BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
BACOLI: SUCCESSO PER LA TAVOLA ROTONDA SUL FUTURO SOSTENIBILE DELLE CITTÀ: Redazione- Un momento di riflessione sul ruolo dell’educazione alla sostenibilità, uno spazio di sintesi per fare il punto su una sfida epocale che ancora necessita di “istruzioni”, un laboratorio di casi di studio, un punto di partenza per aprire un ALICE! IN WONDERLAND| ELISA CANTA LA TITLE TRACK: L’intensa voce di Elisa sarà protagonista del grande show di nouveau cirque che debutta il 9 dicembre a Milano Redazione- Elisa, una delle voci più belle della scena musicale mondiale, canterà la title track di “Alice! in Wonderland” composta da John PD E GD| ABRUZZO REGIONE UNIVERSITARIA CON IL PNRR, AL VIA UNA CONFERENZA PROGRAMMATICA: Redazione- Oggi, venerdì 26 novembre, si è svolta una Conferenza stampa dei Giovani Democratici e del Partito Democratico regionali per parlare del futuro delle università in Abruzzo.  “Per la ripartenza della nostra regione, il sistema universitario e le studentesse e gli ROMA, VALDRADA TEATRO| LE INTELLETTUALI DI PIAZZA VITTORIO: Lo spettacolo è in replica anche il 28 novembre al Teatro San Michele Arcangelo di Montopoli Sabina (RI) e poi il 12 dicembre al Teatro Caesar di San Vito Romano, il 19 dicembre al Teatro Tognazzi di Velletri, il 22 dicembre al Teatro FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI SALERNO, GRAN GALA' DI CHIUSURA ALLA STAZIONE MARITTINA ZAHA HADID: Domani, alle ore 19.30, premiazioni dei vincitori 2021 con ospiti speciali come Nunzia Schiano, Rosaria De Cicco, Sonia Barbadoro, Pietro Masotti, Michele Zampino e tanti altri Redazione- È partito ufficialmente il countdown della serata finale della 75esima edizione del Festival Internazionale #NOGREENPASS #NONTOCCATEIMINORI NUOVE MANIFESTAZIONI SABATO 27 NOVEMBRE 2021| -PESCARA-AVEZZANO-L'AQUILA: Redazione- Si inasprisce la protesta contro il green pass e la vaccinazione minorile. Si sono riuniti mercoledì gli abruzzesi intorno al leader della protesta Stefano PUZZER, e tornano a riunirsi anche domani sabato: ad Avezzano con Max MASSIMI e Daniele AI GIOVEDI' DELLA CULTURA SI PARLERA' DI LUCREZIA| VITA E MORTE DI UNA MATRONA ROMANA: Redazione- Prosegue il ciclo di conferenze della Fondazione Cassamarca dedicato a due grandi temi, “Classico” e “Universo”, che saranno affrontati, nelle loro molteplici declinazioni, da personalità della cultura e della scienza. L’appuntamento del 2 dicembre 2121, ore 18, sarà dedicato alla CAGNANO AMITERNO| LE ROCCE, LE DONNE E LA STORIA: Redazione- “Le Rocce. Le donne e la storia”, campagna culturale nata dalla collaborazione CNA provincia dell’Aquila e la libera associazione “TerraMadre”, fa tappa a Cagnano Amiterno, in provincia dell’Aquila.“Con entusiasmo abbiamo accolto la campagna “Rocce, le donne e la storia” DOMENICA 27 NOVEMBRE LA RUBRICA DI MICHELE FINA CON DOMENICO PARIS: Redazione- Sarà Domenico Paris (giornalista e scrittore) l’ospite dell’87esimo incontro della rubrica di Michele Fina “Dialoghi, la domenica con un libro”. Si discuterà del libro di Paris “Il massimo della passione” (Absolutely Free). Il dialogo sarà trasmesso su Facebook domenica 28 novembre alle 18 sulla SULMONA, RISCONOSCIMENTO CISL ALLA 3G SPA: L’azienda premiata per l'impegno quotidiano contro la violenza sulle donne Redazione-  / “Crediamo fortemente nella differenza di genere, che rappresenta un valore aggiunto per la nostra realtà. Avere una presenza femminile importante nell’azienda da forza al nostro lavoro”. Ha così commentato

IN DANIMARCA E' ENTRATA IN VIGORE LA LEGGE ANTI BURQA E NIQAB. SINISTRA E AMNESTY DELIRANO

Donna Con Burqa Donna Con Burqa

Redazione-La Danimarca disastrata prova a combattere contro il cancro islamico insinuato nella società danese grazie al buonismo e alla favola dell’integrazione degli immigrati musulmani. Da oggi le estremiste islamiche “sforna jihadisti” non potranno indossare i famigerati burqa e niqab, le coperture islamiche di tortura e sottomissione delle donne imposte dai potenziali terroristi maschi e dal Corano, nei luoghi. A protestare contro la sacrosanta legge ovviamente la sinistra nemica giurata dei popoli e la pericolosa organizzazione finanziata da Soros Amnesty International. Ennesimo giro di vite della Danimarca riguardo alle politiche di integrazione degli immigrati. Dopo l’istituzione di corsi sui valori fondamentali della società occidentale e sulle tradizioni danesi e la confisca dei beni come pegno in cambio di accoglienza e welfare, è di qualche giorno fa l’entrata in vigore di una legge (approvata a maggio) che applica restrizioni sull’uso del velo islamico.

La Danimarca è così la quinta nazione europea a bandire il velo integrale. Il provvedimento – come prevedibile – ha suscitato da un lato l’ira della comunità musulmana danese e degli immigrazionisti i quali hanno subito inscenato proteste in tutto il Paese, e dall’altro il plauso delle forze sovraniste e conservatrici. Chi compie il reato per la prima volta rischia una multa di 1000 Corone (134 Euro), in caso di recidiva la condanna aumenta fino al 10 mila Corone o la reclusione fino a sei mesi.

La pena si estende anche a chiunque costringa una persona, con la forza o con minacce, ad indossare indumenti che coprano il volto, e prevede la reclusione fino a due anni. Sasha Andersen, attivista del movimento Party Rebels, ha subito bollato la legge come discriminatoria nei confronti della minoranza musulmana danese ed ha organizzato una protesta a “volto coperto” invitando tutte le forze antagoniste e progressiste a parteciparvi. Il provvedimento è risultato particolarmente disumano anche agli occhi del direttore della segreteria europea di Amensty International Fotis Filippou, il quale ha dichiarato che le donne “dovrebbe essere libere di vestirsi come vogliono e di indossare gli abiti che meglio esprimono la loro identità e il loro credo religioso”

“Questo divieto avrà un impatto particolarmente negativo su quelle donne musulmane che scelgono (sic!) di indossare il niqab o il burqa, le quali verranno criminalizzate per una loro scelta personale.” Silenzio stampa di Filippou sul fatto che nella maggioranza dei casi le donne non scelgono affatto di indossare questi capi di abbigliamento, ma viene loro imposto in un clima di prevaricazione e di violenza. In ottemperanza a questa legge, i funzionari di polizia danesi dovranno chiedere alle donne che indossano il burqa o il niqab di rimuoverli o di

allontanarsi dalle zone pubbliche, pena le sanzioni sopra citate.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilSabato, 11 Agosto 2018 21:27

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.