BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PESCOCOSTANZO - NEL CUORE DEL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA: Nel cuore degli altipiani carsici dell’Appennino abruzzese, a 1410 m s.l.m, come un gioiello di alta orificieria nostrana, incontriamo Pescocostanzo, uno dei Borghi più belli d’Italia, e d’Abruzzo.Un borgo di eccezionale bellezza che detiene un patrimonio architettonico civile e religioso CELANO - AQUILA IN DIFFICOLTA' NELLA STRADA CENTRALE DEL PAESE: Un bel esemplare di Aquila è stata notata per la strada provinciale di Celano. Subito allertati i Carabinieri Forestali, che in un primo intervento hanno evidenziato uno satto confiìuzionale del rapace, forse intossicato da un cibo. Solo dopo un paio PAGANICA - DONNA INSEGUITA DA UN GRUPPO DI GIOVANI, SALVA GRAZIE ALL'INTERVENTO DEI CARABINIERI: Una banale passeggiata con il cane si è trasformata in un incubo per una donna di Paganica che si è imbattuta in un gruppo di ragazzi: “Verso le 20 e 40 – racconta sui social – stavo passeggiando con il SULMONA - CONVEGNO PER RICORDARE MALVESTUTO, DELLA BRIGATA MAIELLA: Si svolgerà venerdì 1 marzo alle ore 17.30 nell'aula consiliare del Comune di Sulmona il convegno dedicato alla figura di Gilberto Malvestuto, ufficiale della Brigata Maiella scomparso un anno fa. Al patriota, "punto di riferimento essenziale per la storia dei drammatici CORFINIO - LA PRIMA CAPITALE D'ITALIA: In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a SITI ARCHEOLOGICI ABRUZZESI - CORFINIUM: Corfinium è situata nella Valle Peligna. La città di Corfinium, per la sua marcata propensione all’indipendenza, si scontrò più volte con Roma, tanto che alla fine del conflitto nel 90 a.C. la città vide riconosciuta la cittadinanza romana. In questo NNUJE L’ANTICO SALAME ABRUZZESE: Le nnuje,è un prodotto tipico abruzzese, un salume di antiche origini diffuso in tutta la regione, in particolare nel Teramano. Le nnuje sono una specie di incrocio tra salsiccia e salame, realizzate con trippa e pancetta suina insaccate in un POSTE ITALIANE: ROCCA DI CAMBIO, AL VIA I LAVORI DEL PROGETTO - POLIS- PER L’UFFICIO POSTALE: Redazione-  Poste Italiane comunica che l’ufficio postale di Rocca di Cambio è interessato da interventi di ammodernamento per migliorare la qualità dei servizi e dell’accoglienza. La sede infatti è inserita nell’ambito di “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, il progetto di 8 MARZO: IL LIBRO DI VALENTINA VENTI E LA MOSTRA DI SIMONE D'AMICO A BUGNARA: Redazione-  Venerdì 8 marzo 2024 a partire dalle ore 17.00, il Centro Studi e ricerche "Nino Ruscitti" ospiterà la mostra dell'artista sulmonese Simone D'Amico. A seguire la presentazione del libro di Valentina Venti "Per poi svegliarmi in un quadro" con PESARO CAPITALE ITALIANA DELA CULTURA: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 26 febbraio 2024, viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicato alla città d’Italia: Pesaro, Capitale italiana della

UNIONI CIVILI , IL "NON" DIETROFRONT DEL M5S

Redazione-Per il ddl Cirinnà sulle unioni civili, la prossima settimana sarà cruciale. Da mercoledì, infatti, inizieranno i voti sugli articoli del testo che, ricordiamo, attendeva questo dibattito da tre anni, essendo stato presentato il 15 marzo 2013. Per dire della fretta di questo Governo di discuterlo. Nel corso delle ultime settimane, sul ddl sulle unioni civili abbiamo visto di tutto: pezzi della maggioranza PD prenderne le distanze; pezzi del Governo (Alfano, NDC) dissentire sproloquiando di uteri in affitto, il cui veto, indiscutibile, è imposto da un'altra legge; manifestazioni civili pro e contro. Ma, soprattutto, i preparativi, rivolti all'opinione pubblica, affinché nel caso in cui il ddl sulle unioni civili non fosse passato si sarebbe potuta affibbiare la colpa al M5S.

 

Abbiamo scritto più volte circa la reticenza del PD di affrontare la questione unioni civili: il rischio di perdere consensi, dai cattolici o dai nostalgici di sinistra, a seconda dell'esito, è certo. La via d'uscita per non perdere i consensi cattolici e avere qualcosa da dire agli elettori di sinistra? Non far passare il ddl Cirinnà potendo incolpare altri: i 5 Stelle, appunto, che intransigenti fino a oggi, hanno sempre dichiarato "O il ddl Cirinnà rimane invariato o non lo votiamo". Da qui la trappola, sempre più palese: modificare il ddl Cirinnà, indurre i 5 Stelle a votare contro e poter dire ai cattolici "Vi abbiamo ascoltato" e agli elettori di sinistra "Noi la legge sulle unioni civili la volevamo ma il M5S l'ha fatta bocciare".

 

Ma ecco la trovata grillina dell'ultima ora: dal blog ufficiale, Grillo dice che i senatori 5 Stelle, sullo stepchild adoption e sulla legge sulle unioni civili in toto, voteranno secondo coscienza, ossia, "Potremmo anche votare Sì alla legge anche se la modificate". Il feroce attacco dei deputati e senatori PD iniziato subito dopo, che ha dato luogo all'hastag di cui al titolo, può significare solo una cosa: non avevano previsto che, tesa la trappola, i grillini l'hanno evitata pochi istanti prima di cadervi. Mentre i senatori 5 Stelle sui social confermano la loro convinzione di sostenere il ddl sulle unioni civili, risulta evidente che, se il ddl Cirinnà non passerà, sarà solo responsabilità del PD. Che pure l'aveva presentato.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.