francia, ad esempio, ha un carico del 29,1 per cento, l’Austria del 27,4 per cento, il Regno Unito del 27,2 per cento i Paesi Bassi del 23,6 per cento, la Germania del 23,4 per cento e la Spagna del 22,1 per cento.

Al netto della spesa pensionistica, il costo  della spesa sociale sul Pil (disoccupazione, invalidità, casa, maternità, sanità, assistenza, etc.) si è attestata all’11,9 per cento. Tra i principali paesi Ue presi in esame in questa analisi, solo la Spagna ha registrato una quota inferiore alla nostra (11,3 per cento del Pil), ma la pressione tributaria nel paese iberico è 7,5 punti inferiore di quella dell’Italia. Tutti gli altri, invece, presentano una spesa nettamente superiore alla nostra. In buona sostanza siamo i più tartassati d’Europa e con un welfare “striminzito” 

il disagio sociale e le difficoltà economiche sono aumentate a dismisura.

Fonte:stopeuro.news

Ultima modifica ilVenerdì, 06 Aprile 2018 12:05

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.