BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
L'AQUILA - L'AQUILA 1927 FEMMINILE SI RITIRA DAL CAMPIONATO DI SERIE C FEMMINILE: L'Aquila 1927 femminile non scenderà più in campo almeno fino al termine della stagione di serie C.Lo si apprende da una comunicazione ufficiale della società riportata anche sui propri canali social. "Nel sottolineare che i propri impegni sono stati onorati sotto GIULIANOVA - TRAGEDIA,FRATELLO E SORELLA MUOIONO LO STESSO GIORNO IN CIRCOSTANZE DIVERSE: Una tragedia che ha sconvolto un intero paese, quello di Giulianova. Un noto commerciante della zona, di 67 anni, si è tolto la vita all'interno della propria vettura in circostanze drammatiche. Subito dopo, una nipote appresa la notizia, ha cercato COCULLO - IL RITO DEI SERPARI, AL VIA L'ITER PER LA CANDITATURA UNESCO: Redazione-  Riprende con nuovo impulso l'iter per la candidatura a patrimonio immateriale Unesco della festa di san Domenico abate di Cocullo, più conosciuta come "Rito dei Serpari", ritenuta non solo una vetrina per il piccolo borgo, ma anche per gli PROFUMI D'ABRUZZO - POMODORO PERA D'ABRUZZO VARIETA' ANTICA E PREZIOSA: Redazione-  Il pomodoro pera abruzzese ha sostenuto l’economia della regione per secoli. Ma negli anni ’70, con l’arrivo del pomodoro ibrido industriale, più resistente e facile da coltivare, questa varietà stava andando perduta. Grazie al progetto di recupero della Regione ABRUZZO IN TAVOLA - LA PIZZA SCIMA ANTICA RICETTA DEL 600: Redazione-  La storia della pizza scema parte da lontano. Nella ricetta si fondono le influenze della panificazione romana e la tradizione gastronomica giudaica. A partire dalla fine del 1600 infatti, in seguito a un terribile maremoto che decimò le popolazioni COSENZA - GRANDE EVENTO DI PIZZICA SALENTINA A LATTARICO: Redazione-  Grande evento di Pizzica Salentina a Lattarico, in provincia di Cosenza. LA SCUOLA DELLE NOSTRE TRADIZIONI di Valentina Donato e Fortunato Stillittano, presenta Stage di Pizzica Salentina con i maestri STEFANO CAMPAGNA ( BALLERINO della notte della Taranta ) PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO - I CUCCIOLI DELL'ORSA AMARENA SONO DUE MASCHI E SONO USCITI DAL LETARGO: Redazione-  Sono usciti allo scoperto, dopo il periodo del letargo e stanno bene i due orsi figli di Amarena, uccisa a fucilate il 31 agosto scorso a San Benedetto dei Marsi, a pochi passi dai due cuccioli di pochi mesi SCURCOLA MARSICANA - LA SCOSSA DI TERREMOTO IN SERATA BEN DISTINTA SUL TERRITORIO: La scossa di terremoto alle 22.11 a 4 km di profondità, con 3.1 di magnitudo, è stata ben distinta dalla popolazione, ma anche nel territorio di Tagliacozzo, Carsoli ed addirittura ad Agosta in provincia di Roma. Una scosssa ben distinta, SCURCOLA MARSICANA - TRE LE SCOSSE DI TERREMOTO NELLA GIORNATA: Redazione-  Sono tre le scosse di terremoto avvertite nella giornata di oggi a Scurcola Marsicana. La prima scossa è stata registrata alle 11.56 a 5 km di profondità, con 1.3 di magnitudo. In serata due scosse, una ben distinta dalla PIANA DEL CAVALIERE - DOPO I LIMITI DI VELOCITA' VOLUTI DALL'ANAS SULLA SS83 MARSICANA, QUANDO ARRIVERA' L'ORDINANZA PER LA TIBURTINA: L'Anas nella giornata di oggi a emesso l'ordinanza 55/2024/AQ per ridurre il limite di velocita' a 50 km/h e divieto assoluto di sorpasso, su gran poarte della SS 83 Marsicana, per le continue scorribande dei centauri nel fine settimana. Il

- MALDAFRICA- | NOSTALGIA DI UNA TERRA CHE ACCAREZZA SENZA FERIRE

Cover Cover

Redazione-  E’ un po’ come la saudade brasiliana, il “Maldafrica” di Lucia Ciferri, questo sentimento così autentico e struggente, una sorta di nostalgia e malinconia per qualcosa che si è perso ma vive nel ricordo. Un termine difficile da tradurre letteralmente, proprio come “Maldafrica”, vocabolo unico (per questo il titolo non ha spazi né apostrofi) per il quale non esistono sinonimi. L’opera, pubblicata nella collana “I Diamanti della Narrativa” dell’Aletti editore, è un ricordo a cuore aperto, fatto di bellezza che sta negli occhi di chi guarda, pienezza, amore e di un sogno ad occhi aperti. «L’idea di scrivere questo romanzo - racconta l’autrice, nata a Roma, dove vive - viene proprio dalla gratitudine che ho provato ogni volta che ho messo piede in Africa, il poter godere di quei colori, del respiro profondo di una terra sconosciuta; aver avuto l’opportunità di beneficiare di tanta bellezza selvaggia mi ha fatto sentire una persona privilegiata». Prima, erano solo delle sensazioni chiuse nel cuore e nel cassetto, poi, diventano ricordi resi indelebili grazie alla penna, che diventa lo strumento per fuoriuscire dalla gabbia del dovere e del pragmatismo matematico; per esternare e condividere desideri e sogni in una società sempre meno idealista. E Lucia ha fatto dell’arte l’essenza della sua vita. Con la scrittura, ma anche con la danza e il teatro. Discipline accomunate dal senso di libertà e da un unico linguaggio, quello delle emozioni, dove ritrovare quella parte, a volte, tenuta nascosta ma che forma la coscienza interiore. E poi c’è il viaggio, quello verso nuove parti del mondo, come l’Africa, e quello verso la scoperta di se stessi, che è senza fine. «Certo - confessa l’autrice - spesso è necessario lasciare la propria comfort zone, mettersi in gioco, rischiare, cadere, soffrire. Ma che sarebbe la nostra esistenza se non ci fossero questi momenti altalenanti? Viaggiare è un po’ curiosare oltre il nostro orizzonte».

Quella di “Maldafrica” è una storia semplice, espressa con un linguaggio altrettanto genuino. «Ho cercato di scrivere come vorrei leggere, senza troppi giri di parole, usando una terminologia comune, andando dritta al punto. Gli intellettuali storceranno sicuramente il naso ma io ritengo che, se vogliamo che la cultura arrivi a tutti, dobbiamo renderla fruibile per tutti». Per Lucia è difficile chiudere gli occhi e pensare ad un solo ricordo del suo viaggio in Africa. Riaffiorano alla memoria il deserto, con la sua infinita varietà di sfaccettature; le acque del Nilo; la lingua di terra della Costa d’Avorio, con i colori dei tramonti e gli odori dei mercati; la magnificenza dell’Oceano. Ma più di ogni cosa gli occhi della gente, quegli sguardi, fieri, profondi. «La dignità e l’ospitalità delle persone semplici - racconta Lucia - è una ricchezza che abbiamo perso nel nostro quotidiano rincorrere un progresso che in realtà ci sta facendo regredire».

Nella scrittura, realtà e fantasia sono l’una il completamento dell’altra. Che le storie siano vere o frutto di pura fantasia c’è sempre un riflesso di ciò che viene vissuto. L’opera è un concentrato di stati d’animo, colori e sfumature. Una nostalgia leggera che accarezza senza ferire, una malinconia che non fa male; è quella sensazione di pienezza nella bellezza che, solo per averne fatto parte, continua a colorare la vita anche quando ormai quella meravigliosa terra è lontana. Ma è, soprattutto, sana leggerezza, che non è superficialità, ma scoprire le emozioni più nascoste della nostra anima, senza paura di mostrarsi fragili e vulnerabili. «Sarebbe bello se, scorrendo le parole che si rincorrono, il lettore potesse, anche per un solo istante, ritrovarsi a passeggiare in quel paradiso e sentire le vibrazioni che tanta meraviglia suscita».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.