BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI - ERA IL 25 MAGGIO DEL 1944, UN COLPO ALLA TESTA DI UN NAZISTA, TOLSE LA VITA A FERRANTE: Il 25 maggio 1944 fu uccisa con un colpo di pistola Elvira Ferrante, legata a formazioni partigiane(nella zona operava la banda partigiana Madonna del Monte). L’episodio avvenne a Carsoli,presso il ponte: la località era già da tempo luogo di internamento CARSOLI - OTTANTANNI FA IL PAESE, SOTTO I BOMBARDAMENTI, VENNE RASO AL SUOLO: Era il 16 Aprile del 1944, Carsoli venne bombardata ripetutamente, riportando molte perdite civili, ed il paese bìvenne raso al suolo per la totalità. Nel 2004, il presidente della Repubblica Italiana conferi' alla cittadinanza di Carsoli, la medaglia d'Argento al CAMPLI FLEGREI - LA TERRA NON HA PACE, CONTINUANO LE SCOSSE DI TERREMOTO: Uno sciame sismico intenso, quello che in queste ore si sta registrando nel Napoletano, nella zona dei Campli Freglei. Una lista lunghissima, infatti,dalle 9.35, che ha contato oltre 70 eventi di varia intensità in un lasso di tempo ridotto, e MUORE IL CALCIATORE MATTEO GIANI, AVEVA AVUTO UN ARRESTO CARDIACO IN CAMPO, AVEVA 26 ANNI: Purtroppo questa mattina il cuore di Mattia Giani, ha smesso di battere. La gravità dell’accaduto, durante la partita di calcio, è stato subito chiaro a tutti i presenti allo stadio di Campi Bisenzio, struttura che ospitava il Castelfiorentino. Mattia, 26 CINEMA - 57 ANNI FA SI SPEGNEVA UNA STELLA, MORIVA IL GRANDE TOTO': Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, per l’eternità noto come Totò, lo aveva previsto: solo alla sua morte gli avrebbero riconosciuto lo status di grande artista e così fu, nonostante la sua poesia CARSOLI - FIORI E COLORI PER IL MONUMENTO AI CADUTI: Il sindaco, Velia Nazzarro, insieme all'amministrazione comunale, ha voluto porgere ai nostri caduti un po di colore, e note profumate, inserendo nel complesso del monumento dei caduti, dei fiori, nella iuole adiacenti al memoriale. Un gesto che rende il luogo GROTTAFERRATA - "GROTTA PICCANTE PEPERONCINO DI VINO" CON GLI ERRESEI, PIZZICA E TARANTE INFUOCHERANNO LA PIAZZA: A Grottaferrata, dal 19 al 21 aprile torna la manifesta dedicata al connubio tra il vino locale del il peperoncino: Grotta Piccante, Peperoncino Di Vino. Un felice connubio che vede anche il festeggiamento del patto di amicizia fra i comuni AVEZZANO - TROVATO SENZA VITA IN CASA L'AVVOCATO CARLO LUCCI: La notizia è appena arrivata in redazione. Un tragedia che ha sconvolto la comunità di Avezzano , e del mondo degli avvocati. Subito dopo pranzo è stato trovato senza vita il 58enne avvocato avezzanese Carlo Lucci.Sembrerebbe, le cause della morte, UN ANNO FA MORIVA A NEW YORK MARIO FRATTI: Inaugurato all’Istituto Italiano di Cultura un Archivio in onore del grande drammaturgo abruzzese     Redazione – Un anno fa, il 15 aprile, Mario Fratti moriva nella sua bella casa al 146W della 55^ Strada di New York, la città nella quale il PROTEZIONE E PREVIDENZA: CON POSTE ITALIANE NUOVI INCONTRI INFORMATIVI GRATUITI ONLINE PER I CITTADINI: Redazione-  “La protezione” e “La previdenza”. Sono i temi che verranno affrontati, rispettivamente domani, martedì 16 e giovedì 18 aprile, nel corso dei nuovi appuntamenti online di educazione finanziaria, completamente gratuiti e rivolti a tutti i cittadini , organizzati da Poste

BREXIT, LA LEZIONE DI SOVRANISMO ALL'ITALIA: IN QUESTO MODO IL POPOLO INGLESE HA SCONFITTO LE -E'LITE ANTIDEMOCRATICHE- EUROPEE

In evidenza Nazione Gloriosa Nazione Gloriosa

Redazione- Per Londra sono sicuramente momenti complessi. È chiaro che le sfide per il Regno sono tutt’altro che semplici dal momento che Johnson non solo sta convogliando il Paese in un futuro assolutamente aleatorio nei rapporti con l’Europa, ma anche sul fronte interno. La Scozia ribolle, il confine con l’Irlanda resta un nodo da sciogliere significativo. I negoziati con Bruxelles non sono finiti e di certo qualcuno metterà i bastoni tra le ruote alla macchina avviata da Londra. Ma in ogni caso Londra potrà farlo con la coscienza di chi ha accettato non la volontà altrui, ma quella del popolo: e questo è già un vanto per un governo. Step by step, come direbbero gli inglesi. Perché il percorso non è finito e le tappe sono ancora molte. Tuttavia con l’idea che da domani il futuro sarà libero dai vincoli europei. E anche con l’impressione di aver fatto scattare una scintilla in molti movimenti europei che per decenni hanno creduto di non poter ottenere alcuna modifica del proprio destino, convinti o disillusi sul fatto che l’Unione europea sarebbe comunque stata la via maestra dell’Europa.

La lezione britannica invece dimostra il contrario. La democrazia a volte vince e anche se non piace. E il messaggio rivolto a Bruxelles e a tutte le cancellerie europee è che esiste un modo per uscire dal pantano. Certo: lo fa l’unica nazione che avrebbe potuto farlo e soprattutto nel mondo più indolore. La Gran Bretagna ha una moneta, ha avuto per più di quarant’anni un rapporto burrascoso con l’Ue, ha una propria strategia autonoma nei confronti del mondo e storicamente così come politicamente è sempre più rivolta verso l’Atlantico che verso l’Europa. Anzi, se ha avuto un avversario è quasi sempre stato quel cuore dell’Unione europea rappresentato dalla Germania e dalla Francia. Imperi nemici prima, vertici dell’asse franco-tedesco ora. Ed è quindi chiaro che un vecchio impero mai rassegnato a contare poco in Europa avrebbe accettato ben volentieri la fuga da una struttura europea sempre più fragile e sempre meno incline a rappresentare il volere di tutte le facce del continente. Londra guarda a Oriente, parla con l’America e interagisce con l’Africa. E un’Europa con un potere troppo forte tra Berlino e Parigi è sempre stato il suo peggiore incubo. E uscire facendolo anche con il rispetto dell’elettorato è un segnale importante: doppio colpo all’Europa verticistica e franco-tedesca. Politico e d’immagine.

Il colpo è arrivato. Ed è chiaro che sia doloroso per entrambe le parti. Il governo britannico pagherà un pesante dazio per aver deciso di abbandonare Bruxelles. Ma la Global Britain potrebbe essere un contrafforte importante. Dall’altra parte l’Unione europea ha incassato il colpo sperando nel Vietnam politico: ma gli effetti della Brexit non sono minimi nemmeno per l’Ue. Vero che molti ritengono che l’Europa possa lavorare meglio proprio grazie all’assenza di una “serpe in seno” come la Gran Bretagna. M è altrettanto vero che adesso avranno un competitor dall’altra parte della Manica, un Paese che ha fatto capire ai movimenti sovranisti di poter cambiare le sorti dell’Ue. E soprattutto ha dato l’impressione che la decisione di un Paese (chiaramente non il più piccolo) ha prevalso sulla forza del blocco europeista.

E soprattutto che quegli elettori “brutti, sporchi e cattivi” che hanno scelto la Brexit hanno avuto la meglio su quelli preferiti dall’establishment.

Fonte:rassegneitalia.info

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.