BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
BILANCIO POSITIVO PER LA 41MA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI MUSICA CLASSICA| CITTA’ MEDIEVALI, UN’EDIZIONE DI ALTO LIVELLO: Redazione- Circa trenta concerti di alto livello tra il nord Ciociaria e la Valle Aniene. Il direttore artistico: «Siamo soddisfatti, anche la prossima stagione ricca di appuntamenti»Si è chiuso con un grande successo di pubblico e di critica la 41ma NASCE IL TAVOLO DEL CENTROSINISTRA IN ABRUZZO: Redazione- “Condivideremo da subito il nostro programma, le Tesi per l’Abruzzo, con le forze politiche di centrosinistra che hanno partecipato al Tavolo di oggi. Ci aspettiamo suggerimenti e integrazioni. Inizia un lavoro comune, con chi ha preso parte al primo LE STRADE DEL CUORE| LA SALUTE CARDIOVASCOLARE ARRIVA IN PIAZZA SAN PIETRO PER PORTARE LA PREVENZIONE VICINO ALLE PERSONE PIU': Redazione- L’iniziativa itinerante dedicata alla salute cardiovascolare “Le Strade del Cuore”, dopo il successo dei tre giorni in piazza del Risorgimento, si sposta oggi in piazza San Pietro con una tappa speciale resa possibile grazie alla collaborazione con l’Elemosineria Apostolica, LA GUERRA DELL'AQUILA(1423-24) E LA SCONFITTA DI FORTEBRACCIO DA MONTONE NELLA BATTAGLIA DI BAZZANO: di Angela Casilli * Redazione- Nella storia dell’Aquila gli anni 1423-24 sono ricordati come la guerra di Braccio da Montone e la città sarà coinvolta, suo malgrado, nell’intricata questione della successione alla regina Giovanna II d’Angiò, ribellandosi ai disegni della sovrana AI -GIOVEDI' DELLA CULTURA- SI PARLA DI FISICA: Redazione- Prosegue il ciclo di conferenze promosso dalla Fondazione Cassamarca e dedicato a due grandi temi, “Classico” e “Universo”, che saranno affrontati, nelle loro molteplici declinazioni, da personalità della cultura e della scienza. L’appuntamento del 28 ottobre è dedicato a “Fisica NELLA RUBRICA DI MICHELE FINA IL TEMA DELLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: Redazione- Nell’82esimo incontro della rubrica di Michele Fina “Dialoghi, la domenica con un libro” è stato presentato il libro “In fondo al desiderio. Dieci storie di Procreazione assistita” (Fandango). Assieme all’autrice, la scrittrice ed esperta di politiche di genere Maddalena GUANCIALE (PD)| LA REGIONE RENDA OPERATIVA LA FILM COMMISSION: Redazione- “Le osservazioni fatte da Donatella Di Pietrantonio, confermate da quelle del regista de ‘L’Arminuta” Giuseppe Bonito, sono sacrosante: sono ormai anni che si parla della Film Commission abruzzese e delle sue attuali lacune. Il Pd Abruzzo, il cui programma CARSOLI - DOPO DUE ANNI DI CHIUSURA RIAPRE IL CENTRO ANZIANI: Redazione- Finalmente dopo die anni di chiusura, per via della pandemia, torna ad aprire il centro anziani SANTA VITTORIA . Il centro, aperto a tutti senza limiti di età, puta alla fusione giovani ed anziani in un suolo luogo, dove CARSOLI - BOLLETTE DEL CAM CON QUOTA DEPOSITO: Redazione- Molti utenti di Carsoli e della Piana del Cvaliere in questi giorni stanno ricevendo le bollette CAM, con una strana quota deposito. Parlo di strana nota deposito, perchè nelle bollette del CAM questa nota non vi è mai stata, L'AQUILA - A BREVE TORNERA' AL FORTE SPAGNOLO LO SCHELETRO DI MAMMUT: Redazione- A fine mese tornerà a frte spagnolo il Mammut , e sarà visitabile in via eccezionale il 30 ed il 31 Ottobre dalle 10 alle 22.  Lo scheletro del Mammut è al Castello dal 1960, risale a un milione e

FMI- I MIGRANTI ARRECANO SVILUPPO E MIGLIORANO LE ECONOMIE DEI PAESI OSPITI

Fmi Fmi

Redazione- Mentre l’Italia continua ad affrontare sostanzialmente da sola la scottante questione dell’immigrazione clandestina, ecco che si alza la voce del Fmi, il Fondo monetario internazionale. Ma non per invocare sostegno al nostro Paese.L’organismo istituito nel 1945 per scongiurare il ripetersi di gravi crisi economiche, infatti, è sceso in campo affermando ufficialmente che i migranti non solo non rappresentano un peso per le economie degli Stati che li ospitano ma addirittura favoriscono lo sviluppo delle Nazioni.

Una tesi lanciata in un nuovo capitolo del World Economic Outlook su "Gli effetti macroeconomici delle migrazioni globali" diffuso in occasione della Giornata del Rifugiato. Il Fmi spiega che affermare il contrario sia una "idea sbagliata" visto che nelle economie avanzate"aumentano la produzione e la produttività sia a breve che a medio termine".

Per ribadire questo concetto, l’organizzazione mostra un aumento di 1 punto percentuale nell'afflusso di immigrati rispetto all'occupazione totale aumenta il Pil di quasi l'1% entro cinque anni dal loro ingresso. In particolare, per quanto riguarda l'immigrazione di carattere economico, l'analisi sottolinea le competenze professionali dei nuovi arrivati e quelle dei lavoratori autoctoni apportano al mercato del lavoro una serie diversificata di abilità ed esperienze che "si completano a vicenda e aumentano la produttività". Secondo l'Fmi "l'aumento della produttività derivante dall'immigrazione apporta benefici al reddito medio" dei residenti originari. Lo stesso Fondo ammette che è diverso lo scenario legato all'immigrazione di rifugiati nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo, un fenomeno che ha anche connotazioni politiche, essendo legato a guerre o discriminazioni, e nel quale si riflettono le difficoltà che questi migranti devono affrontare per integrarsi nei mercati del lavoro locali.

Fmi ribadisce che "le migrazioni portano grandi benefici ai paesi ospitanti e offrono un'opportunità per una vita migliore" a chi vi si trasferisce ma allo stesso tempo riconosce che questo fenomeno "può anche creare sfide distributive, poiché i lavoratori autoctoni in specifici segmenti di mercato potrebbero essere danneggiati dal punto di vista economico, almeno temporaneamente". Per questo motivo, il Fondo invita i governi ad adottare politiche fiscali e del mercato del lavoro che "dovrebbero essere utilizzate per sostenere il reddito e la riqualificazione dei lavoratori locali" mentre, sul fronte degli immigrati, a mettere in campo politiche orientate all'integrazione "come la formazione linguistica e un più facile riconoscimento dei titoli professionali, possono aiutare a ottenere risultati ancora migliori" da questi flussi nei Paesi ospitanti. Inoltre, per l'Fmi, "è necessario un coordinamento delle politiche internazionali per affrontare le sfide della migrazione dei rifugiati" a partire dalla "condivisione dei costi di accoglienza e la promozione della loro integrazione" nelle economie emergenti e in via di sviluppo.

Da una ricerca diffusa sempre dal Fondo emerge che in 30 anni il numero di quanti possono essere definiti migranti è più che raddoppiato a livello globale, passando dai 120 milioni del 1990 ai 270 milioni del 2019. Ma la loro quota è rimasta pressoché stabile, intorno al 3% degli abitanti totali, per via dell'incremento della popolazione mondiale. La quota di immigrati nelle economie avanzate, però, è aumentata in questo stesso lasso di tempo passando dal 7% al 12% mentre quella nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo è rimasta stabile intorno al 2%. Tendenzialmente, ha osservato l’Fmi,"i migranti si stabiliscono nella loro regione d'origine" ma "una parte significativa della migrazione internazionale ha luogo su lunghe distanze (ad esempio, dall'Asia meridionale al Medio Oriente) e, in particolare, dai mercati emergenti e dalle economie in via di sviluppo verso economie avanzate". Al contrario, i movimenti dei rifugiati sono "un fenomeno più localizzato dal momento che le popolazioni vulnerabili lasciano improvvisamente le loro abitazioni con poche risorse e si spostano verso destinazioni più sicure, di solito vicine al paese di origine".

L'analisi spiega che "uno dei motivi principali per cui le persone migrano sono le differenze di reddito tra i paesi di origine e quelli di destinazione. I paesi con un reddito pro capite inferiore sperimentano una maggiore emigrazione, ma solo se non sono troppo poveri". A dimostrazione di ciò vi è un elemento preciso. "Nei Paesi con un reddito pro capite all'origine inferiore a 7000 dollari- ha spiegato il Fondo- l'emigrazione è più bassa verso le economie avanzate: e questo suggerisce che le persone rimangono intrappolate nella povertà poiché non hanno le risorse necessarie per superare i costi delle migrazioni".

Ma negli ultimi mesi, a causa dell’emergenza sanitaria, si è registrato"un brusco arresto delle migrazioni". Per il Fondo se il lockdown "è temporaneo, la pandemia può aggiungere un sentimento generale di resistenza e avere effetti a più lungo termine sulla volontà dei paesi di accogliere i migranti". Infine, l’Fmi ha sottolineato che "una minore immigrazione e un'elevata disoccupazione nelle economie di destinazione danneggerebbero i Paesi di origine, in particolare quelli più poveri, che dipendono

in modo significativo dalle rimesse che i lavoratori migranti rimandano a casa".

Ultima modifica ilVenerdì, 03 Luglio 2020 11:55

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.