BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
DOMENICA 17 OTTOBRE LA RUBRICA DI MICHELE FINA CON ELSA FLACCO ED EMMA POMILIO: Redazione- Saranno le scrittrici Emma Pomilio ed Elsa Flacco le ospiti dell’81esimo incontro della rubrica di Michele Fina “Dialoghi, la domenica con un libro”. Si discuterà del libro di Flacco "Italico" (Chiaredizioni). Il dialogo sarà trasmesso su Facebook domenica 17 ottobre alle 18 sulla pagina Immaginaweb. Radio Immagina - FLAUTISSIMO 2021- | LA CITTA' E IL DESIDERIO XXIII EDIZIONE: Redazione- Flautissimo torna con i suoi spettacoli di teatro e musica al Teatro Palladium di Roma per festeggiare i suoi trent’anni e le sue ventitré edizioni. Nato come evento biennale, il festival romano è una manifestazione che affonda le sue radici IL SINDACO DI BOLOGNA INCONTRA I CANDIDATI DEL CENTROSINISTRA IN ABRUZZO: Redazione- Si è svolto un incontro online tra l’appena eletto primo cittadino di Bologna Matteo Lepore e i candidati sindaco e la candidata sindaca del centrosinistra in Abruzzo: Luisa Russo a Francavilla al Mare, Gianfranco Di Piero a Sulmona, Francesco CONTRO IL GREEN PASS E L'OBBLIGO VACCINALE COVID 19 SUI MINORI: Redaziione- Precisano  in  una nota  congiunta  Sonia  ARINA,   Francesco CIATTONI, Nico LIBERATI,  Beatrice MARINELLI , Marco GAMBINI ROSSANO, portavoce  dei  sit-in  ‘No  Green  pass’  in  Abruzzo  e  Marche . "Obbedienti alla costituzione, pacificamente, continuiamo a manifestare  il nostro dissenso, contro il E' ONLINE -DAMMI UNA MANO- DI MAX RASA: Redazione- Ritorna Max Rasa, front man dei “Cani Bastardi Band”, con “Dammi una mano”, un rock melodico intenso e immediato che, raccontato da un videoclip davvero bello, affronta il complesso complicato ed eterno tema dei conflitti generazionali. Il rapporto genitore-figlio PRESENTAZIONE LIBRO| -UNA DONNA IN GABBIA- DI ANTONELLA POLENTA: Redazione- Finalmente Casa Cantoniera riapre le porte al pubblico!!! Domenica 17 ottobre 2021 dalle ore 11:00, la scrittrice Antonella Polenta presenterà il suo libro “Una donna in gabbia”. Noi della Comunità Giovanile di Arsoli TNT vi aspettiamo presso la nostra IL 15 OTTOBRE 1872 NASCEVA IL CORPO DEGLI ALPINI: Redazione- Costituiti il 15 ottobre 1872, gli Alpini propriamente detti sono il più antico Corpo di Fanteria da montagna attivo nel mondo, originariamente creato per proteggere i confini montani settentrionali dell'Italia con Francia, Impero austro-ungarico e Svizzera Nel 1888 gli Alpini furono inviati alla loro prima ABRUZZO SANITA' - DA LUNEDI NUOVE REGOLE PER L'ACCESSO AI REPARTI OSPEDALIERI:  Redazione- Da lunedì 18 ottobre cambiano le modalità di accesso di visitatori e accompagnatori nei reparti ospedalieri, nelle sale d'attesa dei pronto soccorso e nelle strutture residenziali della rete territoriale.Lo comunica l'Assessorato alla Sanità, specificando che le nuove disposizioni saranno GRUPPO CONSILIARE UNIONE CIVICA PER CARSOLI| A TELECAMERE ACCESE: Redazione- Dal Gruppo Unione Civica per Carsoli, riceviamo ed integralmente pubblichiamo il seguente comunicato:<< Ancora una volta si sono verificati atti vandalici nel nostro territorio che, questa volta, hanno riguardato il nuovo edificio scolastico, inspiegabilmente senza copertura di telecamere, come, sembra, sia POSTE ITALIANE: AD AVEZZANO 6 NUOVI TRICICLI TERMICI “BASSE EMISSIONI” PER LA CONSEGNA DI CORRISPONDENZA E PACCHI: Garantiranno più sicurezza negli spostamenti e maggiore capacità di carico per i portalettere per un servizio di recapito più efficiente      Redazione-– Mezzi ecologici per consegne più “green” e sicure ad Avezzano. Sono entrati in funzione, infatti, 6 nuovi tricicli termici a

CORONAVIRUS, EMERGENZA EPIDEMIA IN AFRICA: 12 PAESI COINVOLTI. INTANTO IL PD E IL M5S CONTINUANO AD APRIRE I PORTI

Coronavirus in Africa Coronavirus in Africa

Redazione- L’Africa trema. L’aumento dei casi di contagio da nuovo coronavirus nell’ultima settimana in Africa, soprattutto nell’area sub-sahariana, solleva preoccupazioni. Finora 135 casi di contagio sono stati confermati in 12 Paesi africani, di cui otto nella regione sub-sahariana. Come riporta l’Agenzia Nova, secondo le stime aggiornate dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e della piattaforma online di monitoraggio Covid19-Africa, il numero più alto di casi è stato registrato in Egitto (60), seguito da Algeria (20), Sudafrica (17), Tunisia (sette), Marocco (sei), Senegal (cinque), CamerunBurkina FasoNigeria (due ciascuno), TogoRepubblica democratica del Congo e Costa d’Avorio (uno ciascuno), per un totale di 135 casi positivi, tre decessi (in Egitto, Marocco e Algeria) e 45 guariti.

Africa, primo contagio a trasmissione locale

 

Si tratta per la grande maggioranza di episodi legati a casi di contagio con italiani o persone che sono di recente rientrate da paesi con focolai (Cina, Corea del Sud, Italia del nord, Francia o Iran). Ma è notizia di oggi che le autorità del Sudafrica – il paese più colpito – hanno confermato il primo caso di trasmissione locale di coronavirus. Un uomo di 32 anni contagiato dopo essere entrato in contatto con un uomo d’affari cinese.

Come reagisce l’Africa al virus

Finora le autorità dei paesi africani colpiti hanno adottato diverse misure nel tentativo di contenere la diffusione dei contagi. Sebbene non abbia finora raggiunto livelli tali da decretare lo stato di emergenza, ha fatto registrare una curva di incremento importante. Dopo aver isolato un totale di circa 150 persone considerate a rischio per possibile contatto con i due casi confermati, la Nigeria ha sospeso per due settimane le attività del parlamento. E ha istituito un comitato ad hoc per coordinare la risposta all’epidemia. Il presidente Muhammadu Buhari, da parte sua, ha esortato i nigeriani a “non farsi prendere dal panico”, sostenendo che “un allarme eccessivo causerebbe più danni che benefici”. Buhari ha quindi invitato i cittadini nigeriani a fidarsi solo delle informazioni fornite dal governo e dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e a seguire i loro consigli per impedire la trasmissione del virus.

Sudafrica, rimpatrio dei cittadini a Wuhan

Il Sudafrica, il paese più colpito dell’Africa sub-sahariana, ha risposto con urgenza alla richiesta di rimpatrio dei concittadini residenti a Wuhan, la città cinese dove si è sviluppato il primo focolaio di coronavirus. Il presidente Cyril Ramaphosa ha presenziato martedì scorso all’aeroporto di Pretoria alla partenza del volo per Wuhan che rimpatrierà 122 persone. Parte di un gruppo originario di 180 sudafricani che hanno espresso la volontà di rientrare. Il rientro dell’aereo, la cui missione costerà circa 1,6 milioni di dollari al governo di Pretoria, è previsto per oggi.

Sospesi i voli dalle destinazioni a rischio

In generale, i singoli paesi africani hanno provveduto alla sospensione di quasi tutti i voli diretti e provenienti dalle destinazioni a rischio. Lo scorso 28 febbraio l’Alta corte di Nairobi, in Kenya, ha ordinato la sospensione di tutti i voli da e per la Cina. Mentre a marzo tale misura è stata applicata a tutti i voli della compagnia Kenya Airways provenienti da destinazioni del nord Italia. In particolare Verona e Milano. La stessa compagnia ieri ha disposto la cancellazione dei voli da e per Roma e Ginevra.

Africa, forti perdite economiche

Aggiungendo così un altro tassello alla lunga lista di compagnie aeree africane che nelle ultime due settimane hanno sospeso i voli da e per la Cina con perdite per mancati introiti stimate dal vicepresidente dell’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) Raphael Kuuchi in 400 milioni di dollari. Un duro colpo per le compagnie aeree africane, che già lo scorso anno hanno registrato perdite per 100 milioni di dollari. E ne rischiano altre a causa dell’emergenza sanitaria.

Kenya, un centro di quarantena a Nairobi

Il Kenya ha inoltre aperto un centro di quarantena nella capitale Nairobi per sospetti casi di coronavirus. La struttura, secondo quanto riferiscono i media locali, è stata aperta all’interno dell’ospedale distrettuale di Mbagathi. Dispone di 120 posti letto nei reparti di isolamento e di un’unità di terapia intensiva. Ed è completamente separata dal resto dell’ospedale per garantire un contatto limitato con i casi sospetti. I funzionari sanitari stanno inoltre distribuendo mascherine, letti e termometri come parte delle misure per prevenire la diffusione del virus nel paese.

Il Congo poco strutturato

Meno strutturata appare la risposta all’emergenza nella Repubblica del Congo, la cui capitale Brazzaville dista pochi chilometri da Kinshasa. Terza città più popolosa del continente dove è stato di recente registrato un caso. Qui la prevenzione è affidata ad un team di circa 50 persone formate dall’Oms. Il team ogni due giorni verifica lo stato di salute delle persone confinate nelle loro case durante i 14 giorni di possibile incubazione del coronavirus. Per compensare la mancanza di infrastrutture, l’ambasciata cinese ha proposto la fornitura di posti adeguati a Pointe-Noire e Brazzaville per le quarantene dei suoi cittadini.

Mentre le autorità hanno messo in atto misure di contenimento per i viaggiatori provenienti dalla Cina e da tutte le destinazioni a rischio.

 

Fonte:rassegneitalia.info

Ultima modifica ilSabato, 28 Marzo 2020 19:21

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.