BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
AVEZZANO - L'AVEZZANO CALCIO COMUNICA L'ACQUISTO DI CRISTIAN TOTTI, PRIMOGENITO DELL'EX CAPITANO DELLA ROMA: Redazione-  Cristian Totti è un nuovo calciatore dell’Avezzano. La notizia arriva direttamente dai canali social del club abruzzese. L'attaccante 18enne, figlio di Francesco Totti, storico capitano della Roma, torna in Italia a pochi mesi dal trasferimento in Spagna al Rayo L'AQUILA - LA FAMIGLIA NURZIA STORIA DEI FAMOSI TORRONI ABRUZZESI: Redazione-  I Nurzia sono una famiglia di imprenditori dell’Aquila nel ramo dolciario. L’attività ebbe inizio con Gennaro, originario di Arischia, che nei primi anni Trenta del XIX secolo aprì una bottega nella quale distillava liquori e vendeva vino. Suo figlio SANTE MARIE - FESTEGGIAMENTI DEL SANTO PATRONO NELLA FRAZIONE DI SAN GIOVANNI: Redazione-  Questa mattina il vice sindaco, Vincenzo Zangrilli, ha preso parte alle celebrazioni in onore del santo patrono nella frazione di San Giovanni di Sante Marie. Insieme al consigliere, Candido Caretta, e ai membri del comitato feste ha deposto una L'AQUILA - DIECI CONSIGLI PER VIVERE LA MONTAGNA CON PRUDENZA: Redazione-  La Prefettura dell'Aquila, in collaborazione con numerosi enti locali e nazionali, ha realizzato un vademecum per garantire a tutti gli escursionisti un'esperienza sicura e piacevole in montagna. 10 consigli per vivere la montagna con prudenza è una guida indispensabile AVEZZANO - RIUNIONE IN PREFETTURA PER SICUREZZA NELLA MARSICA: Redazione-  Si è svolta in Prefettura, dando seguito all’iniziativa varata dal Prefetto dell’Aquila, Giancarlo Di Vincenzo, la quarta riunione del Tavolo per la sicurezza di Avezzano e della Marsica, organismo costituito per il costante monitoraggio sulla situazione della sicurezza nell’area, ABRUZZO - LA COMMISSIONE EUROPEA DESIGNA LA REGIONE LEADER DELL'INNOVAZIONE: Redazione-  La Commissione europea ha indicato l'Abruzzo quale Regional Innovation Valley, Regione dell'Innovazione. La designazione permette all'Abruzzo di entrare in una ristretta cerchia di aree ad alta innovazione individuate dalla Commissione su tutto il territorio europeo, chiamate in futuro a PESCARA - CONSEGNATI I LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PONTE CICLOPEDONALE SUL FIUME TRONTO: Redazione-  "La consegna dei lavori di realizzazione del ponte ciclopedonale sul fiume Tronto rappresenta un tassello fondamentale per sbloccare il futuro della Ciclovia Adriatica. Un'infrastruttura che rappresenta, al contempo, una fondamentale opportunità turistica ed una risorsa di mobilità dolce per PESCARA - TAVOLO TECNICO PER RICONOSCERE STRUTTURE PER MINORI: Redazione-  Al via oggi a Pescara, alla presenza dell'assessore alle Politiche sociali Roberto Santangelo, il tavolo tecnico che dovrà definire i contorni della disciplina regionale in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sociali residenziali e semiresidenziali che si occupano SQUILIBRI | DOMANI 23 GIUGNO ULTIMA SERATA: Viaggi, miti, amori, talenti e tanto altro ancora sul palco del Festival Redazione-  Un intenso appuntamento con Stefania Andreoli, un viaggio interiore al tramonto con Ludovico Tersigni, un pubblico attento di fronte al racconto di un'amicizia ideale tra Anna Cherubini e GLI ASSALTI FRONTALI SABATO 22 GIUGNO A ORTONA (CHIETI) PER LA FESTA DI RADIO CITTA’ PESCARA: Redazione-  Sabato 22 giugno, dalle ore 15 alle ore 3, a Villa Ada, in contrada San Giuliano 7 a Ortona (Chieti), si svolgerà l'Early Summer Fest 2024 a sostegno di Radio Città Pescara. Una maratona che prevede 12 ore di

ABRUZZO - LE FAGGETE VETUSTE DELLA REGIONE PATRIMONIO DELL'UNESCO

Con oltre il 36% del suo territorio occupato da aree protette, l’Abruzzo vanta il titolo di Regione verde d’Europa: tre Parchi Nazionali (Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (PNALM), Parco nazionale della Majella e Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga), Parco regionale naturale del Sirente-Velino, Area marina protetta Torre del Cerrano e altre 38 aree protette, un primato a livello europeo. In questo 36%, formato da dorsale appenninica, entroterra e 130km di coste, è custodito più del 75% delle specie animali e vegetali del continente europeo.

Sotto l’aspetto ambientale, è una regione da record: il Parco Nazionale d’Abruzzo (che tocca anche parte del territorio del Lazio e del Molise) anche è il più antico d’Italia e proprio qui, nella provincia di L’Aquila, si trovano faggete vetuste, le più antiche d’Europa e dal 2017 Patrimonio dell’Unesco. In Abruzzo sono in cinque: Val Cervara (Villavallelonga), Selva Moricento (Lecce nei Marsi), Coppo del Morto e Coppo del Principe (tra Pescasseroli e Scanno), Val Fondillo (tra Opi e Civitella Alfedena).

Le faggete vetuste sono un tesoro naturale di inestimabile valore, attira visitatori da tutto il mondo per la loro bellezza e la loro unicità. In particolare, quelle abruzzesi, sono le più antiche e le più spettacolari, con alberi che raggiungono i 50 metri di altezza e circa 600 anni. Foreste vergini, fitte e a tratti inestricabili, testimoni straordinarie del passare del tempo, luoghi magici in cui gli alberi assumono forme originali e curiose.

La loro bellezza e biodiversità unica sono dovute alla limitata azione umana che ha permesso alle piante di crescere, riprodursi e morire secondo il loro naturale ciclo biologico.

La faggeta della Val Cervara è unico esempio italiano di foresta primaria, salvata dalle ripercussioni di interessi economici grazie alla posizione e alla volontà della comunità locale. Qui si trovano gli alberi di faggio più vecchi dell’emisfero settentrionale, alcuni dei quali hanno oltre 560 anni di età.

La faggeta di Coppo del Morto è un piccolo lembo di foresta che contiene un tesoro unico. Qui si trovano alberi di faggio che contendono il primato di longevità con quelli della Val Cervara e, grazie alla sua posizione a quote elevate ed esposizioni verso i quadranti meridionali, è stata preservata dall’azione umana per oltre cento anni, pertanto, diventa un laboratorio speciale per l’osservazione degli effetti del cambiamento climatico sulle foreste.La faggeta di Coppo del Principe è una delle zone più suggestive del PNALM, importantissima per l’orso bruno marsicano e per altre specie rare e preziose, come il picchio dalmatino, la rosalia alpina (un coleottero), il barbastello (pipistrello). Il nome di questa zona deriva dalla frequentazione di rappresentanti di casa Savoia agli inizi del Novecento, quando questi parteciparono a celebri battute i caccia all’orso organizzate dai nobili locali.La faggeta di Val Fondillo è costituita da due foreste, Cacciagrande e Valle Jancino, le uniche attraversate da corsi d’acqua, il che crea un ambiente particolarmente suggestivo. Qui la faggeta entra in contatto con le piante endemiche di pino nero italico, pino italico, mirtillo, tasso e agrifoglio; inoltre, questa è l’area che coincide con il nucleo storico di nascita del Parco nazionale d’Abruzzo, cioè il 1922.La faggeta di Moricento è un magnifico esempio di ecosistema che si sviluppa tra crinali montuosi, doline carsiche, grotte e splendide radure in un anfiteatro naturale composto da Rocca Genovese, Monte Marcolano e Monte Prato Maiuri. Questo è anche il territorio naturale di molte specie selvatiche, come lupi e orsi marsicani. La sua conservazione è fondamentale per preservare l’equilibrio ecologico dell’area e proteggere le specie che la abitano.

Le faggete abruzzesi entrano nella lista del patrimonio mondiale insieme a quelle di Sasso Fratino nel Parco nazionale delle foreste Casentinesi (a cavallo tra le province di Forlì-Cesena, Arezzo e Firenze), della Foresta Umbra nel Parco nazionale del Gargano (Foggia), di Cozzo Ferriero nel Parco nazionale del Pollino (Potenza), di Monte Raschio nel Parco regionale di Bracciano (Roma) e di Monte Cimino nel comune di Soriano del Cimino (Viterbo).

L’iscrizione delle faggete vetuste d’Italia nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO è il riconoscimento del lungo lavoro di conservazione e di studio che i parchi italiani hanno svolto per proteggere questi tesori naturali. La loro presenza nella lista, insieme ad altre faggete vetuste in tutta Europa, sottolinea l’importanza della protezione del patrimonio naturale e della biodiversità, e ci ricorda l’importanza di lavorare insieme per preservare questi tesori per le generazioni future. Italia, Austria, Belgio, Slovenia, Spagna, Albania, Bulgaria, Croazia, Germania, Romania, Slovacchia e Ucraina sono i paesi in cui è possibile conoscere queste foreste primordiali.

Ultima modifica ilSabato, 10 Febbraio 2024 19:53

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.