BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
EUGENIA SERAFINI| OMAGGIO ALL'ORIENTE: Redazione- Presso il Circolo degli Esteri di Roma (Via dell’Acqua Acetosa 42), fondato nel 1936 con finalità di rappresentanza del Ministero degli Affari Esteri, è stata inaugurata venerdì 16 ottobre 2020, alle ore 18, la mostra personale dal titolo “Sguardo a Oriente” di Eugenia Serafini, AVEZZANO| L’UFFICIO POSTALE DI VIA MARCONI RIPRISTINA L’APERTURA POMERIDIANA: Redazione- Poste Italiane comunica che da oggi, martedì 27 ottobre, in concomitanza con il primo giorno di pagamento delle pensioni di novembre, l’ufficio postale di Avezzano 2 (via Marconi) tonerà disponibile con orario continuato dal lunedì al venerdì, dalle 8.20 MICHELE FINA| L'IDENTITA' DELL'APPENNINO: Redazione- L’identità e le prospettive dell’Appennino nel trentesimo appuntamento di “Un libro, il dialogo, la politica”, la rubrica in diretta Facebook di Michele Fina che ha dialogato con Piero Lacorazza (Fondazione Appennino) e Giuseppe Lupo, autore assieme a Raffaele Nigro PESCARA - IN CENTINAIA IN PIAZZA CONTRO NUOVO DPCM: Redazione- Centinaia dono state le persona riverdate in piazza, e nelle starde limitrofi, a Pescara per protestare contro le chiusure imposte dal Dpcm Conte: c'erano baristi, ristoratori, titolari di palestre, operatori di centri scommesse e sale bingo e rappresentanti di ORDINANZA DI MARSILIO| DAD A DISTANZA PER SUPERIORI E UNIVERSITA’: Redazione- "Sospensione delle attività scolastiche secondarie di secondo grado in presenza, rimettendo in capo alle Autorità Scolastiche la rimodulazione delle stesse, con ricorso alla didattica digitale a distanza". Lo prevede un'ordinanza firmata dal governatore dell'Abruzzo, Marco Marsilio, che impone modalità GIOVENTÙ NAZIONALE| BRUNO DI BASTIANO NOMINATO COORDINATORE PROVINCIALE: Redazione- “Innanzitutto vorrei ringraziare il mio predecessore *Benedetta Fasciani*, per lo straordinario lavoro svolto fino adesso e per aver creduto in me, il Presidente di Gioventù Nazionale *Fabio Roscani* per la fiducia e la stima mostrata nei miei confronti e FER| CORSO DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO: Redazione- Confartigianato Imprese Avezzano ha aperto le iscrizioni per la NUOVA SESSIONE dei corsi di aggiornamento per tutti gli installatori e manutentori di impianti termoidraulici ed elettrici che operano su: • Biomasse per usi energetici (caldaie, caminetti e stufe a SEN. DI GIROLAMO| QUASI 3 MILIARDI PER RICOSTRUZIONE POST SISMA: Redazione- “Quasi 3 miliardi di euro per la ricostruzione sono stati annunciati dal Presidente Giuseppe Conte stamattina nel corso di una riunione sul sisma in Abruzzo, tenutasi con i Sindaci e rappresentanti dei territori. Lo stanziamento, pari a 2 milioni P.I.| LE PENSIONI DI NOVEMBRE IN PAGAMENTO DAL 27 OTTOBRE: Redazione- Poste Italiane comunica che in provincia dell’Aquila le pensioni del mese di novembre verranno accreditate a partire dal 27 ottobre per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari P.I.| UN FRANCOBOLLO PER I 100 ANNI DALLA NASCITA DI GIANNI RODARI: Redazione- Poste Italiane comunica che dal 23 ottobre 2020 viene emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico un francobollo commemorativo di Gianni Rodari, nel centenario della nascita, relativo al valore della tariffa B pari a 1,10€.        Tiratura: quattrocentomila esemplari.        Foglio da

ODINO FACCIA, CANDIDATO AL NOBEL PER LA PACE

Odino Faccia, Bari, Odino Faccia, Bari,

Il cantautore argentino scrive brani musicali con parole di Papi e premi Nobel.

Redazione- Un mese e mezzo fa – in tempo di pandemia da coronavirus sembra passato un secolo – era a Bari, negli stessi giorni in cui Papa Francesco visitava la città per l’incontro di riflessione “Mediterraneo frontiera di pace”, tenutosi domenica 23 febbraio. Odino Faccia, cantautore argentino di origini aquilane, era arrivato nel capoluogo pugliese per un’intensa settimana di iniziative, egli da poco candidato al Premio Nobel per la Pace da 8 premi Nobel e da una ventina di organizzazioni internazionali, tra le quali Onu, Unicef e Medici senza Frontiere. Odino è presidente di Red Voz por la Paz, fondazione affiliata all’Onu che promuove nel mondo il tema della Pace in vari campi, quali cultura, politica, religioni, imprese, media e così via. Odino è un talento, un cantante famoso non solo nelle Americhe come la Voz para la Paz, “Voce per la Pace” per eccellenza. Attraverso le sue canzoni e i suoi concerti da anni egli va seminando la cultura della Pace.

Odino Faccia era in Puglia insieme a Ted Moon, presidente della fondazione coreana HWPL (Heavenly Culture, World Peace, Restoration of Light), che lo ha accompagnato in una fitta agenda d’incontri, conferenze e concerti a Bari, Bisceglie e Lecce. Numerose le iniziative che ha condotto negli istituti superiori e nelle università pugliesi per far conoscere ai giovani la campagna di Pace che le due fondazioni, argentina e coreana, stanno portando avanti nel mondo, anche insieme alla Rappresentanza in Italia di Red Voz por la Paz, con la sua titolare Antonella Serripierro. Gli eventi si sono poi conclusi il 29 febbraio con il grande concerto al Teatro Team e la consegna al sindaco Antonio Decaro del riconoscimento di Bari come “Città di Pace”.

«Siamo orgogliosi del fatto che abbiate pensato alla nostra città per questo straordinario riconoscimento - ha detto il sindaco Decaro, che è anche presidente dell’Anci, l’associazione che rappresenta gli ottomila comuni italiani -, a pochi giorni dalla presenza a Bari del Papa, dei vescovi cattolici e del presidente Mattarella, in una giornata dedicata alla Pace in cui il Santo Padre ha dimostrato tutta la sua determinazione perché il Mediterraneo possa essere uno spazio di dialogo e confronto tra popoli e culture diverse.»

La candidatura al Nobel per la Pace è un ulteriore rilevante riconoscimento per Odino Faccia, molto amato in tutta l’America latina e fino al Messico, dove ha cantato nello Stadio Azteca della capitale davanti a 70mila spettatori. Ma anche a New York, dove si è esibito nel grande teatro di Radio City. Ha avuto il privilegio di cantare la canzone Busca la Paz, un suo brano con parole di un giovane Karol Wojtyla. Odino la cantò anche nel 2014 in San Pietro, in mondovisione, in occasione della canonizzazione di Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII, davanti a Papa Francesco e all’emerito Benedetto XVI.

Odino ricorda con grande emozione quella giornata, come dichiarò in una bella intervista rilasciata ad Adriano Alimonti per la rivista Il mio Papa: «Ero vicino al coro principale. Papa Francesco si trovava pochi metri a sinistra da me. Un’emozione pazzesca! Un paio di minuti prima di iniziare a cantare arrivò l’auto con il papa emerito Benedetto XVI e si fermò proprio davanti a me. In quel clima di solennità partì la musica e avrei dovuto iniziare l’esibizione proprio mentre stava passando Benedetto… Però mi sembrava una mancanza di rispetto… Ma lui mi guardò e mi fece il gesto della benedizione: così m’inchinai e un secondo dopo attaccai. Non è tutto. Subito dopo passarono anche alcuni cardinali: quattro di loro si fermarono per scattare delle fotografie con me mentre stavo cantando! E così Busca la paz è stata la prima canzone nella storia ad essere ascoltata da due miliardi di persone (tante la seguirono in tv). Senza dimenticare che tra la piazza e le strade c’era un milione di fedeli». Una voce, la sua, che ha dunque potuto cantare per quattro Papi, due Santi e due viventi!

L’aveva cantata, quella stessa canzone, anche in piazza Duomo a L’Aquila, il 29 agosto 2012, in un evento della 718^ Perdonanza Celestiniana, emozionandosi sia perché l’annuale Giubileo aquilano celebra la riconciliazione, il perdono e la pace, sia perché accadeva nella terra dei suoi antenati. Odino, infatti, non nasconde il forte affetto per L’Aquila e l’Abruzzo, delle sue radici va davvero fiero. «Mio padre si chiama Pasquale Faccia - mi dice Odino -, è nato nel 1936 ad Assergi, paese alle pendici del Gran Sasso. Venne in Argentina nel 1951, con le prime emigrazioni del dopoguerra. Suo padre, cioè mio nonno, lavorava in Venezuela, e lui fece emigrare dall’Abruzzo tutta la sua famiglia in Argentina, mia nonna insieme a mio padre con i quattro fratelli. Mio nonno li raggiunse dal Venezuela. Mia madre si chiama Maria Garritano, è nata nel 1948 a Longobardi, un paese della Calabria. Con il padre e la madre emigrò in Argentina nel 1960, insieme a quattro fratelli. Con mio padre si conobbero qui a Buenos Aires e si sposarono – aggiunge Odino –. Mio padre ha una ditta di ferramenta, ha saputo darsi da fare. Ha lavorato tanto e, grazie a Dio, ha raggiunto una posizione rispettata. Ci ha assicurato una vita serena. Per me è un esempio da seguire e sono orgoglioso di essere figlio di un emigrante italiano! Della famiglia siamo quattro fratelli: Sandra, Diana, Cesare ed io, che sono il più piccolo. Sono nato ad Ensenada il 21 agosto 1974.»

Odino Faccia venne la prima volta in Italia nel 1994, grazie al progetto della Regione “Ciao Abruzzo Giovani”, che si tenne a Montesilvano, in provincia di Pescara. L’iniziativa riunì da vari Paesi del mondo un gruppo di figli d’emigrati abruzzesi. «E’ stata una delle esperienze più belle che ho vissuto – dice Odino – anche perché in quella occasione scoprii il desiderio di diventare cantante. Rimasi in Abruzzo un anno, poi tornai in Argentina. Studiavo economia, ma non completai gli studi economici per seguire invece il corso universitario in Relazioni Pubbliche. Mi sono laureato nel 2003 all’Università Nazionale di La Plata.» Tornò poi in Italia nel 1998 per partecipare al Festival degli Sconosciuti di Teddy Reno, ad Ariccia.

«Arrivai in finale, però per questioni di contratto non ho continuato”, aggiunge Odino. “Partecipai invece come ospite a diversi eventi in giro per l’Italia, quali Miss Italia, Miss Hera, Una Ragazza per il Cinema. Fui Ospite d’onore al Festival Talenti Italiani a Roma, per poi diventare padrino di quella manifestazione. Da allora sono tornato in Italia quasi tutti gli anni, fino al 2009. Ho fatto tournée dappertutto. Nel 2009 in Sardegna feci sei concerti per la Pace, per il progetto internazionale Aquarium, insieme al Comitato dei Premi Nobel per la Pace nel mondo. Nello stesso anno cantai al Teatro Palapartenope, davanti a 4500 persone. Poi il 17 maggio 2009, al concerto "Un Cuore per l’Abruzzo", unico artista italo-argentino partecipai con grandi artisti italiani a quella manifestazione, realizzata per raccogliere fondi per L’Aquila colpita dal terremoto del 6 aprile. Ebbi l’onore di cantare in apertura di quel grande evento di solidarietà. Come figlio di abruzzese coltivo il desiderio di venire a dare un concerto a L’Aquila, magari durante una prossima Perdonanza! E’ un’aspirazione sempre presente cantare la Pace durante il giubileo di Papa Celestino V.»

Brillante il curriculum artistico di Odino Faccia. In Argentina, nel 2008, tenne due concerti al Teatro Coliseo di Buenos Aires, entrambi sold-out. Un grande successo. In quella occasione venne definito come la "Voce della musica italiana in Argentina", ricevendo il riconoscimento dell’Ambasciata d’Italia e del Consolato generale in Buenos Aires. Presentò il suo Cd in italiano "Adesso/Ahora". In un altro concerto al Teatro Coliseo, nel marzo 2009, Odino ebbe un altro importante riconoscimento come "Voce per la Pace nel mondo", consegnatogli dal Premio Nobel per la Pace Adolfo Peres Esquivel e conferito per decisione del Progetto internazionale Aquarium insieme a 23 Organismi internazionali, oltre che della Presidenza della Nazione Argentina. Un Premio alla Carriera motivato per la sua propensione alle iniziative di beneficenza, di solidarietà e per la Pace.  

«L’anno dopo – aggiunge ancora Odinorealizzai in Argentina il mio primo disco come cantautore, nel quale sono autore di tutti i brani. Ce n’è uno anche in italiano, ispirato agli emigrati italiani di tutta l’America latina. Contiene inoltre la canzone Busca la Paz, con i testi inediti di Giovanni Paolo II. Sono onorato di essere stato scelto come primo artista pop al mondo a cantare i testi di papa Wojtyla. Prima l’aveva fatto, nella lirica, solo Placido Domingo. Un altro mio disco come cantautore, "Puedes" (Puoi), è stato lanciato prima in Messico e Panama, poi presentato in tutta l’America latina, negli Stati Uniti ed anche in Spagna e Italia.»

Negli anni successivi Odino ha tenuto molti concerti in Panama (Arena Duran, 10 mila spettatori), Messico, Brasile e Stati Uniti. Nel 2015 ha cantato, durante la messa della Domenica delle Palme in piazza San Pietro, l’inno alla pace Para que todos sean uno (Perché tutti siano una cosa sola), un brano con musica di Odino Faccia e parole tratte dalle omelie di Papa Francesco. «Il vero senso della pace – osserva Odino – a mio parere sta nella riscoperta dell’incontro. Specialmente nella società odierna, nella quale tante persone molto spesso soffrono di solitudine. Il testo della canzone, tra l’altro, dice così:Perché tutti siano uno, non esistono più muri, solo il valore dell’incontro è il ponte verso la pace”. L’autore del testo è, a tutti gli effetti, Papa Francesco. Io ho preso alcune delle sue parole più belle, le ho adattate alla musica e poi ho ricevuto la sua approvazione definitiva. Poco dopo averla cantata a Roma, in piazza San Pietro, cedetti i diritti d’autore del brano al Papa. I proventi andranno all’Elemosineria. In questo modo sarà Papa Francesco a decidere a quale scopo destinarli. Dopo l’esibizione mi giunsero tanti messaggi di apprezzamento e ringraziamento. Le parole della canzone toccarono il cuore ed emozionarono tante persone. Qualcuno mi disse: “Questa canzone mi ha riempito l’anima”.»

Il brano è in corso di lancio in più lingue: spagnolo, portoghese, italiano e inglese. Diversi altri suoi brani musicali sono composti con testi di Premi Nobel per la Pace – Dalai Lama, Rigoberta Menchu Tum, Desmond Tutu, Shirin Ebadi, Leymah Gbowee, Jodie Williams, Barack Obama, Adolfo Pérez Esquivel – che loro stessi gli hanno inviato. Odino ha poi invitato artisti di livello mondiale – come Tini Stoessel, Alejandra Guzman ed altri – a cantare insieme a lui e ad inserire tali brani nei loro repertori. Ambasciatore per la Pace, Odino Faccia patrocina progetti per la Pace in molti Paesi del mondo. E’ diventato una figura artistica che promuove l'inclusione sociale attraverso la musica, guidando la rete di Artisti per la Pace che lo stesso Papa Francesco ha ispirato. Nei primi giorni di maggio sarà in Italia per realizzare il videoclip del brano “Perché tutti siano una cosa sola” con le parole di Papa Francesco, in un periodo difficile quale quello che sta vivendo il mondo, colpito interamente dalla pandemia di coronavirus. Attraverso la sua voce Odino unificherà i sentimenti di tutto il mondo. Nella veste d’artista e nell’alto valore simbolico e morale della sua “missione” di promotore della cultura di Pace, Odino Faccia sembra incarnare anche i più alti valori spirituali che L’Aquila custodisce nella sua storia e nella memoria collettiva, quale depositaria dell’universale messaggio di perdono e di Pace donatole nel 1294 da Papa Celestino V con la Bolla della Perdonanza.

 

https://www.youtube.com/watch?v=wCzZpbYlBcY – Para que todos sean uno.

https://www.youtube.com/watch?v=JnoWsIxFAaM – Busca la Paz

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.