BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
-L'ACCOGLIENZA DELLE PERSONE MIGRANTI-, PRESENTAZIONI A ROMA E A L'AQUILA: Il libro di Tiziana Grassi lunedì 20 gennaio alla Rappresentanza UE romana e sabato 25 a Pettino Redazione- “L’accoglienza delle persone migranti”, l’interessante libro curato da Tiziana Grassi e pubblicato da One Group Edizioni, dopo la presentazione riservata alla Stampa tenutasi IL 17 GENNAIO, A PARTIRE DALLE 16,30, NELLA SALA DELLA PROTOMOTECA, CAMPIDOGLIO, ROMA, L’ASSOCIAZIONE AQUILANA DE HISTORIA PRESENTA IL CONVEGNO: Sarà ricordato il reduce della Folgore Santo Pelliccia attraverso la presentazione di un volume a lui dedicato. Redazione- L’evento è stato reso possibile grazie alla collaborazione di Luigi Vinci, che con Paola Vegliantei, che curerà anche la moderazione, hanno supportato De SUCCESSO E SODDISFAZIONE PER GLI EVENTI NATALIZI NELL'ALTOPIANO DELLE ROCCHE: Redazione- L’Altopiano delle Rocche ha accolto la magia del Natale appena trascorso con tante novità e voglia di fare, rispondendo con entusiasmo all’arrivo dei giorni di vacanza. Eventi e manifestazioni, organizzati dalla ProLoco di Rocca di Mezzo, in collaborazione con IL GIORNALISTA FABIO IULIANO PORTA IL SUO -LITHIUM 45- AD AVEZZANO: DOMENICA 26 LA PRESENTAZIONE NELLA LIBRERIA UBIK: Redazione- Lithium 48 racconta una storia che fin dalle prime pagine confonde e sconcerta il lettore. È impossibile, infatti, non domandarsi se la realtà che il protagonista Simone sperimenta sia concreta o frutto delle sue allucinazioni. Il ragazzo è vittima della E' USCITO IL SECONDO SINGOLO DI SHEROL DOS SANTOS: LA COVER DI SELF CONTROL: Redazione- Dopo il singolo che ne ha sancito il debutto sulla scena discografica, Pleiadi, uscito con la Instant Crush Records (ICR), Sherol Dos Santos, il 16 gennaio 2020 regala ai fan un secondo brano, una cover che ne anticipa i DAL CONTRASTO ALLA VIOLENZA DEL GENERE NASCE #FREEZONE: CULTURA E INFORMAZIONE COME MEZZI PER SENSIBILIZZARE I GIOVANI STUDENTI MARSICANI E: Redazione- La violenza verso le donne è un problema culturale che riguarda tutti e tutte. Sensibilizzare le persone, soprattutto i più giovani, a una maggiore e concreta consapevolezza del fenomeno è indispensabile per poter costruire una società migliore, lontana da VIADOTTO CERRANO, SEN. GABRIELLA DI GIROLAMO (M5S): -IN ABRUZZO DISAGI ABNORMI, CASO IN PARLAMENTO-: Redazione-Dalla Senatrice del Movimento Cinquestelle Gabriella Di Girolamo, riceviamo ed integralmente pubblichiamo il seguente comunicato stampa:<<Poco meno di un mese fa il Gip di Avellino ha disposto il divieto di transito per i mezzi con peso superiore alle 3,5 tonnellate CARSOLI, PRESENTAZIONE DEL LIBRO -IL PANE SARA' CONTATO A BRICIOLE-CENSURA DI GUERRA NELLA PROVINCIA DELL'AQUILA-1940-1943- DELL'AUTORE GIOVANNI DE BLASIS: Redazione- «La serva della famiglia Giordana tiene una copia della profezia che hanno trovato in un convento di suore in Russia... Fu scritta diversi secoli fa, ma spiega che a una certa data ci saranno guerre mai viste; che il CARSOLI, SABATO 25 GENNAIO L’INAUGURAZIONE DEL NUOVO POLO SCOLASTICO: LE MEDIE E IL LICEO SCIENTIFICO RITORNANO AL CENTRO DEL PAESE: Redazione- Finalmente ci siamo, verrebbe da dire! Dopo anni di demolizioni e ricostruzioni, il nuovo plesso scolastico, al centro di Carsoli in piazza della Libertà sarà inaugurato sabato 25 gennaio e lunedì 27 gennaio, gli studenti, gli insegnanti e tutto ROMA, QUADRARO BASEMENT LANCIA -PELLE-: MUSICA URBANA NEL SINGOLO D'ESORDIO: Redazione- Dopo aver lanciato artisti come Noyz Narcos, Baby K, Capo Plaza, Quadraro Basement, l’etichetta del rap underground indipendente dal 2005, torna con un nuovo artista, destinato a farsi ascoltare dagli amanti della musica Urban e non solo: Pelle.Milanese, classe

IL GOVERNO -CONTE 2- STA AFFONDANDO L'ITALIA

In evidenza Zingaretti,Conte,Di Maio Zingaretti,Conte,Di Maio

Redazione- Un tempo, degli esecutivi particolarmente dannosi, si diceva: “buoni a nulla, ma capaci di tutto”. Ma il ConteBis  a quanto pare supera – in negativo – tutti i peggiori governi della storia repubblicana.I primi cento giorni della sua vita, che di solito trascorrono come una luna di miele, sono stati invece una luna di fiele : i partiti governativi sono stati divisi su tutto, in lite fra loro e al proprio interno, perdendo parlamentari e ministri, fra scissioni e dimissioni, senza alcuna idea condivisa sul Paese, sul suo futuro, sul ruolo nel mondo e perfino in Europa (ormai l’Italia nella Ue è ridotta a fare la cameriera della Merkel e di Macron).Oltretutto con un livello di sfrontatezza  mai visto dal momento che non nascondono di essersi coalizzati (fra nemici acerrimi) solo per due motivi: impedire alla maggioranza degli italiani di mandare al governo il centrodestra  e fare l’abbuffata di nomine  della primavera.

Hanno incasinato situazioni drammatiche come l’Ilva  che sembravano avviarsi a soluzione e ora sono nel marasma; si azzuffano su questioni gravi come l’abolizione della prescrizione  e la concessione delle autostrade; brancolano nel buio  sulle diverse situazioni di crisi come Alitalia (così pure sulla Popolare di Bari e il Mps).Ma soprattutto – per sudditanza alla Ue  – stavano per dare, alla chetichella, il via libera definitivo al Mes, che avrebbe gravemente compromesso la stabilità del sistema Italia, se non ci fosse stata l’insurrezione di Lega e Fratelli d’Italia (adesso tutto è stato rinviato e siamo sospesi sul ciglio del burrone).Infine hanno reso l’Italia totalmente irrilevante sulla Libia, dove abbiamo sempre avuto forti interessi economici e strategici (dal petrolio alla questione immigrazione) e dove eravamo i principali giocatori in campo, mentre ormai siamo negli spogliatoi  con una serie di altre potenze che si confrontano sul terreno.

Marginalità italiana  che si evidenzia drammaticamente anche sulla crisi Usa/Iran, su cui il governo non è capace di balbettare nulla, mentre dai partiti di maggioranza tornano fuori rigurgiti di antiamericanismo vecchia maniera (che si sommano a certe inquietanti tendenze filocinesi).È difficile immaginare un bilancio peggiore, ma a questo deprimente quadro manca il tassello più surreale, quello della legge di bilancio, che è il principale atto politico di un governo.Oggi, tirando le somme, possiamo ricostruire la sua parabola come un’autentica farsa. Per giorni si è andati avanti con una serie di annunci poi rimangiati  di tasse o balzelli punitivi inverosimili (dalle merendine, alla plastica, dal contante alle auto aziendali).Poi siamo passati alla giostra delle rimodulazioni e dei rinvii  delle tasse all’estate per non far perdere il Pd alle regionali in Emilia Romagna. In ogni caso sempre tasse, quando il governo precedente, gialloverde, non aveva introdotto nuove imposte, né aveva varato inasprimenti fiscali, ma aveva semmai messo soldi nelle tasche degli italiani.Nel suo insieme questa legge di bilancio riesce nell’impresa di tassare ancor di più gli italiani, senza contenere nulla per rilanciare lo sviluppo  (con una crescita prevista quasi a zero e, secondo i dati di dicembre, con una manifattura che va peggio di tutti fra i grandi paesi dell’eurozona). Ma al tempo stesso facendo crescere il debito e il deficit. Un capolavoro di autolesionismo.Infatti il famoso numeretto percentuale che indica la previsione di deficit, in rapporto al Pil, che nel 2018, al tempo del governo gialloverde, era previsto al 2,02  per cento, ora è previsto al 2,2 per cento.Quindi un aumento approvato dalla Commissione europea  che non ha detto nulla, mentre – quando era al governo la Lega – minacciava tuoni e fulmini  per impedire una crescita minima del deficit: ormai è evidente a tutti che la Ue applica un criterio sfacciatamente politico, discriminando e punendo i governi che non sono graditi a Berlino e Parigi, pur avendo avuto i voti degli italiani.Eppure è già chiaro oggi che le attuali previsioni del governo saranno disattese. Per nascondere un tale sfacelo l’esecutivo ha abbondato in propaganda.Per esempio sulle famose clausole dell’Iva, Gualtieri, Conte e compagni hanno cercato di presentare il mancato aumento come una diminuzione delle tasse, credendo che gli italiani si facciano abbindolare  così.Oltretutto il governo ha “spostato” quelle clausole agli anni successivi, infatti – scrive Guido Gentili sul “Sole 24 ore” – “in pista per il 2021 e 2022, assieme ad altri aumenti di tasse, ci sono già clausole per ben 47 miliardi”.

Con tutto questo Conte ha avuto il coraggio di affermare, alla conferenza stampa di fine anno, che “abbiamo messo in sicurezza il paese”. In sicurezza rispetto a cosa? Semmai hanno messo una carica di dinamite di 47 miliardi sotto i conti dei prossimi due anni.Ma la propaganda più intollerabile e di sapore vetero-Pci è stata quella del ministro Gualtieri  che ha ripetuto di continuo “ci è stato lasciato da pagare il conto del Papeete”, dando ad intendere che hanno trovato un buco di bilancio provocato da Salvini e hanno dovuto pagarlo loro.Una fake clamorosa. Infatti quel “conto” (i 23 miliardi di aumento previsto dell’Iva) proveniva in grande parte (per 19 miliardi) dai precedenti governi Pd e solo per 4 miliardi dal governo gialloverde.Il quale governo gialloverde era guidato da Conte, non da Salvini, ed aveva ai ministeri economici dei grillini  o ministri del “partito istituzionale” (Tria) avversi a Salvini. Quindi non c’era nessun “conto del Papeete”, c’era semmai Conte. E c’è ancora dopo aver cambiato bandiera  in un batter d’occhio.Oltre a questo, come si è visto, Gualtieri e il ConteBis lasciano ai prossimi due anni un conto da pagare di 47 miliardi. Il Papeete dunque è il loro.Gli italiani già devono subire un governo di apprendisti stregoni, pernicioso per il Paese: purtroppo si vedono imporre anche queste incredibili bugie propagandistiche.Che fanno il paio con un’altra grave scorrettezza ai danni del Parlamento, infatti la Camera è stata tagliata fuori dall’esame di questa legge di bilancio. Il leghista Claudio Borghi ha usato parole di fuoco: “Uno scandalo. Uno schifo. Platealmente incostituzionale”.Tutto questo è stato compiuto da chi ogni giorno impartisce lezioni di rispetto delle regole e delle istituzioni. Quando arriverà “la resa del Conte”

i danni fatti da costoro saranno comunque ingentissimi.

 

Fonte:Antonio Socci-antoniosocci.com

.

Ultima modifica ilDomenica, 12 Gennaio 2020 20:11

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.