BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
PESCOCOSTANZO - NEL CUORE DEL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA: Nel cuore degli altipiani carsici dell’Appennino abruzzese, a 1410 m s.l.m, come un gioiello di alta orificieria nostrana, incontriamo Pescocostanzo, uno dei Borghi più belli d’Italia, e d’Abruzzo.Un borgo di eccezionale bellezza che detiene un patrimonio architettonico civile e religioso CELANO - AQUILA IN DIFFICOLTA' NELLA STRADA CENTRALE DEL PAESE: Un bel esemplare di Aquila è stata notata per la strada provinciale di Celano. Subito allertati i Carabinieri Forestali, che in un primo intervento hanno evidenziato uno satto confiìuzionale del rapace, forse intossicato da un cibo. Solo dopo un paio PAGANICA - DONNA INSEGUITA DA UN GRUPPO DI GIOVANI, SALVA GRAZIE ALL'INTERVENTO DEI CARABINIERI: Una banale passeggiata con il cane si è trasformata in un incubo per una donna di Paganica che si è imbattuta in un gruppo di ragazzi: “Verso le 20 e 40 – racconta sui social – stavo passeggiando con il SULMONA - CONVEGNO PER RICORDARE MALVESTUTO, DELLA BRIGATA MAIELLA: Si svolgerà venerdì 1 marzo alle ore 17.30 nell'aula consiliare del Comune di Sulmona il convegno dedicato alla figura di Gilberto Malvestuto, ufficiale della Brigata Maiella scomparso un anno fa. Al patriota, "punto di riferimento essenziale per la storia dei drammatici CORFINIO - LA PRIMA CAPITALE D'ITALIA: In Abruzzo, in provincia dell’Aquila si trova Corfinio, la città che per un anno fu capitale d’Italia e dove fu coniata la prima moneta della Lega Italica Lo sapevi che la prima capitale d’Italia si trova in Abruzzo, più precisamente a SITI ARCHEOLOGICI ABRUZZESI - CORFINIUM: Corfinium è situata nella Valle Peligna. La città di Corfinium, per la sua marcata propensione all’indipendenza, si scontrò più volte con Roma, tanto che alla fine del conflitto nel 90 a.C. la città vide riconosciuta la cittadinanza romana. In questo NNUJE L’ANTICO SALAME ABRUZZESE: Le nnuje,è un prodotto tipico abruzzese, un salume di antiche origini diffuso in tutta la regione, in particolare nel Teramano. Le nnuje sono una specie di incrocio tra salsiccia e salame, realizzate con trippa e pancetta suina insaccate in un POSTE ITALIANE: ROCCA DI CAMBIO, AL VIA I LAVORI DEL PROGETTO - POLIS- PER L’UFFICIO POSTALE: Redazione-  Poste Italiane comunica che l’ufficio postale di Rocca di Cambio è interessato da interventi di ammodernamento per migliorare la qualità dei servizi e dell’accoglienza. La sede infatti è inserita nell’ambito di “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, il progetto di 8 MARZO: IL LIBRO DI VALENTINA VENTI E LA MOSTRA DI SIMONE D'AMICO A BUGNARA: Redazione-  Venerdì 8 marzo 2024 a partire dalle ore 17.00, il Centro Studi e ricerche "Nino Ruscitti" ospiterà la mostra dell'artista sulmonese Simone D'Amico. A seguire la presentazione del libro di Valentina Venti "Per poi svegliarmi in un quadro" con PESARO CAPITALE ITALIANA DELA CULTURA: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 26 febbraio 2024, viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicato alla città d’Italia: Pesaro, Capitale italiana della

VIAGGIARE IN ABRUZZO - ALLA SCOPERTA DI PESCOCOSTANZO

Pescocostanzo Pescocostanzo

Redazione- Nel silenzio incantato della montagna, nel cuore del parco nazionale una bomboniera da visitare. Il visitatore  che arriva a Pescocostanzo deve abbandonarsi ai ritmi della vita di montagna, e a percorrere il centro storico costellato dai “vignali”, case tradizionali, antiche botteghe, palazzi, chiese e graziosi terrazzini adornati con fiori. La Basilica della Madonna del Colle si impone alla vista del visitatore con la sua imponente facciata rinascimentale ed al suo interno, nell’ampio spazio creato dalle cinque navate, vi sono custoditi affreschi preziosi.

Proseguendo lungo queste antiche vie è inevitabile imbattersi nel Palazzo Fanzago, storico palazzo decorato da mensole in legno a forma di draghi e privo di finestre per via della sua originaria funzione di convento di clausura. Delle numerose doti artigianali che ancora rivestono una posizione di rilievo nel comune ricordiamo la tradizione artigianale del merletto a tombolo, conosciuto semplicemente come ‘tombolo’, secondo lo stile rinascimentale o con il metodo del punto antico. Questo patrimonio culturale femminile è mantenuto in vita dalla scuola di merletto a tombolo e da un museo dedicatogli.

Durante la visita al meraviglioso centro storico è impossibile perdere di vista il paesaggio naturale circostante che richiama a sé l’amante dello sport e della natura. Percorrendo la strada che porta alla Riserva del Bosco di Sant’Antonio si è accolti da una fitta rete di robusti faggi, aceri e pini tra i quali si snoda un percorso per lo sci di fondo se la stagione lo consente o per una rilassante passeggiata, lungo il quale non mancano punti di ristoro per concedersi una pausa. Poco distante da questa cattedrale naturale si può scovare la cappella di Sant’Antonio di origine medievale che richiama tuttora numerosi pellegrini.

L’aspetto di Pescocostanzo varia a seconda della stagione, la neve smussa il profilo del suo centro storico e spinge i visitatori a chiudersi in uno dei locali tipici per gustare i piatti della gustosa cucina abruzzese, motivo in più per approfittare dei pacchetti vacanze a Pescocostanzo.

Cosa vedere

borgo antico, bosco di sant'Antonio, Basilica di Santa Maria del Colle, Colleggiata Santa Maria del Colle, palazzo Fonzago, chiesa di Santa Maria del Suffragio dei Morti, Chiesa di Gesu' e Maria, fontana di paizza Municipio, eremo di San Michele Arcangelo, museo del tombolo, fontana maggiore, chiesa di San Nicola di Bari, Palazzo Grilli, Palazzo Municipale, chiesa di Santa Maria delle Grazie, Chiesa di Snt'Antonio Abate, palazzo Monsi,

chiesa di Santa Maria del Carmine, 

Ultima modifica ilGiovedì, 07 Ottobre 2021 20:34

1 commento

  • Andrea
    Andrea Venerdì, 24 Settembre 2021 04:59 Link al commento Rapporto

    Speriamo che la riserva del bosco venga conservata. Il parco nn deve permettere ne innevamento artificiale,ne costruzioni. Sono già troppe quelle esistenti,scuola sci e maneggio inclusi

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.