BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
- LE API CI CURANO- | CONVEGNO ALL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO ORGANIZZATO DAL ROTARY CLUB TERAMO - VENERDÌ: Redazione-  Venerdì 24 maggio 2024, alle ore 16:00, presso la Sala delle lauree del Polo Didattico “G. d’Annunzio” dell’Università degli Studi di Teramo, si terrà il Convegno dal titolo “Le api ci curano”, organizzato dal Rotary Club Teramo in collaborazione ALL’ISTITUTO - ALESSANDRINI-MARINO - DI TERAMO L’IMPORTANTE CONVEGNO SUL TEMA - SECURLIFE - IL COMPORTAMENTO PROATTIVO NELLA SICUREZZA -: Redazione-  Recentemente, presso l’Auditorium dell’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino” di Teramo, si è tenuto il Convegno sul tema “Securlife – Il comportamento proattivo nella sicurezza”. Il Convegno è stato organizzato dall’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino-Pascal-Comi-Forti” di Teramo in collaborazione con INTERVISTA ALLA POETESSA GENOVESE ROSANNA CARLETTI: Redazione-  Mi chiamo Rosanna Carletti, dopo aver svolto i più svariati lavori ho lavorato gli ultimi vent’anni nel Ministero della Giustizia. Con grande fatica io e mio marito siamo riusciti a raggiungere i traguardi che ci eravamo prefissati. Fin dall’età dei miei PRIMAVERA DEI LIBRI A BUGNARA, PROSSIMO APPUNTAMENTO CON - PAROLE D'ABRUZZO -: Redazione-  Sarà la dialettologa Daniela D'Alimonte, l'ospite del quarto e penultimo appuntamento con la rassegna Primavera dei Libri a Bugnara (Aq): sabato 25 maggio alle ore 17.00 presenterà il suo amatissimo volume "Parole d'Abruzzo" per Ianieri Edizioni e la raccolta "Comete AL CASINO DELL’OROLOGIO DI VILLA BORGHESE - IL RILIEVO DEL CAVALIERE - SCULTURA IN MARMO DELLA PRIMA METÀ DEL: Redazione-    In occasione del Concorso Ippico sarà esposta al pubblico, presso il Casino dell'Orologio a Villa Borghese, una scultura in marmo di grande pregio: "Il Rilievo del cavaliere". L'opera, che appartiene al nucleo seicentesco della Collezione Borghese, rappresenta un EMISSIONE FRANCOBOLLO ORDINARIO DELLA SERIE TEMATICA - IL PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE ITALIANO - DEDICATO A LA GIOCANDA: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 23 maggio 2024, viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato a La Giocanda, relativo al valore PLANETARIO DI ROMA, 20 ANNI SOTTO LE STELLE: Redazione-  Esattamente vent’anni fa, il 26 maggio 2004, presso il Museo della Civiltà Romana all’EUR, veniva inaugurato il Planetario di Roma che riprendeva così le attività dopo una pausa di oltre 20 anni, dopo il suo trasferimento dall’Aula Ottagona delle DOMANI READING - NOVECENTO - PRESSO LA SCUOLA MACONDO DI PESCARA: Redazione-  Domani venerdì 24 maggio alle ore 18:30 presso la sede della Scuola Macondo di Pescara (via De Cesaris 36) ci sarà il reading dedicato a "Novecento" di Alessandro Baricco. L'evento, curato da Lorenza Sorino (di Unaltroteatro), rientra nel percorso finale DANIELE FALASCA - ACCORDION SOLO - IN CONCERTO A ROMA: Sabato 1° giugno, alle 18:00, il fisarmonicista Daniele Falasca in “Accordion Solo” in concerto al Salotto Musicale del Teatro Arciliuto di Roma Redazione-  La suggestiva cornice del Salotto Musicale del Teatro Arciliuto (Piazza di Montevecchio, 5, zona Via de’ Coronari – SALUTE: ANZIANI E PSICOANALISI: LA PSICOANALISTA ADELIA LUCATTINI: “CON LA PSICOANALISI ANZIANI PIÙ SERENI, RIFLESSIVI E IN SALUTE”   Redazione-  La solitudine e l’avanzare dell’età, difficile da accettare, spesso provocano conseguenze importanti sulla salute psicofisica, accorciando la durata la vita e procurando un’intensa sofferenza nella popolazione

MIGRANTI, IL MINISTRO CENTINAIO A GALATINO: -BISOGNA AIUTARE PRIMA I POVERI ITALIANI. POI GLI ALTRI-

Il ministro leghista all’agricoltura Gian Marco Centinaio Il ministro leghista all’agricoltura Gian Marco Centinaio

Redazione-Il ministro leghista all’agricoltura Gian Marco Centinaio attacca il monsignor affarista Galantino: “Ci sono tanti cittadini nelle mense dei poveri, tanti che dormono in macchina perche’ non possono piu’ pagare il mutuo. Bisogna aiutare prima gli italiani”.“Nella mia citta’, Pavia, un gruppo di immigrati ha bloccato la strada in segno di protesta, perche’ l’insalata di riso era fredda. Ma l’insalata di riso e’ fredda!”.Non solo: “Vedo tanto bighellonare, vedo tanti telefonini di ultima generazione. Qualche giorno fa un mio concittadino mi chiedeva: ma se scappano da una guerra a chi telefonano tutto il giorno?”.A Gian Marco Centinaio, ministro leghista delle Politiche agricole, non va giu’ quello che si trova davanti nella sua Lombardia: migranti che vogliono l’insalata di riso calda, bighellonano e telefonano. La sua non e’ una posizione facilissima: ospite dell’assemblea nazionale di Ue.Coop dove si parla di ‘Un’altra cooperazione’, tocca a lui rispondere a monsignor Nunzio Galantino, che certo non e’ stato tenero col governo in materia di immigrazione. “Mi piacerebbe che una buona volta tutti smettessimo l’atteggiamento curvaiolo e da tifo nello stadio”, ha detto il religioso aprendo la giornata di lavori.

“Hanno i telefonini di ultima generazione- dice ora Centinaio- li vedo, non vuol dire essere hooligan o tifoso”.L’ex direttore commerciale di un tour operator (“Sono in aspettativa”, racconta alla platea) premette che “dobbiamo aiutarli a crearsi un futuro, permettere loro di avere una vita dignitosa come hanno molti di noi”, poi subito precisa: “Ci sono tanti cittadini italiani nelle mense dei poveri, tanti che dormono in macchina perche’ non possono piu’ pagare il mutuo”.Insomma, “quello di chi chiede aiuto e’ un mondo variegato, composto non solo da chi arriva da fuori. Non e’ solo il mondo dell’immigrazione a essere composto di persone che non riescono ad arrivare alla seconda settimana del mese”.

Prima gli italiani poveri, quindi. Per spiegare meglio il concetto Centinaio ricorre alla letteratura sacra. L’incipit e’ salviniano: “Lo dico da buon padre di famiglia, pensate a San Martino quando ha diviso il proprio mantello e l’ha dato al bisognoso. San Martino non aveva cento mantelli, non ha diviso il suo mantello in cento parti. Lo ha diviso in due perche’ una parte serviva a lui per coprirsi e una parte serviva al bisognoso. Quindi se da buon padre di famiglia lo Stato italiano ha ‘ics’ fondi per poter aiutare deve ahime’ fare una scelta e se io devo fare una scelta aiuto sicuramente chi e’ entrato nel nostro Paese rispettando le regole,

soprattutto chi e’ scappato da una guerra”

Fonte:riscattonazionale.org

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.