BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PESCOCOSTANZO - NEL CUORE DEL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA: Nel cuore degli altipiani carsici dell’Appennino abruzzese, a 1410 m s.l.m, come un gioiello di alta orificieria nostrana, incontriamo Pescocostanzo, uno dei Borghi più belli d’Italia, e d’Abruzzo.Un borgo di eccezionale bellezza che detiene un patrimonio architettonico civile e religioso CELANO - AQUILA IN DIFFICOLTA' NELLA STRADA CENTRALE DEL PAESE: Un bel esemplare di Aquila è stata notata per la strada provinciale di Celano. Subito allertati i Carabinieri Forestali, che in un primo intervento hanno evidenziato uno satto confiìuzionale del rapace, forse intossicato da un cibo. Solo dopo un paio PAGANICA - DONNA INSEGUITA DA UN GRUPPO DI GIOVANI, SALVA GRAZIE ALL'INTERVENTO DEI CARABINIERI: Una banale passeggiata con il cane si è trasformata in un incubo per una donna di Paganica che si è imbattuta in un gruppo di ragazzi: “Verso le 20 e 40 – racconta sui social – stavo passeggiando con il SULMONA - CONVEGNO PER RICORDARE MALVESTUTO, DELLA BRIGATA MAIELLA: Si svolgerà venerdì 1 marzo alle ore 17.30 nell'aula consiliare del Comune di Sulmona il convegno dedicato alla figura di Gilberto Malvestuto, ufficiale della Brigata Maiella scomparso un anno fa. Al patriota, "punto di riferimento essenziale per la storia dei drammatici CORFINIO - LA PRIMA CAPITALE D'ITALIA: In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a SITI ARCHEOLOGICI ABRUZZESI - CORFINIUM: Corfinium è situata nella Valle Peligna. La città di Corfinium, per la sua marcata propensione all’indipendenza, si scontrò più volte con Roma, tanto che alla fine del conflitto nel 90 a.C. la città vide riconosciuta la cittadinanza romana. In questo NNUJE L’ANTICO SALAME ABRUZZESE: Le nnuje,è un prodotto tipico abruzzese, un salume di antiche origini diffuso in tutta la regione, in particolare nel Teramano. Le nnuje sono una specie di incrocio tra salsiccia e salame, realizzate con trippa e pancetta suina insaccate in un POSTE ITALIANE: ROCCA DI CAMBIO, AL VIA I LAVORI DEL PROGETTO - POLIS- PER L’UFFICIO POSTALE: Redazione-  Poste Italiane comunica che l’ufficio postale di Rocca di Cambio è interessato da interventi di ammodernamento per migliorare la qualità dei servizi e dell’accoglienza. La sede infatti è inserita nell’ambito di “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, il progetto di 8 MARZO: IL LIBRO DI VALENTINA VENTI E LA MOSTRA DI SIMONE D'AMICO A BUGNARA: Redazione-  Venerdì 8 marzo 2024 a partire dalle ore 17.00, il Centro Studi e ricerche "Nino Ruscitti" ospiterà la mostra dell'artista sulmonese Simone D'Amico. A seguire la presentazione del libro di Valentina Venti "Per poi svegliarmi in un quadro" con PESARO CAPITALE ITALIANA DELA CULTURA: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 26 febbraio 2024, viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicato alla città d’Italia: Pesaro, Capitale italiana della

L'ARTICOLO 134 C.P.P. E IL RISARCIMENTO PER INGIUSTA DETENZIONE

Ingiusta Detenzione Ingiusta Detenzione

Redazione- “Subire una pena detentiva lunga e severa all’età di 22 anni ruba anni fondamentali per il proprio percorso di vita. E se dopo sei anni ti è riconosciuta l’innocenza e la totale estraneità rispetto ai reati contestati, nessuno ti ridarà quegli anni. Per questo credo che si debba grande rispetto a Giulio Petrilli e alla sua battaglia, per la quale voglio esprimere tutto il mio sostegno umano e politico”: lo dichiara il senatore Michele Fina, segretario del Partito Democratico abruzzese.
 

Fina ricorda che “nel contesto sociale della Milano degli anni ‘80 Giulio Petrilli viene arrestato con l’accusa di fiancheggiare l’organizzazione terroristica Prima Linea subendo la sofferenza del carcere duro per sei lunghi anni. Solo nel 1986 la Corte di Appello di Milano emetterà sentenza di assoluzione, confermata tre anni dopo dalla Cassazione, restituendo alla libertà Giulio. ‘Il carcere è una sofferenza che ti porti 24 ore su 24, la indossi sempre. Mi creda, ci si riduce ad aver paura della propria libertà. È una sensazione indescrivibile, che non auguro a nessuno. Ed è per questo che continuo a lottare’ queste le parole di Petrilli in un’intervista di qualche anno fa. Questa la profonda sofferenza di un uomo innocente ingiustamente detenuto. A queste parole e a questa sofferenza le Istituzioni della Repubblica devono una grande attenzione e un dovere di ascolto. Per la storia di chi ha vissuto una vicenda tanto difficile e, ancor di più, per chi in futuro potrebbe sfortunatamente farne esperienza. La norma sull’ingiusta detenzione risponde ad un dovere di giustizia e umanità di cui lo Stato si deve far carico, rispondendo all’alto rispetto dei principi fondanti della Costituzione, in particolare di quanto esprime l’articolo 24 in materia di riparazione degli errori giudiziari. Il lungo e complesso dibattito sull’articolo 314 del Codice di Procedura Penale è frutto della delicatezza della tematica e degli interessi in gioco. Dottrina e Giurisprudenza hanno ampiamente approfondito, negli anni, i vari aspetti legati ai contenuti e all’applicazione della norma; tuttavia, sono ancora molti gli aspetti da migliorare e correggere.

Troppe le richieste respinte a causa dell’ampio margine di discrezionalità che il comma 1 dell’articolo 314 c.p.p. garantisce, lasciando inascoltate le legittime richieste di tanti, troppi, cittadini utenti della giustizia e vittime di errori. È giusto che i Giudici di Corte d’Appello, a cui è affidato il potere e la responsabilità di valutare le istanze, possano esercitare con pienezza di prerogative i casi a loro sottoposti. Ma è altrettanto legittimo, e ormai urgente, che tanti onesti cittadini possano vedere riconosciuto il diritto al risarcimento per aver patito gli ingenti disagi di un’ingiusta detenzione. La forza e la credibilità dell’ordinamento giuridico si misurano sulla capacità di comprensione più ampia possibile delle condizioni soggettive e dei diritti inalienabili dei cittadini, non certo dalla rigidità delle norme e della loro applicazione. Per questo ritengo che sia giunto il momento di tendere l’orecchio alle voci accorate di chi, pur vivendo ancora il dolore di una ferita aperta, personale e civile, chiede allo Stato riconoscimento e, nel chiederlo dimostra di credere ancora ai poteri pubblici, concedendo una seconda possibilità. E’ una grande occasione per riabilitare fiducia e autorevolezza istituzionale, nonché per lenire quelle ferite e rendere più viva l’attualità della Costituzione repubblicana. Grazie a Giulio per la sua

battaglia: siamo al suo fianco per uno Stato giusto e una Giustizia più umana”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.