BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
- LE API CI CURANO- | CONVEGNO ALL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO ORGANIZZATO DAL ROTARY CLUB TERAMO - VENERDÌ: Redazione-  Venerdì 24 maggio 2024, alle ore 16:00, presso la Sala delle lauree del Polo Didattico “G. d’Annunzio” dell’Università degli Studi di Teramo, si terrà il Convegno dal titolo “Le api ci curano”, organizzato dal Rotary Club Teramo in collaborazione ALL’ISTITUTO - ALESSANDRINI-MARINO - DI TERAMO L’IMPORTANTE CONVEGNO SUL TEMA - SECURLIFE - IL COMPORTAMENTO PROATTIVO NELLA SICUREZZA -: Redazione-  Recentemente, presso l’Auditorium dell’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino” di Teramo, si è tenuto il Convegno sul tema “Securlife – Il comportamento proattivo nella sicurezza”. Il Convegno è stato organizzato dall’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino-Pascal-Comi-Forti” di Teramo in collaborazione con INTERVISTA ALLA POETESSA GENOVESE ROSANNA CARLETTI: Redazione-  Mi chiamo Rosanna Carletti, dopo aver svolto i più svariati lavori ho lavorato gli ultimi vent’anni nel Ministero della Giustizia. Con grande fatica io e mio marito siamo riusciti a raggiungere i traguardi che ci eravamo prefissati. Fin dall’età dei miei PRIMAVERA DEI LIBRI A BUGNARA, PROSSIMO APPUNTAMENTO CON - PAROLE D'ABRUZZO -: Redazione-  Sarà la dialettologa Daniela D'Alimonte, l'ospite del quarto e penultimo appuntamento con la rassegna Primavera dei Libri a Bugnara (Aq): sabato 25 maggio alle ore 17.00 presenterà il suo amatissimo volume "Parole d'Abruzzo" per Ianieri Edizioni e la raccolta "Comete AL CASINO DELL’OROLOGIO DI VILLA BORGHESE - IL RILIEVO DEL CAVALIERE - SCULTURA IN MARMO DELLA PRIMA METÀ DEL: Redazione-    In occasione del Concorso Ippico sarà esposta al pubblico, presso il Casino dell'Orologio a Villa Borghese, una scultura in marmo di grande pregio: "Il Rilievo del cavaliere". L'opera, che appartiene al nucleo seicentesco della Collezione Borghese, rappresenta un EMISSIONE FRANCOBOLLO ORDINARIO DELLA SERIE TEMATICA - IL PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE ITALIANO - DEDICATO A LA GIOCANDA: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 23 maggio 2024, viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato a La Giocanda, relativo al valore PLANETARIO DI ROMA, 20 ANNI SOTTO LE STELLE: Redazione-  Esattamente vent’anni fa, il 26 maggio 2004, presso il Museo della Civiltà Romana all’EUR, veniva inaugurato il Planetario di Roma che riprendeva così le attività dopo una pausa di oltre 20 anni, dopo il suo trasferimento dall’Aula Ottagona delle DOMANI READING - NOVECENTO - PRESSO LA SCUOLA MACONDO DI PESCARA: Redazione-  Domani venerdì 24 maggio alle ore 18:30 presso la sede della Scuola Macondo di Pescara (via De Cesaris 36) ci sarà il reading dedicato a "Novecento" di Alessandro Baricco. L'evento, curato da Lorenza Sorino (di Unaltroteatro), rientra nel percorso finale DANIELE FALASCA - ACCORDION SOLO - IN CONCERTO A ROMA: Sabato 1° giugno, alle 18:00, il fisarmonicista Daniele Falasca in “Accordion Solo” in concerto al Salotto Musicale del Teatro Arciliuto di Roma Redazione-  La suggestiva cornice del Salotto Musicale del Teatro Arciliuto (Piazza di Montevecchio, 5, zona Via de’ Coronari – SALUTE: ANZIANI E PSICOANALISI: LA PSICOANALISTA ADELIA LUCATTINI: “CON LA PSICOANALISI ANZIANI PIÙ SERENI, RIFLESSIVI E IN SALUTE”   Redazione-  La solitudine e l’avanzare dell’età, difficile da accettare, spesso provocano conseguenze importanti sulla salute psicofisica, accorciando la durata la vita e procurando un’intensa sofferenza nella popolazione

CARSOLI, ORDINANZA ANTINCENDIO DEL SINDACO NAZZARRO

Spegnimento di Incendio Spegnimento di Incendio

Redazione-Dal sito ufficiale del Comune di Carsoli, riportiamo la seguente ordinanza emessa dal Sindaco Velia Nazzarro:

<<OGGETTO:  Attività in materia di antincendio boschivo. Divieto di accensione e lancio di fuochi di artificio e di cosiddette lanterne cinesi. di sparo di petardi, di scoppio di mortaretti, razzi e ogni altro artificio pirotecnico e barbecue. PREMESSO CHE

La legge n. 225 del 24 febbraio 1992 all'art. 15 riconosce il Sindaco come Autorità Locale di Protezione Civile, con autonomi poteri di intervento a tutela della popolazione;

La legge 267/2000 all'art. 50 assegna al Sindaco l'esercizio delle funzioni attribuitegli quale autorità locale nelle materie previste da specifiche disposizioni di legge;

Il Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 112, recante norme in materia di "conferimento di funzioni e di compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli Enti Locali" all'art. 108, lettera C, attribuisce ai comuni le funzioni relative all' attuazione, nella circoscrizione territoriale di rispetti competenza, delle attività di previsione, prevenzione e soccorso;

PRESO ATTO

Che con la stagione estiva la presenza di rovi, materiale secco, residui colturali/silvicolturali   e altri rifiuti infiammabili prospicienti la sede stradale costituiscono causa di elevato rischio di incendio;

Del protrarsi   di una situazione meteorologica priva di precipitazioni che favorisce lo sviluppo e la propagazione degli incendi ;Che i territori limitrofi  sono stati interessati da importanti incendi boschivi che stanno distruggendo diversi ettari del nostro patrimonio naturale minacciando anche i centri abitati;

CONSIDERATO NECESSARIO

Procedere all’attuazione di un programma di prevenzione e lotta contro ii rischio di incendi che

 mettono a pregiudizio l'Incolumità delle persone e l’integrità del patrimonio ambientale;

RAVVISATA LA NECESSITA'


Di adottare misure incisive a salvaguardia   delta   incolumità pubblica, a tutela dell'ambiente, che prevengano   concretamente   il rischio di incendi boschivi, le cui conseguenze   possono assumere contenuti drammatici per le persone e le cose;

CONSIDERATO

Pertanto necessario adottare ii presente provvedimento che, conformandosi alle prescrizioni regionali antincendio, impartisca direttive chiare per la prevenzione e la protezione degli incendi;

VISTI

La nota de! 22/06/2017, Prot. 7464/2017,   a firma del Presidente della Regione Abruzzo, avente ad oggetto: "Legge 21 novembre 2000, n. 353. Programma delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi-   anno 2017. Raccomandazioni";

Vista la nota a firma del Prefetto, acquisita al Prot. 7778 del 03/07/2017, avente ad oggetto: "Indirizzi operativi per fronteggiare gli incendi boschivi e di interfaccia. Stagione estiva 2017";

Vista la nota a firma del Prefetto, acquisita al Prot. 8106 del 14/07/2017, avente ad oggetto: "Indirizzi operativi per fronteggiare gli incendi boschivi e di interfaccia. Stagione estiva 2017;

La legge Quadro in materia di incendi boschivi n. 353 del 21.11.2000;

1J D.lgs n. 139 del 08.03.2006;

La L.R. 4 gennaio 2014, n. 3 "Legge organica in materia di tutela e valorizzazione delle foreste, dei pascoli e dcl patrimonio arboreo della regione Abruzzo";

La nota de] Dipartimento   della Protezione Civile Nazionale   n. RIA/39196   de)   13 gmgno 2017 riportante le raccomandazioni relative alla campagna   antincendio boschivo al fine di un "piu efficace contrasto agli incendi boschivi, di interfaccia ed ai rischi conseguenti" che individua, tra l'altro,

l'attenzione che dal '•15 Giugno al 30 Settembre 2017 e fissato il periodo di durata della Campagna

Antincendio Boschivo (A.l.B.);

Le leggi vigenti ed in particolare il D.lgs. n. 267 del 18 Agosto del 2000 art. 50 e 54

ORD INA

Con decorrenza immediata. fino a provvedimento di revoca. su tutto ii territorio comunale,

1.   il divieto di tutte le azioni determinanti, anche solo potenzialmente, l'innesco di incendio nelle aree a rischio;

2.   ii divieto, nelle zone boscate e cespugliate ed in tutti i terreni condotti a coltura agraria, pascoli e incolti, di compiere azioni che possono arrecare pericolo anche immediato di incendio;

3. il divieto assoluto   di accendere fuochi per l'abbruciamento di stoppie e residui di vegetazione, compresi quc11i provenienti da utilizzazioni boschive, da terreni cespugliati, pascoli, prati, colture arboree da frutto e da legno e da terreni abbandonati, nonché per eseguire la gestione e la pulizia

<lei terreni sottoposti a pascolo e/o per rinnovare ii cotico erboso. Il materiale di risulta derivante

da ripulitura dei terreni e/o dalla realizzazione   di viali parafuoco, nonché da ogni altra attività agricola o forestale dovrà   essere adeguatamente trattato nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 152/2006;


4.   I I divieto di accendere barbecue ad eccezione delle aree specificatamente   attrezzate rispettando q quanto previsto nel punto 8;

5.   il divieto assoluto d'accensione e lancio di fuochi d'artificio, di cosiddette lanterne cinesi e lo sparo di petardi e scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici;

6. Nel periodo di massimo rischio incendi è   vietato far brillare mine o usare esplosivi e, nelle aree a rischio, usare apparecchi  a fiamma o elettrici per bruciare metalli, usare motori e fornelli o inceneritori che producono faville o braci, fumare o compiere altra operazione che possa arrecare pericolo di incendio, salvo i casi di cui al punto 7;

7. in deroga alle precedenti disposizioni   di cui al punto precedente, I'uso del fuoco è  consentito,

secondo le indicazioni del punto 8:

per l'accensione di fuochi in appositi bracieri o focolai o altre strutture appositamente realizzate, nelle aie, nei giardini privati e condominiali, cortili di pertinenza di fabbricati siti all' interno delle predette aree e terreni;

8.   II fuoco, nei casi previsti al punto 7, deve essere acceso in spazi interni   alle aree interessate, che

siano quanto più possibile vuoti, circoscritti , isolati e riparati dal vento, in modo da impedire la dispersione della brace e delle scintille, avendo preventivamente ripulito !'area da foglie, da erbe  secche e da altri materiali facilmente   infiammabili ed avendo avuto cura di adottare ogni accorgimento idoneo per evitare l 'insorgere e il propagarsi del fuoco in altre aree, provvedendo allo spegnimento delle cencri di risulta con acqua.

9.   La mancata osservanza degli   obblighi   e divieti di cui ai   punti precedenti, comporterà

I'applicazione delle sanzioni previste dalla normativa vigente.

10. Che chiunque scopra un incendio boschivo o un principio di incendio, anche in aree esterne al bosco, che costituisca minaccia per il   bosco stesso è   tenuto a dame l'allarme alle autorità competenti, in modo che possa essere organizzata la necessaria opera di spegnimento.

11. Di trasmettere la presente   ordinanza   per quanta   di competenza al Prefetto dell' Aquila, al

Comando dei Carabinieri di Carsoli , al Servizio di Polizia Locale di Carsoli.

Contro il presente provvedimento può essere proposto, entro 60 giorni dalla sua pubblicazione all'albo Pretorio, ricorso Tribunale Amministrativo Regionale o, in alternativa, entro 120 giorni dalla pubblicazione, ricorso straordinario al  

Presidente della Repubblica>>.

Ultima modifica ilMartedì, 08 Agosto 2017 22:51

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.