BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
OGGI SI FESTEGGIA SANTA BARBARA, LA MARTIRE DEL FUOCO: Redazione- Oggi si festeggia Santa Barbara, protrettrice dei pompieri. Nacque a Nicomedia (Turchia). La fanciulla, il cui padre era conosciuto come uno dei più feroci persecutori dei cristiani, venne educata alle lettere ma si appassionò subito ai misteri cristiani. Per sentirsi CARSOLI - TEST ANTIGENICI GRATUITI: Redazione- I test gratuiti verranno eseguiti Venerdì 4, Sabato 5 e Domenica 6 Dicembre dalle ore 09,30 alle 17,30. NON DEVE ESSERE EFFETTUATA LA PRENOTAZIONE!!! I test antigenici potranno essere fatti dai cittadini: residenti o domiciliati a Carsoli e Oricola di età CARSOLI - AVVISO BUONI SPESA - SOLIDARIETÀ ALIMENTARE: Redazione- È stato pubblicato sul sito del Comune di Carsoli l’avviso contenente tutte le indicazioni per la presentazione della richiesta di contributo alimentare - BuoniSpesa. La platea dei beneficiari, persone e nuclei familiari in condizione di indigenza o necessità, può NUOVO DPCM - LIMITAZIONE AGLI SPOSTAMENTI TRA REGIONI: Redazione- Il premier Conte ha pronunciato il nuovo DPCM.Dal 21 dicembre al 6 gennaio, in tutta Italia, sarà vietato spostarsi dalla propria Regione o dalla propria Provincia autonoma. Il 25 dicembre, il 26 dicembre e l’1 gennaio sarà vietato anche ABRUZZO - MARSILIO COMUNICA CHE L'ABRUZZO RESTA IN ZONA ROSSA, PER ORA: Redazione- L'Abruzzo resta nell'inferno ROSSO. La nota arriva dallo staff  di Marco Marsilio, presidente della Regione Abruzzo: qui era stata anticipata l'introduzione della zona rossa con ordinanza regionale che scade oggi. Negli ultimi giorni Marsilio ha sollecitato Speranza affinché fosse anticipato GROTTE DI PIETRASECCA| NOMINA A COMPONENTE DEL COMITATO DI GESTIONE: Manifestazione di Interesse a Componente del Comitato di Gestione della Riserva Naturale Speciale delle Grotte di Pietrasecca SEN. DI GIROLAMO| CENTRALE SNAM OPERA DANNOSA: Redazione- Non posso che condividere in pieno il parere negativo espresso dal Comune di Sulmona nella Conferenza dei Servizi tenutasi questa mattina, nonostante l’assenza della ASL, impegnata da mesi sull’emergenza da covid-19 ed impossibilitata quindi ad espletare l’istruttoria per il MARCELLO PIERI| IN PUNTA DI PIEDI: Redazione- Arriva il 3 dicembre su Youtube il corto che racconta “IN PUNTA DI PIEDI”, il nuovo singolo di MARCELLO PIERI, registrato da Jonathan Costa e mixato da David Sabiu al Savana Studio di Forlì.“In punta di piedi – storia di una canzone” per la regia di Paolo ASSOCIAZIONE PRESENZA FEMMINISTA| FORMARE UNA COSCIENZA CIVILE SULLE QUESTIONI DI GENERE: Redazione- Un doppio appuntamento per conoscere più approfonditamente la Convenzione di Istanbul e quindi le questioni di genere. Questo lo scopo dei due incontri online organizzati e promossi dall’associazione di promozione sociale Presenza Femminista. Mercoledì 25 novembre e mercoledì 2 P. I. | ANCHE IN ABRUZZO IN ARRIVO I TEST ANTI-COVID PER I DIPENDENTI: Redazione- Poste Italiane lancia una campagna di test anti Covid-19 sui suoi 130.000 dipendenti. Lo ha annunciato il condirettore generale di Poste Italiane, Giuseppe Lasco, ai microfoni del TgPoste, il telegiornale aziendale, anticipando che dal 14 dicembre saranno somministrati ai

SCIENZA E EUROPA| DAL PRIMO NOVECENTO AD OGGI

Fina,Votano,Greco Fina,Votano,Greco

Redazione- L’inestricabile rapporto tra la scienza e l’Europa: Michele Fina è tornato ad affrontare il cuore del ciclo di libri di Pietro Greco nel suo appuntamento in diretta Facebook “Un libro, il dialogo, la politica”. Oltre a Greco ospite dell’incontro è stata una delle più importanti scienziate italiane: Lucia Votano, già direttrice dei Laboratori del Gran Sasso. Il dialogo è stato sul testo dei cinque dedicato al Primo Novecento, il penultimo dell’opera, dopo che si era parlato dell’ultimo il 9 agosto scorso. 


Fina ha sottolineato che “questo libro si concentra molto sulla Germania, spiegando come la crisi dell’Europa è stata la crisi della Germania”. L’autore ha raccontato che “già dall’Ottocento la Prussia iniziò a puntare molto sulla scienza, riformando l’università per fare in modo che vi si formassero scienziati a prescindere dalla classe di provenienza. La Germania divenne leader nel campo scientifico e tecnologico, e questo portò a una serie di cambiamenti sociali molto rapidi: vi fu l’urbanizzazione e una serie di conflitti che vennero malgovernati e produssero veri e propri tumori. Penso alle discriminazioni di tipo etnico, quelle nei confronti degli ebrei e degli zingari. Questa incapacità di governare la modernità ha di fatto prodotto la lunga guerra che ha avuto inizio nel 1914”. 


Il cuore dei libri di Greco è la tesi che lo sviluppo scientifico sia stato nei secoli il cuore della costruzione dell’identità europea, del suo sviluppo, dell’acquisizione della sua leadership nel mondo; il declino della scienza in Europa ha di fatto determinato anche il declino del continente sullo scacchiere globale. Per Greco i primi decenni del Novecento sono in questo senso tristemente decisivi: “L’asse scientifico a partire degli anni Trenta si spostò oltreoceano, il trasferimento di Einstein negli Stati Uniti fu di fatto come lo spostamento del Papa. A questo si aggiunsero altri fattori: la persecuzione degli ebrei, visto il loro peso tra gli scienziati, ebbe effetti devastanti anche sul mondo scientifico tedesco, e di riflesso in quello italiano: il nostro era allora il Paese leader nella fisica atomica e nucleare. 


Nel dialogo argomento ricorrente è stato il rapporto tra scienza e libertà nel Paese in cui si pratica, vista la grande corsa attuata dalla Cina in termini di investimenti. Per Michele Fina “la scienza non può che determinare spazi di libertà”. Lucia Votano ha detto che “è difficile fare previsioni sull’evoluzione dello sviluppo della scienza in Cina. Certo, ci sono contraddizioni, non parliamo di una democrazia compiuta nella concezione occidentale”. I numeri sono impressionanti, Votano ha ricordato di essere impegnata in un esperimento in cui la Cina investe da sola il 95 per cento dei 300 milioni necessari al finanziamento, ed è solo un esempio sui miliardi investiti ogni anno. Proprio la scienziata ha messo sul tavolo a questo proposito il problema degli stati europei di oggi rispetto a secoli o decenni fa, per quanto riguarda le spese per la ricerca: “Bisogna vedersela con colossi, come la Cina o gli Stati Uniti. E’ chiaro che anche Stati europei che vantano dei grossi sforzi, come la Germania o la Svezia, da soli non ce la possono fare. Il problema è che l’Europa non è una federazione di Stati, nemmeno dal punto di vista della scienza. Ci si dovrebbe consorziare di più: non è un caso che l’unico esempio europeo di successo in questo campo sia il Cern di Ginevra, l’intuizione di dare vita a un laboratorio dove fossero concentrati fisici dediti alla ricerca di base”. Per Greco è necessario “un governo europeo della ricerca e della formazione, ma è un traguardo difficile, ed è fondamentale che la Germania si spogli un po’ del suo nazionalismo e del suo provincialismo”. 


Concentrando l’attenzione sull’Italia, Votano ha criticato l’assenza della formazione e della ricerca nel dibattito sull’utilizzo delle risorse del Recovery Fund, Greco sottolineato l’urgenza e l’opportunità rappresentata proprio da queste risorse per raddoppiare o triplicare, a partire dai 20 miliardi annui, gli investimenti in scuola, università, ricerca. Una scelta che sarebbe funzionale a quella di cambiare modello produttivo, per passare a uno a più alto tasso di qualità e specializzazione. Fina ha concluso ricordando che i 1800 miliardi stanziati attraverso un Recovery Fund rappresentano un importante segnale dell’esistenza stessa dell’Unione europea, e ora occorre

“la consapevolezza che si deve partire dalla ricerca: facciamo il secondo passo dopo il primo”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.