BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
VALY | CRISI ESISTENZIALE: Redazione-  Dal 29 settembre 2023 sarà in rotazione radiofonica “Crisi esistenziale”, il nuovo singolo di Valy disponibile sulle piattaforme di streaming digitale dal 28 settembre. “Crisi esistenziale” è una canzone che nasce da una vera e propria crisi avuta nel secondo POSTE ITALIANE OTTIENE LA MEDAGLIA DI PLATINO DA ECOVADIS E SI INSERISCE NELLA TOP 1% DELLE MIGLIORI AZIENDE: Redazione-  Poste Italiane ottiene la prestigiosa medaglia di platino di EcoVadis, che valuta la sostenibilità delle imprese lungo la catena di fornitura, e migliora ulteriormente la posizione dalla medaglia Gold dello scorso anno collocandosi entro l’1% delle migliori aziende valutate PREMIO RICCARDO BRAMANTE | UN TRIBUTO ALLA PASSIONE, ALL'ARTE E ALLA CULTURA: Redazione-  Il Premio Riccardo Bramante è stato istituito in onore di un uomo straordinario, Riccardo Bramante, il cui spirito vivace, nobiltà di cuore e dedizione alla cultura, hanno ispirato molte persone. Questo prestigioso premio, promosso da Ester Campese, moglie di UN EVENTO A CORDOBA PER RICORDARE RODOLFO ZANNI, IL MOZART D’ARGENTINA: Nella città dove il geniale musicista morì, il 26 ottobre sarà proiettato il docufilm sulla sua vita     Redazione -  A Cordoba, la città dove in circostanze sospette e misteriose Rodolfo Zanni morì all’età di 26 anni, il prossimo 26 ottobre al TIBERIO (ARCI): CON NINO D’ANNUNZIO SCOMPARE UN GRANDE AMICO PER ME E PER ARCI: Redazione-  «Con Nino scompare un amico e compagno amatissimo per me personalmente e per ARCI Pescara» così Antonio Tiberio, presidente di ARCI Pescara e ARCI Abruzzo-Molise, sulla morte improvvisa, questa mattina, di Nino D’Annunzio, storico esponente della sinistra di Montesilvano SCOMPARSA DI NINO D'ANNUNZIO, GD | TRISTEZZA DELLA COMUNITA', NINO CORAGGIOSO E SEMPRE VICINO AI GIOVANI: Redazione-  “La scomparsa di Nino D’Annunzio colpisce profondamente tutta la comunità dei Giovani Democratici d’Abruzzo e della Provincia di Pescara. Nino, che ha sempre coltivato la sua passione per la scrittura e la poesia, presentando suoi volumi anche al FLA, POSTE ITALIANE: A ROMA E PROVINCIA CONTINUANO LE SELEZIONI PER CONSULENTI FINANZIARI: Redazione-  Poste Italiane ricerca laureati motivati a intraprendere un percorso di formazione e crescita professionale come consulenti finanziari.Roma è una delle 30 sedi di Poste Italiane sul territorio nazionale dove attualmente la ricerca è attiva. Per conoscere le altre sedi e DOMENICA 1 OTTOBRE 2023 ARRIVA FIRENZEGIOCA OFF: INGRESSO GRATUITO ALLA STAZIONE LEOPOLDA A FIRENZE PER OLTRE 1000 MQ DEDICATI AL: Redazione-  Come si può festeggiare i primi 50 anni di Unicoop Firenze con un evento straordinario? Semplicemente organizzando lo spin-off di FirenzeGioca. Domenica primo ottobre 2023, dalle 10 alle 19, la Stazione Leopolda di Firenze diventerà un vero e proprio FAMART, L’ARTE CONTEMPORANEA A CASA DEI CARRARESI: Redazione- Dall’1 al 14 ottobre, Casa dei Carraresi ospiterà la mostra collettiva “FAMART. Futuro ambizioso Motivazione Arte”. La rassegna è curata da Elena Petras Duleba e si avvale della partnership dell’Associazione Veneziana Albergatori, del Consolato dell'Uruguay e del Charming Santa Fosca. La ANTICIPATO AL 5 OTTOBRE L’APPUNTAMENTO CON LA TRAGEDIA GRECA A SANTA CROCE: Redazione-  Torna in scena la Tragedia Greca.Dopo il successo dei primi tre spettacoli nel maggio scorso, la lettura scenica della tragedia “Ifigenia in Tauride” di Euripide viene anticipata a giovedì 5 ottobre pv alle ore 20.30. Lo spostamento, rispetto alla previsione

NUOVE CULTURE: PAPA' ISLAMICO FRUSTA E TORTURA I FIGLI PER COSTRINGERLI A STUDIARE IL CORANO E L'ARABO

Bimbe a Scuola Bimbe a Scuola

Redazione-Ecco un altro esempio di “nuova cultura” di cui parla Boldrini e gli esponenti del PD: a Torino un padre islamico tortura e frusta i figli per costringerli a studiare il Corano e l’arabo. Una delle figlie sfogandosi con un insegnante ha minacciato di uccidersi. Genitori islamici finiscono a processo.Sono stati frustati a Torino con il filo elettrico sulle mani e sotto la pianta del piede, legati a una sedia per punizione, imprigionati al buio in una stanza senza finestre e lasciati per ore senza cibo, costretti a svegliarsi all’alba per pregare e studiare il Corano e la cultura islamica.

Poi un giorno le tre sorelle minorenni e il fratellino più piccolo non ce l’hanno fatta più. Una di loro, infatti, si è confidata a scuola con un’insegnante: “Piuttosto che tornare a casa, io mi uccido. Non voglio più stare con mamma e papà. Papà picchia e io preferisco morire”.L’episodio è accaduto a Torino dove la procura ha aperto un fascicolo sui maltrattamenti in famiglia nei confronti una coppia di nazionalità egiziana. Sono stati chiesti 5 anni di reclusione per l’uomo e 3 anni e sei mesi per la donna.

Quando la verità sulla famiglia egiziana è venuta alla luce, i figli dei due imputati avevano età comprese tra i 10 e i 17 anni. Il più piccolo è il maschietto, poi ci sono le tre sorelle maggiori. C’è anche una quinta figlia, una bambina di pochi mesi che però non è vittima di violenza.Dalle indagini sembra che i ragazzi fossero costretti a vivere in una camera molto piccola, senza riscaldamento e con il bagno sul ballatoio. “I bambini erano terrorizzati dal padre – ha spiegato oggi in aula il pm -, andavano dalla mamma e le dicevano ‘Ti prego non avvertire papà’. Ma lei lo faceva e il padre picchiava. E picchiava con intensità diversa a seconda degli errori commessi dai figli”.

“Ogni motivo buono per picchiare. C’era la richiesta di pregare e di studiare l’arabo, è vero, ma in realtà ogni pretesto era buono per picchiare”, ha sottolineato l’avvocato di parte civile Emanuela Martini. “I ragazzi sono stati picchiati talmente tanto da non comprendere più, dopo qualche tempo, le ragioni di tanta violenza. Oggi non si frequentano, perché sono ancora traumatizzati dagli eventi”.Durante il processo la madre ha preso la parola: “Nessuno ci ha mai compresi. Vivevamo in sette in pochi metri quadrati, eravamo in una situazione disperata e nessuno ha mai compreso le nostre difficoltà”. La sentenza

verrà pronunciata il 24 novembre.

Fonte:riscattonazionae.net

Ultima modifica ilVenerdì, 01 Dicembre 2017 20:51

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.