BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PROROGATA FINO AL 21 GENNAIO 2024 LA MOSTRA LA ROMA DELLA REPUBBLICA | IL RACCONTO DELL' ARCHEOLOGIA: Ai Musei Capitolini, nelle sale di Palazzo Caffarelli il racconto della Roma repubblicana, dagli inizi del V alla metà del I secolo, attraverso circa1800 reperti, per la maggior parte esposti per la prima volta.     Redazione - Viene prorogata fino al 21 gennaio 2024 POSTE ITALIANE: A RIETI CONTINUANO LE SELEZIONI PER CONSULENTI FINANZIARI: Redazione-  Poste Italiane ricerca laureati motivati a intraprendere un percorso di formazione e crescita professionale come consulenti finanziari.Rieti è una delle 30 sedi di Poste Italiane sul territorio nazionale dove attualmente la ricerca è attiva. Per conoscere le altre sedi e POSTE ITALIANE: IL FESTIVAL “MUSICA CON VISTA” CON UN CONCERTO GRATUITO ENTRA NELLO STORICO PALAZZO DELLE POSTE DI SAN: Giovedì 28 settembre alle ore 19.00 il gruppo serbo “Corda Piano Trio” si esibirà proponendo componimenti di Felix Mendelssohn e Sergei Rachmaninoff L’ingresso al concerto del Palazzo delle Poste di San Silvestro è gratuito. I posti sono limitati con obbligo di I NUOVI APPUNTAMENTI DELL'ESTATE ROMANA 2023 DAL 27 SETTEMBRE AL 3 OTTOBRE: Redazione-  Anche questa settimana sono numerose le iniziative che animeranno la città tra cinema, teatro, musica, danza, arte, incontri e attività per bambini e famiglie. Un ricco calendario di eventi dedicati a un pubblico di tutte le età, promossi dall’Assessorato LUCIANO D'AMICO SI PRESENTA | AL LAVORO SU UN PATTO PER L'ABRUZZO: Redazione-  Luciano D’Amico ha presentato la sua candidatura alla Presidenza della Regione Abruzzo. Si contrapporrà a Marco Marsilio alle elezioni regionali del prossimo anno. Nato a Torricella Peligna nel 1960, è professore ordinario di Economia. Tra le altre cose è “IL CAOS DI UN’ESISTENZA”. QUANDO L’ORDINE PRENDE FORMA NEL DISORDINE: Redazione-  «Il caos è il germe della vita, è potenziale; il potenziale di un’esistenza, la quale tra alti e bassi, pace e conflitto interiore, dolori e consolazioni, ne esce forte, vitale e grintosa, mai imbruttita ma sempre più brillante e ANITA BRIGHTFLY | AMOREVOLE TU: Redazione- Dal 29 settembre 2023 sarà in rotazione radiofonica “Amorevole tu”, il nuovo singolo di Anita Brightfly disponibile sulle piattaforme di streaming digitale dal 28 settembre.“Amorevole tu” è un brano autobiografico dedicato ad un grande amore sofferto e travagliato, poi SULLE TRACCE DI OJETTI PER "UNA SETTIMANA IN ABRUZZO"A CUGNOLI: Redazione- Ugo Ojetti e "Una settimana in Abruzzo", saranno i protagonisti di un nuovo appuntamento del tour di "Comete – Scie d'Abruzzo" (Ianieri Ed.): il 28 settembre alle ore 21.00 il reportage di inizio novecento verrà fatto conoscere a Cugnoli IL CENTRO ABRUZZESE CANADESE DI OTTAWA CELEBRA 50 ANNI DALLA FONDAZIONE: Agli eventi del 7-8 ottobre presenti Autorità canadesi e dall’Abruzzo; parteciperà anche Goffredo Palmerini Redazione  - Grande festa a Ottawa, il 7 e 8 ottobre 2023, per i 50 anni del Centro Abruzzese Canadese Inc, organizzazione no-profit legalmente riconosciuta dal Governo THE GLOBAL CITY | A JOURNEY BEYOND BORDERS: Redazione-  In occasione del centenario dalla nascita di Italo Calvino, Instabili Vaganti presenta sabato 30 settembre al Teatro Goldoni di Firenze la nuova versione di “The global City”, spettacolo di Nicola Pianzola ispirato a “Le città invisibili”, con coro scenico

RIZZO DISTRUGGE IL PD| PENSA SOLAMENTE ALL'UTERO IN AFFITTO E GENDER NELLE SCUOLE. HA TRADITO IL POPOLO ITALIANO

Marco Rizzo Marco Rizzo

Redazione- Da SputnikNews – Chi si batte in Italia sulle questioni del lavoro, della famiglia e della sanità? La sinistra con il Pd in testa è troppo occupata ad approvare il ddl Zan, a promuovere la pratica dell’utero in affitto e il gender nelle scuole. I temi che preoccupano il Paese, soprattutto in un periodo di crisi, sono il lavoro e la sanità, ma pare che una certa sinistra si batta per tutt’altre cause. “Il popolo, inteso la classe lavoratrice e le persone che vivono nelle periferie, odia la sinistra, perché la sinistra l’ha tradito”, questa è l’opinione espressa in un’intervista in esclusiva a Sputnik Italia da Marco Rizzo, segretario generale del Partito Comunista.

— Marco Rizzo, dov’è finita la sinistra italiana?

— È stato un processo lungo di mutazione genetica che è già iniziato nel Partito Comunista italiano negli anni ’70-’80 e che ha portato allo scioglimento del partito. Qualcuno potrebbe chiedere com’è possibile che da Antonio Gramsci si possa arrivare a Letta, a Zingaretti e a Renzi. È stato un po’ come un carciofo: un carciofo ha molte foglie che sono state sfogliate una alla volta.

Già negli anni ’70 sono mutate all’interno del partito comunista alcune direttrici: l’eurocomunismo, il compromesso storico, la fine della spinta propulsiva della rivoluzione d’ottobre, la scelta dell’ombrello della NATO e poi vi è stata una serie di adesioni, come ad esempio quella ai diritti civili; poi va citato un certo femminismo, un ecologismo da salotto. Sono tutte cause che hanno portato allo scioglimento del partito comunista e al cambio del nome. Liberati da quel simbolo, il simbolo del lavoro, la sinistra e quello che è diventato il partito democratico sostanzialmente sono divenuti un partito radicale di massa, intendo un partito neoliberista e un partito incentrato sulla sostituzione dei diritti sociali con i diritti civili.

— Dopo il primo maggio, come abbiamo visto, si è parlato solo di Fedez e del ddl Zan. Del lavoro si sono dimenticati tutti. Possiamo dire che il Pd si è allontanato dal popolo e dai suoi veri problemi, fra cui il lavoro?

— Purtroppo queste scelte ci obbligano a dire che il popolo, inteso la classe lavoratrice e le persone che vivono nelle periferie, odia la sinistra, perché la sinistra l’ha tradito. Si è rivolta dal punto di vista economico alle banche, all’Unione Europea, alla NATO, ai potentati economici del mondo. Dal punto di vista ideale ha sostituito le questioni sociali, per citarne una il lavoro e la battaglia contro le morti sul lavoro, con i diritti civili. Vorrei precisare: non è che i diritti civili non siano importanti, ma questa sinistra ha volutamente anteposto i diritti civili a quelli sociali. Mentre cancellava l’articolo 18 da una parte, apriva al discorso dell’utero in affitto, apriva al discorso del gender nelle scuole e via di questo passo. Ci sono dei diritti importanti che vanno confermati e ampliati: sono assolutamente d’accordo sulle unioni civili, sono ferocemente contrario all’utero in affitto.

Continua a leggere su SputnikNews

Ultima modifica ilDomenica, 30 Maggio 2021 13:59

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.