BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'AQUILA - L'AQUILA 1927 FEMMINILE SI RITIRA DAL CAMPIONATO DI SERIE C FEMMINILE: L'Aquila 1927 femminile non scenderà più in campo almeno fino al termine della stagione di serie C.Lo si apprende da una comunicazione ufficiale della società riportata anche sui propri canali social. "Nel sottolineare che i propri impegni sono stati onorati sotto GIULIANOVA - TRAGEDIA,FRATELLO E SORELLA MUOIONO LO STESSO GIORNO IN CIRCOSTANZE DIVERSE: Una tragedia che ha sconvolto un intero paese, quello di Giulianova. Un noto commerciante della zona, di 67 anni, si è tolto la vita all'interno della propria vettura in circostanze drammatiche. Subito dopo, una nipote appresa la notizia, ha cercato COCULLO - IL RITO DEI SERPARI, AL VIA L'ITER PER LA CANDITATURA UNESCO: Redazione-  Riprende con nuovo impulso l'iter per la candidatura a patrimonio immateriale Unesco della festa di san Domenico abate di Cocullo, più conosciuta come "Rito dei Serpari", ritenuta non solo una vetrina per il piccolo borgo, ma anche per gli PROFUMI D'ABRUZZO - POMODORO PERA D'ABRUZZO VARIETA' ANTICA E PREZIOSA: Redazione-  Il pomodoro pera abruzzese ha sostenuto l’economia della regione per secoli. Ma negli anni ’70, con l’arrivo del pomodoro ibrido industriale, più resistente e facile da coltivare, questa varietà stava andando perduta. Grazie al progetto di recupero della Regione ABRUZZO IN TAVOLA - LA PIZZA SCIMA ANTICA RICETTA DEL 600: Redazione-  La storia della pizza scema parte da lontano. Nella ricetta si fondono le influenze della panificazione romana e la tradizione gastronomica giudaica. A partire dalla fine del 1600 infatti, in seguito a un terribile maremoto che decimò le popolazioni COSENZA - GRANDE EVENTO DI PIZZICA SALENTINA A LATTARICO: Redazione-  Grande evento di Pizzica Salentina a Lattarico, in provincia di Cosenza. LA SCUOLA DELLE NOSTRE TRADIZIONI di Valentina Donato e Fortunato Stillittano, presenta Stage di Pizzica Salentina con i maestri STEFANO CAMPAGNA ( BALLERINO della notte della Taranta ) PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO - I CUCCIOLI DELL'ORSA AMARENA SONO DUE MASCHI E SONO USCITI DAL LETARGO: Redazione-  Sono usciti allo scoperto, dopo il periodo del letargo e stanno bene i due orsi figli di Amarena, uccisa a fucilate il 31 agosto scorso a San Benedetto dei Marsi, a pochi passi dai due cuccioli di pochi mesi SCURCOLA MARSICANA - LA SCOSSA DI TERREMOTO IN SERATA BEN DISTINTA SUL TERRITORIO: La scossa di terremoto alle 22.11 a 4 km di profondità, con 3.1 di magnitudo, è stata ben distinta dalla popolazione, ma anche nel territorio di Tagliacozzo, Carsoli ed addirittura ad Agosta in provincia di Roma. Una scosssa ben distinta, SCURCOLA MARSICANA - TRE LE SCOSSE DI TERREMOTO NELLA GIORNATA: Redazione-  Sono tre le scosse di terremoto avvertite nella giornata di oggi a Scurcola Marsicana. La prima scossa è stata registrata alle 11.56 a 5 km di profondità, con 1.3 di magnitudo. In serata due scosse, una ben distinta dalla PIANA DEL CAVALIERE - DOPO I LIMITI DI VELOCITA' VOLUTI DALL'ANAS SULLA SS83 MARSICANA, QUANDO ARRIVERA' L'ORDINANZA PER LA TIBURTINA: L'Anas nella giornata di oggi a emesso l'ordinanza 55/2024/AQ per ridurre il limite di velocita' a 50 km/h e divieto assoluto di sorpasso, su gran poarte della SS 83 Marsicana, per le continue scorribande dei centauri nel fine settimana. Il

CORFINIO - LA PRIMA CAPITALE D'ITALIA

Corfinio Corfinio

Redazione-  In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a Corfinio, in provincia dell’Aquila? Ebbene sì, questo piccolo centro che oggi conta appena 1000 abitanti, circa 2000 anni fa è stato per un anno capitale del popolo italico e ne esistono le prove.Corfinio sorge su un altopiano al centro della Conca Peligna, nei pressi dell’Aterno e del Sagittario. La città ha origini molto antiche e nei secoli ha avuto nomi diversi: chiamata Corfinium nell’antichità, divenne Pentima nel periodo romano e poi Valva nel medioevo. Durante la guerra sociale tra Roma e i suoi associati, dal 91 all’88 a. C., Corfinio fu nominata capitale della Lega Italica, data la sua posizione strategica. Furono anni in cui la città si ritrovò a essere un centro molto vitale. È proprio in questo stesso periodo che qui si coniò la prima moneta con la scritta “Italia”. La posizione di rilievo di Corfinio capitale durò solo un anno, fino a quando la Lex Iulia concesse la cittadinanza romana ai popoli confederati e la città passò sotto il controllo di Roma. Ancora oggi, ogni anno ad agosto a Corfinio si rievoca la nascita della Lega Italica, con un evento durante il quale viene allestito il mercato storico nel borgo con rivisitazioni delle antiche botteghe che propongono la vendita, tra l’altro, di prodotti enogastronomici artigianali.Grazie alla sua storia millenaria, Corfinio oggi rappresenta una meta molto famosa per gli amanti di archeologia. La città attuale conserva ancora l’aspetto medievale e l’abitato più antico si trova proprio dov’era la vecchia capitale.Entrando nel centro storico, in piazza Corfinio è possibile notare una serie di case disposte a curva: queste seguono la linea della cavea dell’antico teatro romano.Per conoscere la storia di questo borgo, questi sono i punti di interesse che vale la pena visitare:La Concattedrale valvense di San Pelino, eretta sul luogo in cui fu martirizzato il santo e dove sorse anche un cimitero paleocristiano.Attualmente è formata da tre corpi principali, di cui la cattedrale vera e propria e l’oratorio di Sant’Alessandro restano il blocco più antico.La basilica, ultimata nel 1235, è stata interamente rifatta secondo il gusto barocco dopo essere stata devastata da diversi terremoti. Palazzo Trippitelli ospita attualmente il Museo Civico Archeologico “Antonio De Nino”, all’interno del quale sono esposti i reperti venuti alla luce nelle campagne archeologiche di scavo condotte nella città e nel suo territorio.

L’edificio risale al XVII secolo ed è appartenuto alla famiglia Colella prima e ai Trippitelli, poi.Al Parco Archeologico “Don Antonio Colella” è possibile ammirare reperti provenienti dalla città italica di Corfinium: resti di marciapiedi, portici, pavimenti in mosaico. Si tratta di un tessuto urbano del II secolo prima di Cristo, mentre sono visibili anche zone come le terme e le domus del secolo successivo, quando la città fu trasformata allo stile romano. Invece, nell’area del tempio italico, presso la strada provinciale per Pratola Peligna, si trova un santuario appartenente al I secolo.

Ultima modifica ilGiovedì, 29 Febbraio 2024 17:04

2 commenti

  • Amelia Bada Valeri
    Amelia Bada Valeri Venerdì, 15 Marzo 2024 02:46 Link al commento Rapporto

    Grazie per tutto!! Sino nipote di Vincenzo Valeri natto a Magliano Dei Marsi. Sonó Argentina ma sangue italiana

  • Ronerto
    Ronerto Venerdì, 01 Marzo 2024 18:10 Link al commento Rapporto

    Ottima descrizione,i tempi moderni hanno visto una corposa ristrutturazione della cattedrale con interventi discutibili, purtroppo il territorio industrialmente sfruttato ,e' stato successivamente abbandonato da un possibile sviluppo.....

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.