BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PESCOCOSTANZO - NEL CUORE DEL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA: Nel cuore degli altipiani carsici dell’Appennino abruzzese, a 1410 m s.l.m, come un gioiello di alta orificieria nostrana, incontriamo Pescocostanzo, uno dei Borghi più belli d’Italia, e d’Abruzzo.Un borgo di eccezionale bellezza che detiene un patrimonio architettonico civile e religioso CELANO - AQUILA IN DIFFICOLTA' NELLA STRADA CENTRALE DEL PAESE: Un bel esemplare di Aquila è stata notata per la strada provinciale di Celano. Subito allertati i Carabinieri Forestali, che in un primo intervento hanno evidenziato uno satto confiìuzionale del rapace, forse intossicato da un cibo. Solo dopo un paio PAGANICA - DONNA INSEGUITA DA UN GRUPPO DI GIOVANI, SALVA GRAZIE ALL'INTERVENTO DEI CARABINIERI: Una banale passeggiata con il cane si è trasformata in un incubo per una donna di Paganica che si è imbattuta in un gruppo di ragazzi: “Verso le 20 e 40 – racconta sui social – stavo passeggiando con il SULMONA - CONVEGNO PER RICORDARE MALVESTUTO, DELLA BRIGATA MAIELLA: Si svolgerà venerdì 1 marzo alle ore 17.30 nell'aula consiliare del Comune di Sulmona il convegno dedicato alla figura di Gilberto Malvestuto, ufficiale della Brigata Maiella scomparso un anno fa. Al patriota, "punto di riferimento essenziale per la storia dei drammatici CORFINIO - LA PRIMA CAPITALE D'ITALIA: In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a SITI ARCHEOLOGICI ABRUZZESI - CORFINIUM: Corfinium è situata nella Valle Peligna. La città di Corfinium, per la sua marcata propensione all’indipendenza, si scontrò più volte con Roma, tanto che alla fine del conflitto nel 90 a.C. la città vide riconosciuta la cittadinanza romana. In questo NNUJE L’ANTICO SALAME ABRUZZESE: Le nnuje,è un prodotto tipico abruzzese, un salume di antiche origini diffuso in tutta la regione, in particolare nel Teramano. Le nnuje sono una specie di incrocio tra salsiccia e salame, realizzate con trippa e pancetta suina insaccate in un POSTE ITALIANE: ROCCA DI CAMBIO, AL VIA I LAVORI DEL PROGETTO - POLIS- PER L’UFFICIO POSTALE: Redazione-  Poste Italiane comunica che l’ufficio postale di Rocca di Cambio è interessato da interventi di ammodernamento per migliorare la qualità dei servizi e dell’accoglienza. La sede infatti è inserita nell’ambito di “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, il progetto di 8 MARZO: IL LIBRO DI VALENTINA VENTI E LA MOSTRA DI SIMONE D'AMICO A BUGNARA: Redazione-  Venerdì 8 marzo 2024 a partire dalle ore 17.00, il Centro Studi e ricerche "Nino Ruscitti" ospiterà la mostra dell'artista sulmonese Simone D'Amico. A seguire la presentazione del libro di Valentina Venti "Per poi svegliarmi in un quadro" con PESARO CAPITALE ITALIANA DELA CULTURA: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 26 febbraio 2024, viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicato alla città d’Italia: Pesaro, Capitale italiana della

BAMBINA STATUNITENSE DI CINQUE ANNI: "VOGLIO VEDERE IL PAPA PRIMA DI DIVENTARE CIECA"

Redazione-Elizabeth “Lizzy” Myers è una bambina statunitense di 5 anni appena compiuti, affetta dalla nascita dalla Sindrome di Usher, una malattia genetica rara incurabile. Alla piccola Lizzy fu diagnosticata un anno fa la perdita di udito bilaterale e della vista; secondo quanto dichiarato dai medici, la bambina diventerà cieca e sorda tra qualche anno.Per sensibilizzare altre famiglie e incoraggiarle a sottoporsi a test genetici, i genitori hanno preso la decisione di raccontare la sua storia e hanno scritto una “visual bucket list”, cioè una lista di cose da farle vedere il prima possibile. Tra visite a osservatori astronomici, full immersion in riserve naturali e serate a teatro emerge uno dei più grandi desideri della bambina: incontrare dal vivo Papa Francesco e ricevere una sua benedizione. “La famiglia di mia moglie è italiana e noi siamo cattolici. Non potevamo quindi non vedere Roma”, ha dichiarato il padre di Lizzy, il 43enne Steve Myers, a FoxNews. “Entrambi abbiamo sentito che Lizzy sarebbe rimasta colpita dall’arte e dalle statue (di Roma) e che le avrebbe fatto piacere vedere i luoghi da cui proviene la famiglia di mia moglie, cioè a sud di Roma”.

 

La storia di Lizzy ha fatto il giro del mondo ed è presto diventata virale sui social. Al punto da creare una corsa alla solidarietà per realizzare questo piccolo grande sogno italiano. Dopo aver conosciuto la situazione della bambina, in molti si sono mostrati disponibili e hanno offerto e donato con grande generosità. Tra questi anche il direttore generale della Turkish Airlines Tuncay Eminoğlu che, commosso e profondamente colpito dalla storia di Lizzy, ha deciso di offrire alla sua famiglia un biglietto a/r per qualsiasi meta possibile. La famiglia – proveniente da Bellville, Ohio, a meno di 100 km dalla capitale Columbus – non ha avuto esitazione sulla destinazione da scegliere.

 

“Questa bambina potrebbe non avere mai più la possibilità di vedere il mondo, e noi l’abbiamo voluta aiutare”, ha dichiarato Eminoğlu. L’Unitalsi di Roma (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) ha dato totale disponibilità alla famiglia, offrendosi di accompagnarla all’udienza generale che Papa Francesco terrà il prossimo mercoledì 30 marzo.

 

“Una storia commovente – spiega il presidente Emanuele Trancalini a Roma Today – che ci ha coinvolti anche emotivamente. Abbiamo messo a disposizione della famiglia Myers i nostri mezzi per l’incontro con il Pontefice e per fare comprendere ai genitori di Lizzy che non sono soli nella battaglia contro questa terribile malattia. Con il nostro Progetto Bambini”, aggiunge Trancalini, “spesso siamo al fianco di famiglie che devono affrontare il dramma della malattia di un figlio e per questo sappiamo che la prima cura per loro è quella di non lasciarli soli. Sicuramente inviteremo la famiglia Myers a Lourdes in occasione del nostro consueto pellegrinaggio di ottobre per fare insieme un cammino di speranza e di fede”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.