BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
- LE API CI CURANO- | CONVEGNO ALL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO ORGANIZZATO DAL ROTARY CLUB TERAMO - VENERDÌ: Redazione-  Venerdì 24 maggio 2024, alle ore 16:00, presso la Sala delle lauree del Polo Didattico “G. d’Annunzio” dell’Università degli Studi di Teramo, si terrà il Convegno dal titolo “Le api ci curano”, organizzato dal Rotary Club Teramo in collaborazione ALL’ISTITUTO - ALESSANDRINI-MARINO - DI TERAMO L’IMPORTANTE CONVEGNO SUL TEMA - SECURLIFE - IL COMPORTAMENTO PROATTIVO NELLA SICUREZZA -: Redazione-  Recentemente, presso l’Auditorium dell’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino” di Teramo, si è tenuto il Convegno sul tema “Securlife – Il comportamento proattivo nella sicurezza”. Il Convegno è stato organizzato dall’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino-Pascal-Comi-Forti” di Teramo in collaborazione con INTERVISTA ALLA POETESSA GENOVESE ROSANNA CARLETTI: Redazione-  Mi chiamo Rosanna Carletti, dopo aver svolto i più svariati lavori ho lavorato gli ultimi vent’anni nel Ministero della Giustizia. Con grande fatica io e mio marito siamo riusciti a raggiungere i traguardi che ci eravamo prefissati. Fin dall’età dei miei PRIMAVERA DEI LIBRI A BUGNARA, PROSSIMO APPUNTAMENTO CON - PAROLE D'ABRUZZO -: Redazione-  Sarà la dialettologa Daniela D'Alimonte, l'ospite del quarto e penultimo appuntamento con la rassegna Primavera dei Libri a Bugnara (Aq): sabato 25 maggio alle ore 17.00 presenterà il suo amatissimo volume "Parole d'Abruzzo" per Ianieri Edizioni e la raccolta "Comete AL CASINO DELL’OROLOGIO DI VILLA BORGHESE - IL RILIEVO DEL CAVALIERE - SCULTURA IN MARMO DELLA PRIMA METÀ DEL: Redazione-    In occasione del Concorso Ippico sarà esposta al pubblico, presso il Casino dell'Orologio a Villa Borghese, una scultura in marmo di grande pregio: "Il Rilievo del cavaliere". L'opera, che appartiene al nucleo seicentesco della Collezione Borghese, rappresenta un EMISSIONE FRANCOBOLLO ORDINARIO DELLA SERIE TEMATICA - IL PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE ITALIANO - DEDICATO A LA GIOCANDA: Redazione-  Poste Italiane comunica che oggi 23 maggio 2024, viene emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato a La Giocanda, relativo al valore PLANETARIO DI ROMA, 20 ANNI SOTTO LE STELLE: Redazione-  Esattamente vent’anni fa, il 26 maggio 2004, presso il Museo della Civiltà Romana all’EUR, veniva inaugurato il Planetario di Roma che riprendeva così le attività dopo una pausa di oltre 20 anni, dopo il suo trasferimento dall’Aula Ottagona delle DOMANI READING - NOVECENTO - PRESSO LA SCUOLA MACONDO DI PESCARA: Redazione-  Domani venerdì 24 maggio alle ore 18:30 presso la sede della Scuola Macondo di Pescara (via De Cesaris 36) ci sarà il reading dedicato a "Novecento" di Alessandro Baricco. L'evento, curato da Lorenza Sorino (di Unaltroteatro), rientra nel percorso finale DANIELE FALASCA - ACCORDION SOLO - IN CONCERTO A ROMA: Sabato 1° giugno, alle 18:00, il fisarmonicista Daniele Falasca in “Accordion Solo” in concerto al Salotto Musicale del Teatro Arciliuto di Roma Redazione-  La suggestiva cornice del Salotto Musicale del Teatro Arciliuto (Piazza di Montevecchio, 5, zona Via de’ Coronari – SALUTE: ANZIANI E PSICOANALISI: LA PSICOANALISTA ADELIA LUCATTINI: “CON LA PSICOANALISI ANZIANI PIÙ SERENI, RIFLESSIVI E IN SALUTE”   Redazione-  La solitudine e l’avanzare dell’età, difficile da accettare, spesso provocano conseguenze importanti sulla salute psicofisica, accorciando la durata la vita e procurando un’intensa sofferenza nella popolazione

GENERAZIONE BRUCIATA: 285MILA ITALIANI CERCANO LAVORO ALL'ESTERO

Giovani in cerca di lavoro Giovani in cerca di lavoro

Redazione-Nell’intero arco dell’anno 2016 ben 285mila italiani, prevalentemente giovani, sono partiti per l’estero in cerca di fortuna, o comunque di opportunità che l’Italia non è in grado di fornire. Dati da immediato dopoguerra, quando erano circa 300mila l’anno. Si tratta dei dati del Dossier statistico sull’immigrazione 2017, che il centro studi Idos cura insieme alla rivista Confronti.

Ad andarsene sono soprattutto laureati e dottorandi in cerca di migliori condizioni lavorative, i “migranti economici” dell’Italia. Una fuga di cervelli che peraltro costa al Paese che non riesce a valorizzarli almeno 8,8 miliardi di euro: tanto lo Stato italiano ha speso per la loro formazione. E sono in numero maggiore rispetto agli stranieri che sbarcano sulle nostre coste: 181mila nel 2016, 200mila quelli attesi quest’anno.

Le destinazioni europee più ricorrenti – si legge nel report pubblicato da Il Fatto Quotidiano – sono la Germania e la Gran Bretagna; a seguire l’Austria, il Belgio, la Francia, il Lussemburgo, i Paesi Bassi e la Svizzera. E l’Europa è destinazione per tre quarti dei migranti italiani. Oltreoceano gli italiani scelgono l’Argentina, il Brasile, il Canada, gli Stati Uniti e il Venezuela. Secondo l’Ocse, l’Italia è ottava nel mondo nella classifica dei Paesi di nuova emigrazione. Partiva da una media di 87mila nel decennio 2005-2014, il numero negli ultimi due anni si è più che raddoppiato.

Negli anni è cresciuta esponenzialmente la percentuale di italiani in partenza con una formazione di alto livello. Se nel 2002 il 51% di chi andava all’estero aveva la licenza media, oggi la percentuale è scesa al 30%, mentre sono aumentati i diplomati (34,8%) e i laureati (30%). E in Italia è il 28% dei giovani ad avere una laurea triennale, mentre la media Ocse è del 36% (meglio con la magistrale: in Italia sono il 20%, in Europa la media è 17%).

Solo in laureati andati oltreconfine l’Italia ha “bruciato” 5,3 miliardi di dollari e in diplomati almeno 3,5 miliardi. Un danno, spiega Idos, che grazie ai flussi d’ingresso degli immigrati si riduce visto che contribuiscono a oltre 8 punti percentuali di pil e che sta crescendo il numero degli immigrati laureati che si spostano in Italia, soprattutto dall’Est Europa.

Anche sul piano demografico l’apporto degli immigrati è fondamentale. “All’Italia servono tra i 200 e i 270mila cittadini giovani in più per non invecchiare troppo”, commenta Pittau. Le proiezioni di Idos dicono che nel 2065 “la popolazione residente straniera salirà da 4,6 milioni nel 2011 a 14,1 milioni nel 2065 (con una forbice compresa tra i 12,6 ed i 15,5 milioni)”. Senza di loro, nessuno sarebbe in grado di gestire gli anziani: “L’indice di dipendenza degli anziani (cioè il rapporto tra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione in età attiva 15-64 anni)” passerà “dal 30,9% al 59,4% “. Il welfare del futuro, secondo gli scenari di Idos,

passa necessariamente dagli stranieri.

Ultima modifica ilLunedì, 31 Luglio 2017 21:42

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.