BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ABRUZZO - L'OLIO DEL NOSTRO TERRITORIO APPREZZATO DA INTENDITORI DI TUTTO IL MONDO: L'olio extravergine di oliva conquista la fiducia di buyer e visitatori. E' quanto emerso dal Salone internazionale del Sol, l'esposizione dedicata all'olio di oliva in fase di svolgimento a Verona. L'evento si svolge in concomitanza con il Vinitaly. Sono 15 ABRUZZO - DUE MILIONI A DISPOSIZIONE PER ARCHITETTURA E PAESAGGIO RURALE: "La Regione Abruzzo avrà a disposizione 2 milioni per investire sulla tutela e la valorizzazione dell'architettura e del paesaggio rurale, grazie alle risorse stanziate con il Decreto Ministeriale del 7 marzo 2024, n.92. Si tratta di una nuova ripartizione dei L'AQUILA - TERZO INCONTRO IN PREFETTURA PER LA SICUREZZA DI AVEZZANO E DELLA MARSICA: Si è svolta in Prefettura, dando seguito all’iniziativa varata dal Prefetto dell’Aquila, Giancarlo Di Vincenzo, la terza riunione del Tavolo per la sicurezza di Avezzano e della Marsica, organismo costituito per il costante monitoraggio sulla situazione della sicurezza nell’area, allo CATANIA - 31ENNE OPERAIO MUORE SCHIACCIATO DALL'ASCENSORE DURANTE LA MANUTENZIONE: Una tragedia, l'ennesima sul lavoro, questa volta ha perso la vita un giovane di 31 anni. Il giovane, manutentore di ascensori. Il giovane è morto dopo essere rimasto incastrato tra la cabina e la porta di un piano dell'elevatore di CAMPLI FLEGREI - ALLARME DELLA TV SVIZZERA " IMMINENTE ERUZIONE E TERREMOTO, NAPOLI SEPOLTA DA TRENTA METRI DI CENERE ": In un documentario della TV pubblica svizzera Rsi, viene prevista una catastrofe imminente per Napoli e oltre, a causa di un'eruzione ai Campi Flegrei.Gli studiosi intervistati nel programma esprimono preoccupazioni serie riguardo alla portata devastante dell'eruzione, contraddicendo le ipotesi del PESCARA - TORNA LA MOSTRA MERCATO DEL FIORE " FLORVIVA ": Torna a Pescara la grande mostra mercato dei fiorni e delle piante. Giunta alla 46esima edizione, la manifestazione si terrà nel long weekend che va dal 25 al 28 aprile al porto turistico Marina di Pescara. Oltre 150 gli espositori CARSOLI, CI HA LASCIATO ENZO MARCELLI ( SICILIANO PER TUTTI I CARSOLANI ): Redazione- Ci ha lasciato Enzo Marcelli, (Siciliano per tutti noi carsolani ) icona storica del nostro paese. Carnaby Street, il mercante della moda. Fai buon viaggio zio Enzo (Siciliano) e che la terra ti sia lieve. Un abbraccio forte sentite LILCIU | VORREI SAPER: Redazione-  Dal 19 aprile 2024 è in rotazione radiofonica “Vorrei saper”, il nuovo singolo di LILCIU disponibile su tutte le piattaforme di streaming digitale dal 12 aprile."VORREI SAPER" è un brano che mescola sonorità trap e house, con un pizzico ARTI MARZIALI: “EXECUTIVE FIVE TRAINING AL CENTRO TECNICO FEDERALE DELLA FIJLKAM LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI CARLO MASSONI E MARCO: Redazione-  “Executive five training, esercizi per la prevenzione degli infortuni negli sport di combattimento e nelle arti marziali è il volume scritto dal medico Carlo Massoni e dal personal trainer Carlo Mancini, che sarà presentato giovedì 18 aprile, alle ore POSTE ITALIANE: MOMPEO E ORVINIO, ARRIVANO ANCHE IN ALTRI DUE UFFICI POSTALI REATINI I SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Redazione-  Poste Italiane comunica che da oggi gli uffici postali di Mompeo (viale Regillo, 21) e Orvinio (Piazza del Comune 3), sono interessati dagli interventi previsti da “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, il progetto aziendale per rendere semplice e

SOTTO LA LENTE - IL VERO VOLTO DELL'INDUSTRIA DEL LATTE

Mucche Mucche

Redazione- Un mondo brutale, è quello dell'industtria del latte, dove non esiste rispetto, morale, umanità. Molte pubblicità del latte, fanno vedere mucche che pascolano, con amore, in verdi prati, ma non è cosi. e mucche vivono confinate, senza alcun accesso ai prati, senza la possibilità di crescere i propri figli, precocemente strappati e avviati a un triste destino, spesso ferite, consumate e sfruttate fino allo sfinimento, fino a che il loro corpo non cederà e verranno avviate al macello. L’unica fine possibile per le mucche sfruttate dall’industria del latte.La maggior parte delle mucche allevate in Italia non poggerà mai le zampe sul manto erboso di un prato. La vita di questi animali infatti è scandita da ambienti ben diversi, fatti di pavimenti in cemento, sbarre di ferro che bloccano le stalle per la stabulazione e che indirizzano le mucche verso le cosiddette “giostre”, strumenti che servono a far girare gli animali e, nel frattempo, a tirare il latte necessario alla produzione. Tutto questo avverrà almeno due volte al giorno, finché il loro corpo sarà in grado di sostenere questo ritmo serrato di produzione, che le porta a produrre fino a 60 litri di latte al giorno, contro i 4 che produrrebbe normalmente. Al contrario di quello che siamo indotti a pensare, le mucche sfruttate dall’industria alimentare non passano indenni a un trattamento che letteralmente prosciuga questi animali di tutte le loro energie.Come documentato anche dal nostro reportage, una delle problematiche principali sono le “mastiti”, infiammazioni delle mammelle estremamente dolorose, e zoppie anche gravi, causate sia dal continuo sforzo per i parti e la gestione di mammelle enormi, sia per il fondo e le condizioni in sé dell’allevamento, che comportano spesso ferite agli zoccoli e alle zampe, una condizione che non permette loro di muoversi agevolmente.Ma uno degli elementi che consuma di più il corpo delle mucche da latte è proprio quello del parto.Un lato oscuro dell’industria del latte che gli spot televisivi si dimenticano sempre di citare. Per poter produrre latte infatti le mucche devono rimanere incinte. E rimanere incinte vuole dire una sola cosa: mettere al mondo un vitellino.I vitelli – oltre ad essere bovini sfruttati e uccisi per il consumo della loro carne – sono di fatto un sottoprodotto del sistema dell’industria lattiero-casearia, che non sapendo come utilizzare i nati di sesso maschile li “investe” nell’industria della carne.I vitelli sono sottoposti a uno stress enorme, che comincia al momento della separazione con la madre: un fatto intuitivo ma confermato anche dalla scienza, grazie a uno studio recente condotto dagli scienziati canadesi, che ha dimostrato come anche i giovani bovini soffrano e provino emozioni negative dopo la separazione dalla madre.Lo svezzamento improvviso e precoce, come accade con i vitelli che vengono strappati alle madri per essere inseriti nell’industria della carne, è particolarmente stressante sia per i vitelli sia per le mucche.Gli scienziati hanno osservato alcuni vitelli piangere disperatamente e senza sosta, altri reagire con forme di iperattività nervosa e altri ancora arrivare a rifiutare il cibo.Come se non bastasse, la maggior parte della carne di vitello prodotta viene chiamata “bianca”, perché questi cuccioli sono costretti a una dieta quasi del tutto priva di ferro con il solo scopo di tenere chiaro il colore della carne e mantenere il gusto più leggero.L’ennesima violenza, con gravissime ripercussioni sulla salute di questi animali, per il puro sfruttamento alimentare.Come se non bastassero la monotonia di una vita in trappola, figli persi e strappati per essere uccisi e sofferenze enormi che minano per sempre il corpo di questi animali, il latte è anche uno degli alimenti meno sostenibili al mondo.Un recente studio dell’Università di Oxford infatti ha dimostrato che l’impatto ambientale della produzione di latte è molto elevato sia per quanto riguarda le emissioni di CO2 che lo sfruttamento del terreno e il consumo di acqua.Come spiega la BBC, “produrre un bicchiere di latte richiede 650 metri quadrati di terreno, circa 10 volte di più di quanti ne servano per produrne, per esempio, uno di “latte” di avena. Consumare un bicchiere di latte al giorno per un anno inquina tanto quanto guidare un’automobile a benzina per 941 chilometri e per produrlo sono necessari 125 litri di acqua (per un bicchiere di latte di mandorla ne servono 74 litri, per uno di “latte” di riso 54). Preferire una di queste bevande significa ridurre il consumo annuale di acqua di almeno ventimila litri”.

 

 

fonte ANIMALEQUALITY 

Ultima modifica ilGiovedì, 16 Marzo 2023 22:03

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.