BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
- L’ARMARU - IL NUOVO ROMANZO DI MARIACRISTINA DI GIUSEPPE UN VIAGGIO IN PAROLE E MUSICA NELLA GALASSIA FEMMINILE: Redazione-  Un viaggio nella galassia femminile della società siciliana negli anni raccontati dalle lettere gelosamente custodite da un armadio “speciale”, un viaggio nella vita della nonna di Agata e, soprattutto, un viaggio interiore nella vita della protagonista. Sono gli elementi RADIO LAUSBERG | AKUSTICOSE ELETTRICHE VOL. 1: Redazione-  Dal 21 giugno 2024, giorno della Festa Europea della Musica, sarà disponibile sulle piattaforme digitali di streaming “AKUSTICOSE ELETTRICHE VOL. 1” (Salty Music Records) produzione artistica di FINAZ, il nuovo EP dei RADIO LAUSBERG. Annunciati i prossimi appuntamenti live DA LUCIO FABBRI AD ARES TAVOLAZZI... DAL 2 AL 24/7 - MUSART FESTIVAL FIRENZE DEDICA UNA RASSEGNA AI SIDE-MEN DELLA: Redazione-  Non solo il Parco di Pratolino per Musart Festival 2024. “… E adesso che tocca a me” è la rassegna del festival fiorentino che porta eventi e musica anche in altri spazi della città e oltre. Protagonisti i grandi SHASA | FAKE: Redazione-  Dal 21 giugno 2024 sarà in rotazione radiofonica “FAKE”, il nuovo singolo di Shasa disponibile sulle piattaforme digitali di streaming dal 14 giugno.“Fake” è una canzone autobiografica che racconta una sofferenza che con fatica è stata superata. Il brano - FRENTAUTO SUMMER TOUR -, L’EVENTO CHE ABBINA LE NOVITÀ NEL SETTORE AUTO ALLA PROMOZIONE DEL TERRITORIO: Redazione-  Continua il Summer Tour organizzato da Frentauto, azienda leader nel settore automobilistico in Abruzzo, Marche e Molise.L’evento, iniziato a giugno e che si conclude ad ottobre, ha come obiettivi presentare le novità proposte da Frentauto group e creare sinergie AL VIA SQUILIBRI, TUTTO PRONTO PER LA TERZA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI FRANCAVILLA AL MARE: Redazione-  Manca poco per l'avvio del Festival SquiLibri che tornerà ad animare il cuore di Francavilla al Mare per il terzo anno consecutivo: dal 21 al 23 giugno sarà ampio lo spazio dedicato alla cultura in varie forme, ai grandi nomi della L'ELEGGIBILITÀ AL VOTO NEGLI USA: SOLO PER CITTADINI ?: Redazione-  “Sappiamo intuitivamente che molti clandestini votano nelle elezioni federali. Ma non è possibile provarlo facilmente. Non abbiamo i numeri”. Queste le parole dello speaker della Camera Mike Johnson, repubblicano della Louisiana, terza carica del governo americano. Johnson in realtà non LA COMUNITÀ GIOVANILE TESTENONTRATTABILI DI ARSOLI ORGANIZZA LA SETTIMA EDIZIONE DEL CONTEST - R(EVOL)UTION SOUND -: Redazione-  La splendida location della scalinata del Castello di Arsoli farà da cornice alla serata. Dalle 21:00 del 22 Giugno 4 band provenienti da tutto il Centro Italia si sfideranno a colpi di brani originali! A decretare il Vincitore saranno EMISSIONE FRANCOBOLLO MARCO POLO NEL 700° ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 17 giugno 2024 viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo celebrativo dedicato a Marco Polo, nel 700° anniversario della scomparsa, relativo alla tariffa B zona 2 50g pari FOLKSTONE | RACCONTI DA TABERNA: Redazione-  “RACCONTI DA TABERNA” è il nuovo vinile dei FOLKSTONE, che verrà pubblicato solo in formato fisico e sarà disponibile dal 22 giugno 2024 durante il “Non ho tempo di aspettare TOUR”. L’LP “Racconti da Taberna” raccoglie alcuni dei successi della

TUFO DI CARSOLI - L'INTONACO ICONA DEL PAESE, STORIA DEL MAESTRO ALBERTO MANZI

Maestro Alberto Manzi Maestro Alberto Manzi

Redazione-  Per chi non lo conoscesse Alberto Manzi è stato, negli anni cinquanta, un famoso maestro che nei primi anni della televisione, attraverso un famoso programma “Non è mai troppo tardi” insegnò a molti adulti, reduci dalla guerra e in gran parte analfabeti, a leggere, scrivere e far di conto.La madre di Manzi era originaria di Tufo ed il maestro molte volte tornò nel borgo sia per passare dei periodi di vacanza, sia per portare i suoi allievi ad imparare dalla realtà concreta, in quelle che erano le prime “versioni” delle attuali gite scolastiche.Manzi nacque a Roma il 3 novembre 1924 nel rione Borgo da Ettore Manzi, tramviere, e Etterina Maria Mazzei, impiegata presso gli uffici annonari del Vaticano.Nel 1927, a causa dello smantellamento della Spina di Borgo, furono sfrattati e venne loro assegnato un appartamento in piazza Bologna, allora periferia romana. Con la nascita della sorella, la mamma smise di lavorare per dedicarsi esclusivamente ai figli.Da ragazzo, appassionato di mare, frequentò i Balilla Marinaretti: questo gli consentì di venire iscritto nelle liste di Leva della Marina.Nel 1942 terminò gli studi medi, diplomandosi presso l'Istituto Magistrale "G.Carduccii" di Roma.L'8 settembre 1943 la Repubblica Sociale chiamò alle armi le classi 1924 e 1925, dando un ultimatum di 30 giorni per presentarsi, pena la fucilazione. Antifascista come tutta la famiglia, non intendeva sottomettersi a Salò. Grazie al padre, bersagliere nella prima guerra mondiale e sergente delle Guardie Palatine nella seconda, volontario della Croce rossa sui treni ospedale e Guardiano del Pantheon per i Cavalieri di Malta, riuscì a nascondersi presso la sede dell'Ordine di Malta, evitando così i rastrellamenti. Il 4 giugno 1944, con l'arrivo degli americani a Roma, decise di arruolarsi volontario presso il Battaglione San Marco, aggregato all'VIII Armata britannica. Raggiunse Brindisi e il suo comportamento, ironico e provocatorio, colpì il comandante a tal punto che lo volle in fureria come segretario per tutta la campagna. Alla domanda del sottufficiale "Titolo di studio?" rispose "Diploma Magistrale". Ma alla seconda "Sai leggere?" rispose "No!", suscitando le risa dei commilitoni e accattivandosi la stima del comandante. Nel 1945, dopo la fine della guerra, non venne congedato con gli altri perché il comandante lo volle ancora con sé per sbrigare le pratiche burocratiche del Battaglione. Tornò a Roma quindi due mesi dopo i compagni d'armi.Manzi, in un'intervista del 13 giugno 1997 rilasciata a Roberto Farné, afferma:«Facendo la guerra, poi, ho scoperto che tante cose per cui si pensava valesse la pena vivere erano solo delle falsità. [...] Soprattutto dopo l'esperienza della guerra, l'idea fissa che avevo era di aiutare i ragazzi, [...] rinnovare un po' la scuola, per cambiare certe cose che non mi piacevano». [3]Iniziò l'attività scolastica prendendo servizio all'Istituto di Rieducazione e Pena ”Aristide Gabelli“ di Roma: accettò il posto, rifiutato da ben quattro colleghi. Qui realizzò il primo giornale degli Istituti di Pena, La Tradotta.

Nel 1947 ricevette l'incarico di supplente presso la scuola di Campagnano Romano.Nel 1948 sposò Ida Renzi, sua collega, con la quale ebbe quattro figli: Alda, Massimo, Roberta e Flavia. Negli anni ottanta divorziò da Ida e sposò Sonia Boni con la quale ebbe una figlia, Giulia. Con loro si trasferì a Pitigliano dove fu eletto sindaco. Sempre nel 1948 ottenne il Premio Collodi per Grogh, storia di un castoro, romanzo per ragazzi, pubblicato dalla Bompiani nel 1950 (con riduzione radiofonica della Rai nel 1953, in seguito tradotto in 28 lingue).Nel 1950 Luigi Volpicelli lo volle come collaboratore per qualche anno e Domenico Volpi lo chiamò a collaborare con la Casa Editrice AVE, per la quale pubblicò diversi testi scolastici e collaborò con Gianni Rodari e Jacovitti alla rivista Il Vittorioso.Nel 1950 prese servizio come insegnante elementare presso la scuola Fratelli Bandiera di Roma, dove restò fino alla pensione. Nel 1955, grazie ai cugini che vivevano a Lima in Perú, si recò per la prima volta in Sud America, e collaborò con il cugino, docente di italiano, in programmi di scolarizzazione e di socializzazione.Conobbe don Giulio, padre salesiano in missione, con il quale tornò a collaborare spesso con l'Università Pontificia Salesiana. Questa esperienza fu ispiratrice dei romanzi El Loco, La Luna nelle baracche e del romanzo postumo E venne il sabato.Scrisse diversi libri per ragazzi: il più famoso è Orzowei, pubblicato nel 1955, da cui fu tratta negli anni '70 la serie televisiva omonima di grande successo per la regia di Yves Allegret, per la TV dei ragazzi.Nel 1960 fu scelto per presentare il programma Non è mai troppo tardi, in onda sul Programma Nazionale, che prese il via il 15 novembre, concepito come strumento di ausilio nella lotta all'analfabetismo. Il programma, curato insieme a Oreste Gasperini e Carlo Piantoni, ebbe grande successo e lo rese famoso: riproduceva in televisione vere e proprie lezioni di scuola elementare con metodologie didattiche innovative. Al "provino" strappò il copione che gli era stato dato e improvvisò una lezione alla sua maniera, dinanzi a classi composte da adulti analfabeti o quasi. La trasmissione andò in onda per otto anni e fu di grande interesse e rilevanza sociale: si stima che quasi un milione e mezzo di persone abbiano conseguito la licenza elementare grazie a queste lezioni a distanza, svolte di fatto secondo un vero e proprio corso di scuola serale. Le trasmissioni andavano in onda nel tardo pomeriggio, prima di cena. Manzi utilizzava un grande blocco di carta montato su cavalletto sul quale scriveva, con l'ausilio di un carboncino, semplici parole o lettere accompagnate da un accattivante disegnino di riferimento. Usava anche una lavagna luminosa, per quei tempi assai suggestiva. La Rai Eri, casa editrice della Rai, pubblicava materiale ausiliario per le lezioni, quali quaderni e piccoli testi.Alberto Manzi in un momento in onda del programma TV Non è mai troppo tardi-Nel 1961 gli viene conferita la Croce di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Concluso il programma, dopo alcune brevi e sporadiche programmazioni radiotelevisive su temi legati all'istruzione, ritornò quasi a tempo pieno all'insegnamento scolastico classico, presso la scuola elementare "Fratelli Bandiera" di Roma.Di tanto in tanto partecipò a delle campagne di alfabetizzazione degli italiani all'estero e ad alcuni viaggi in America Latina per collaborare alla promozione sociale dei contadini più poveri.Tornò alla ribalta nel 1981, quando si rifiutò di redigere le appena introdotte "schede di valutazione" che la riforma della scuola aveva messo al posto della pagella. Disse: «Non posso bollare un ragazzo con un giudizio, perché cambierebbe, è in movimento. Se il prossimo anno uno leggesse il giudizio che ho dato quest'anno, l'avremmo bollato per i prossimi anni». La "disobbedienza" gli costò la sospensione dall'insegnamento e dallo stipendio.

L'anno seguente il Ministero della Pubblica Istruzione fece pressione su di lui per convincerlo a scrivere le attese valutazioni: fece intendere di non avere cambiato opinione, ma si mostrò disponibile a redigere una valutazione riepilogativa, uguale per tutti tramite un timbro. Il giudizio era: "Fa quel che può, quel che non può non fa". Il Ministero si mostrò contrario alla valutazione timbrata, al che Manzi ribatté: «Non c'è problema, posso scriverlo anche a penna».Nel 1992 la Rai ripropose Manzi ne L'italiano per gli extracomunitari, programma in 60 puntate televisive in onda su Rai 3, per insegnare la lingua italiana agli immigrati. Dal 1995 al 1997 fu sindaco di Pitigliano, in provincia di Grosseto.Diverse logge italiane commemorano Manzi come massone, ma nessuna di queste presenta a dimostrazione una certificazione della sua effettiva appartenenza a una qualsiasi loggia massonica.Il maestro Manzi morì il 4 dicembre del 1997, presso l'Ospedale di Pitigliano.

Ultima modifica ilMercoledì, 22 Maggio 2024 16:44

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.