BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
ABRUZZO - L'OLIO DEL NOSTRO TERRITORIO APPREZZATO DA INTENDITORI DI TUTTO IL MONDO: L'olio extravergine di oliva conquista la fiducia di buyer e visitatori. E' quanto emerso dal Salone internazionale del Sol, l'esposizione dedicata all'olio di oliva in fase di svolgimento a Verona. L'evento si svolge in concomitanza con il Vinitaly. Sono 15 ABRUZZO - DUE MILIONI A DISPOSIZIONE PER ARCHITETTURA E PAESAGGIO RURALE: "La Regione Abruzzo avrà a disposizione 2 milioni per investire sulla tutela e la valorizzazione dell'architettura e del paesaggio rurale, grazie alle risorse stanziate con il Decreto Ministeriale del 7 marzo 2024, n.92. Si tratta di una nuova ripartizione dei L'AQUILA - TERZO INCONTRO IN PREFETTURA PER LA SICUREZZA DI AVEZZANO E DELLA MARSICA: Si è svolta in Prefettura, dando seguito all’iniziativa varata dal Prefetto dell’Aquila, Giancarlo Di Vincenzo, la terza riunione del Tavolo per la sicurezza di Avezzano e della Marsica, organismo costituito per il costante monitoraggio sulla situazione della sicurezza nell’area, allo CATANIA - 31ENNE OPERAIO MUORE SCHIACCIATO DALL'ASCENSORE DURANTE LA MANUTENZIONE: Una tragedia, l'ennesima sul lavoro, questa volta ha perso la vita un giovane di 31 anni. Il giovane, manutentore di ascensori. Il giovane è morto dopo essere rimasto incastrato tra la cabina e la porta di un piano dell'elevatore di CAMPLI FLEGREI - ALLARME DELLA TV SVIZZERA " IMMINENTE ERUZIONE E TERREMOTO, NAPOLI SEPOLTA DA TRENTA METRI DI CENERE ": In un documentario della TV pubblica svizzera Rsi, viene prevista una catastrofe imminente per Napoli e oltre, a causa di un'eruzione ai Campi Flegrei.Gli studiosi intervistati nel programma esprimono preoccupazioni serie riguardo alla portata devastante dell'eruzione, contraddicendo le ipotesi del PESCARA - TORNA LA MOSTRA MERCATO DEL FIORE " FLORVIVA ": Torna a Pescara la grande mostra mercato dei fiorni e delle piante. Giunta alla 46esima edizione, la manifestazione si terrà nel long weekend che va dal 25 al 28 aprile al porto turistico Marina di Pescara. Oltre 150 gli espositori CARSOLI, CI HA LASCIATO ENZO MARCELLI ( SICILIANO PER TUTTI I CARSOLANI ): Redazione- Ci ha lasciato Enzo Marcelli, (Siciliano per tutti noi carsolani ) icona storica del nostro paese. Carnaby Street, il mercante della moda. Fai buon viaggio zio Enzo (Siciliano) e che la terra ti sia lieve. Un abbraccio forte sentite LILCIU | VORREI SAPER: Redazione-  Dal 19 aprile 2024 è in rotazione radiofonica “Vorrei saper”, il nuovo singolo di LILCIU disponibile su tutte le piattaforme di streaming digitale dal 12 aprile."VORREI SAPER" è un brano che mescola sonorità trap e house, con un pizzico ARTI MARZIALI: “EXECUTIVE FIVE TRAINING AL CENTRO TECNICO FEDERALE DELLA FIJLKAM LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI CARLO MASSONI E MARCO: Redazione-  “Executive five training, esercizi per la prevenzione degli infortuni negli sport di combattimento e nelle arti marziali è il volume scritto dal medico Carlo Massoni e dal personal trainer Carlo Mancini, che sarà presentato giovedì 18 aprile, alle ore POSTE ITALIANE: MOMPEO E ORVINIO, ARRIVANO ANCHE IN ALTRI DUE UFFICI POSTALI REATINI I SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Redazione-  Poste Italiane comunica che da oggi gli uffici postali di Mompeo (viale Regillo, 21) e Orvinio (Piazza del Comune 3), sono interessati dagli interventi previsti da “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, il progetto aziendale per rendere semplice e

LA VERA NATURA DEI TRATTATI EUROPEI

Europa e Euro Europa e Euro

Redazione-I Trattati dell’Unione Europea condannano – in modo inconfutabile – l’Italia alla schiavitù. Fughiamo, una volta per tutte, ogni dubbio, confrontandolo con la nostra Costituzione. Ognuno può accedere a quelle pagine, ma chi, fra noi, le ha lette?L’ultima moda dei gazzettieri italici oppone la sovranità nazionale alla democrazia. Sovranità e nazione sono sinonimi di totalitarismo, nazionalismo e di quelli che chiamano fascismi. Per capirci: questi sono gli stessi signori che sbattono, sui loro giornali, la bandiera dello Stato inesistente del Kekistan, spacciandola per neonazista. A costoro sfugge, dunque, il comma due del nostro primo articolo: “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Il potere, nella democrazia italiana, spetta solo ai cittadini del Paese. Essi se ne avvalgono attraverso i propri rappresentati, eletti al Parlamento (articolo 48).È così deplorevole, dunque, governarci, anziché farci governare? Chiediamoci, poi: quanti docenti insegnano ancora Educazione civica nelle scuole e quanti italiani conoscono, almeno, i princìpi fondamentali della Carta costituzionale?

Deragliamo di due decenni. Siamo nel 1992 e l’Italia firma il Trattato di Maastricht. La catena dello schiavo fa “clac”. Ci siamo appena consegnati – in tutta libertà – ai grandi gruppi finanziari internazionali. I carcerieri assicurano: le genti d’Europa sono unite e uguali. Meno di mezzo secolo di pace sbriga, così, millenni di sangue versato sul continente. Incantati, seguiamo i predoni come i topolini il pifferaio magico. Nessuno di noi visiona i documenti che ha sotto il naso. Viviamo la Penisola da turisti.Per rispettare i parametri dell’Unione Europea privatizziamo i beni statali, frutto del sudore dei padri. Enel, Ferrovie (ancora pubbliche, nel 2018, in Francia e Germania), Italgel, Telecom Italia, Eni. Ancora: autostrade, Banca commerciale italiana, Credito italiano, Banca nazionale del lavoro. Ciliegina: nel 1993, il Presidente della Repubblica nomina, Carlo Azeglio Ciampi, Presidente del Consiglio dei ministri. Un banchiere guida il governo. “È indispensabile per salvare l’Italia”, dicono. Lo Stato sparisce, gli squali del capitale divorano il Paese, ma gli italiani son entusiasti: non dovranno più esibire il passaporto al confine.

È il terzo articolo – comma uno e due – del Trattato di Maastricht a imporci la genuflessione davanti a “un’economia di mercato aperta e in libera concorrenza”, mediante “la fissazione irrevocabile di tassi di cambio, che comportano l’introduzione di una moneta unica, l’Ecu”. Poi, euro.A proposito di tale sistema, la nostra Costituzione (articolo 41, secondo comma) stabilisce che l’iniziativa economica non possa “svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla […] libertà, alla dignità umana”. Parliamone con gli innumerevoli giovani italiani, laureati e poliglotti, che lavorano – per 600 euro il mese – in aziende dislocate nei Paesi dell’Ue sull’orlo del collasso. E’ utilità sociale? Dignità, forse?

Non basta. Come l’Unione Europea garantisce la libertà appena accennata? Attraverso la vigilanza: “Il Consiglio sorveglia”, “La Commissione sorveglia”. Il verbo “sorvegliare” si ripete otto volte nel Trattato. Questo enorme controllo spalanca il terreno al Sistema europeo di banche centrali (Sebc) e alla Banca centrale europea, la Bce. Si tratta di un istituto cui il documento di Maastricht conferisce totale e assoluta sovranità. Nessuno – secondo l’articolo 107 del Trattato e il settimo del Protocollo – può fornire istruzioni all’organo, che opera come gli antichi despoti orientali. Le banche centrali di ogni nazione, infatti, devono agire “secondo gli indirizzi e le istruzioni della Bce” (Protocollo, capo III, articolo 14.3).

Vediamo, quindi, cosa dice la Costituzione in merito alla limitazione della sovranità. Essa è possibile (articolo 11) se l’Italia non è subordinata ad altre nazioni e solo in caso di guerra, situazione che il Paese “ripudia”. Lo scopo della restrizione è la formazione di un ordinamento internazionale – in specie: l’Onu – che consegua una pace fondata sulla giustizia. Tuttavia, l’articolo 78 prevede che il Parlamento possa “deliberare lo stato di guerra”. La contraddizione è palese, ma un aspetto è chiarissimo: il nostro Stato deve sempre trovarsi in condizione di parità con gli altri.

Il Trattato di Maastricht, quindi, vuole la “pace e giustizia fra la Nazioni” (articolo 11 della Costituzione italiana) o la spoliazione del nostro glorioso patrimonio pubblico, come le spoglie dei nemici vinti, che i sovrani di Roma depositavano nel tempio di Giove Feretrio?

Ci fossimo informati, avremmo evitato il disastro. Impariamo dalla nostra negligenza. I signori che minacciano crolli in caso di liberazione dalle catene sono gli stessi che ci promisero la felicità, saccheggiando il Paese. Ci siamo fatti togliere la nostra terra, i giovani fuggono, un contratto a tempo indeterminato è un miraggio, una casa di proprietà nemmeno a parlane. Quali crolli, dunque?

È impossibile sprofondare oltre.

Fonte:Igor Buric  Giancarlo Cavazzini-ilprimatonazionale.it

Ultima modifica ilMercoledì, 21 Marzo 2018 12:32

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.