BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PIANELLA VS MOSCIANO 4-1 | SECONDA VITTORIA CONSECUTIVA E VETTA DELLA CLASSIFICA: Eurogol per bomber Nicolini e mister Contini soddisfatto: “Vittoria del gruppo, orgoglioso dei ragazzi” Redazione- Altra vittoria per il Pianella calcio, questa volta davanti al pubblico di casa; 4-1 nel recupero della prima giornata contro il Mosciano (non disputata a causa ROMA INTERNATIONAL BUSKERS FESTIVAL | GRANDE SUCCESSO PER LA III EDIZIONE: Redazione- Si è chiusa con grande successo la terza edizione del Roma International Buskers Festival che ha ospitato ancora una volta circensi, teatranti e musicisti capaci di suscitare, lungo tutta la promenade del Porto Turistico di Roma, stupore e meraviglia MORTO OPERAIO A GUARDIA ROMANO, FINA E VADINI | INVESTIRE NELLA SICUREZZA DEL LAVORO: Redazione- “E’ molto triste, e suscita indignazione, piangere un'altra vittima sul lavoro a pochi giorni dalla tragedia di Mosciano Sant’Angelo, ancora una volta nel territorio della provincia di Teramo, che risulta anche dai dati molto colpito. Esprimiamo le condoglianze alla famiglia L'8 E IL 9 OTTOBRE LA 16° EDIZIONE DI TORNARECCIO REGINA DI MIELE: Con la mostra mercato, la premiazione dei Grandi Mieli d’Abruzzo, ospiti, intrattenimento e il concorso “Stand Regina di Miele 2022” Redazione-  – Sabato 8 ottobre e domenica 9 a Tornareccio c’è Regina di Miele. Dopo le due edizioni che si ANNA CANTAGALLO | IL SOLE TRAMONTA A MEZZOGIORNO: Redazione- È disponibile in libreria e negli store digitali “Il sole tramonta a mezzogiorno” (Castelvecchi), il nuovo romanzo della scrittrice ANNA CANTAGALLO.«Ho scritto questo libro con l’idea che il percorso verso la luce che le donne d’oggi stanno attuando, ottenendo UN PASOLINI INEDITO NEL DIALOGO TRA MICHELE FINA E DACIA MARAINI: Redazione- Nel 130esimo incontro della rubrica “Dialoghi, la domenica con un libro” Michele Fina ha presentato con l’autrice “Caro Pier Paolo” (Neri Pozza) di Dacia Maraini, dedicato a Pier Paolo Pasolini. Fina ha detto: “Quando è uscito ho immaginato che AL VIA LE CANDIDATURE PER LA 2^ EDIZIONE DI - UNA VOCE PER SAN MARINO-: Redazione- Media Evolution srl è lieta di annunciare, in collaborazione con la Segreteria di Stato per il Turismo, Poste, Cooperazione ed Expo della Repubblica di San Marino, e con San Marino RTV, la Radiotelevisione della Repubblica di San Marino, l'apertura DAL 1° OTTOBRE AL VIA LA NUOVA STAGIONE DI TEATRO RAGAZZI AL TEATRO VERDE DI ROMA: Redazione- Il Teatro Verde di Roma riapre le sue porte al pubblico sabato 1° ottobre con lo spettacolo “Il Gatto con gli Stivali” di Roberto Marafante e la regia di Emanuela La Torre che inaugura la nuova stagione della Rassegna I NUOVI APPUNTAMENTI DELL'ESTATE ROMANA 2022 | DAL 28 SETTEMBRE AL 4 OTTOBRE: Redazione- In partenza una nuova settimana di interessanti appuntamenti di Roma Culture. Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulle iniziative offerte dalle istituzioni culturali cittadine e dalle associazioni vincitrici dell’avviso pubblico triennale Estate Romana 2020-2021-2022 e dell’avviso pubblico annuale Estate CON LA RASSEGNA -NUOVE VARIANTI- IL 2 OTTOBRE PRENDE IL VIA LA STAGIONE AUTUNNALE DEL TEATRO VILLA PAMPHILJ DI: Redazione- Dalla Commedia dell'Arte alla formazione per gli studenti, dalla scuola di teatro per ragazzi al laboratorio sul Clown Teatrale, dalla musica alla prosa, questi tutti gli appuntamenti della nuova stagione del Teatro Villa Pamphilj di Roma, spazio appartenente alla

NULLA DI FATTO A BRUXELLES SUI MIGRANTI DELLA DICIOTTI, CONTE: -EUROPA IPOCRITA! CONSEGUENZE-

Migrante della Diciotti Migrante della Diciotti

Redazione-La vergognosa e ormai “cadavere” in decomposizione Unione Europea rifiuta di accogliere i clandestini a bordo della Diciotti. Il governo populista rincara: “L’Europa ipocrita non c’è. Non facciamo sbarcare nessuno”. Ora l’unica alternativa coraggiosa è riportare i potenziali terroristi in Libia.Eccola la solidarietà dell’Europa. Nulla. O meglio, un nulla di fatto sulla Diciotti. Secondo fonti Ue, infatti, la riunione degli sherpa che era stata convocata oggi per rispondere alle sollecitazioni del governo italiano è finita a pizza e fichi. Un fallimento.L’imbarcazione è lì, ferma al molo di Levante del porto di Catania. Oggi sono continuate le passerelle dei politici della sinistra e c’è stato pure il tempo per uno sciopero della famedegli ospiti dell’imbarcazione. Quisquilie. Il problema vero è a Bruxelles: l’Ue si dimostrerà pronta ad aiutare l’Italia o ancora una volta le volterà le spalle? A quanto pare buona la seconda.

Il ministro dell’Interno da giorni ripete che non intende far toccare terra agli “irregolari” se prima gli altri Stati dell’Ue non si mettono d’accordo per una redistribuzione degli stessi. La Boldrini lo definisce un ricatto. Vocabolo forte. Ma in fondo è quello che era successo per le navi militari sbarcate a Pozzallo a luglio: allora Salvini riuscì a smistare alle varie capitali un po’ di stranieri, 50 qui e 50 là. Salvo poi scoprire che le promesse non si sono tradotte in realtà. Dettagli. A pensarci bene anche la Spagna, quando nell’ultimo mese ha dovuto far fronte all’arrivo di immigrati da navi delle Ong è riuscita a ottenere la solidarietà dell’Europa.

Ma stavolta a quanto pare la musica è cambiata. Non sono bastate, o non sono servite, le “minacce” (così le ha considerate la Commissione Ue) di Di Maio di non pagare contributi a Bruxelles. Venti miliardi che, dice, utilizzerebbe volentieri per abbassare l’età pensionabile. L’Europa gli ha ricordato, neppure troppo velatamente, che quei soldi sono un “obbligo legale” e anche il ministro Moavero ha confermato che ritirare l’assegno sarebbe complicato. Salvini, comunque, ha apprezzato lo sforzo del collega vicepremier di mandare un messaggio politico (smarcandosi, peraltro, dalla linea buonista di Roberto Fico).

Ben prima che finisse la riunione degli sherpa europei erano già arrivate le prime avvisaglie di una giornata che non si sarebbe conclusa con un “volemose bene” (e prendiamo un giovanotto a testa). Il Belgio per primo ha fatto sapere che non accoglierà più “migranti illegali che partono a bordo di barconi dall’Africa” perché “questo non offre nessuna soluzione”. Theo Francken è stato chiaro. E senza appelli: quando a giugno accolsero una decina di immigrati sbarcati dalla Lifeline fu “un evento unico”. E non si ripeterà domani.

Al segretario di Stato del governo belga si è poi unito anche il governo ungherese. Ieri Moavero ha incontrato alla Farnesina il Ministro degli Esteri e del Commercio d’Ungheria, Peter Szijjarto, e gli ha chiesto una mano sul caso Diciotti. La risposta è stata un secco “no”. Sul punto dei ricollocamenti, inutile negarlo, le posizioni tra Orban e Salvini (e il governo) sono contrapposti. In conflitto. L’uno non intende aprire le frontiere e l’altro chiede condivisione del peso delle migrazioni. Solidarietà che né l’Ungheria né il resto dell’Europa democratica sembra voler dimostrare.

Infatti non solo non è stato trovato alcun accordo sulla Diciotti, ma gli sherpa hanno pure rifiutato di sottoscrivere una bozza di dichiarazione che era stata preparata dalla Commissione per una gestione comune degli sbarchi e della ripartizione dei migranti e dare così seguito alle conclusioni del Consiglio europeo di giugno. Una sfida evidente.

Non è un caso infatti se dal Viminale trapela irritazione. Il ministero (e il ministro) parla di “ennesima dimostrazione” che “l’Europa non esiste” visto che i “Paesi Ue” non hanno “avanzato alcuna concreta apertura per risolvere il caso della nave Diciotti”. Alla faccia dei buoni propositi del Consiglio Ue sulle migrazioni. Anche Giuseppe Conte ha rotto il silenzioe su Facebook verga una lunga invettiva contro Bruxelles, definendo i partner “ipocriti” e incapaci di “battere un colpo in direzione dei princìpi di solidarietà e di responsabilità”. Il premier giura che l’esecutivo “ne trarrà le conseguenze” e dal Viminale dettano la linea: “Visto che l’Italia, negli ultimi anni, ha accolto 700mila cittadini stranieri, dalla Diciotti non sbarca nessuno.

Su questo fronte il governo è compatto”. La guerra è aperta.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilMercoledì, 05 Settembre 2018 17:55

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.