BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
DOMENICA 17 OTTOBRE LA RUBRICA DI MICHELE FINA CON ELSA FLACCO ED EMMA POMILIO: Redazione- Saranno le scrittrici Emma Pomilio ed Elsa Flacco le ospiti dell’81esimo incontro della rubrica di Michele Fina “Dialoghi, la domenica con un libro”. Si discuterà del libro di Flacco "Italico" (Chiaredizioni). Il dialogo sarà trasmesso su Facebook domenica 17 ottobre alle 18 sulla pagina Immaginaweb. Radio Immagina - FLAUTISSIMO 2021- | LA CITTA' E IL DESIDERIO XXIII EDIZIONE: Redazione- Flautissimo torna con i suoi spettacoli di teatro e musica al Teatro Palladium di Roma per festeggiare i suoi trent’anni e le sue ventitré edizioni. Nato come evento biennale, il festival romano è una manifestazione che affonda le sue radici IL SINDACO DI BOLOGNA INCONTRA I CANDIDATI DEL CENTROSINISTRA IN ABRUZZO: Redazione- Si è svolto un incontro online tra l’appena eletto primo cittadino di Bologna Matteo Lepore e i candidati sindaco e la candidata sindaca del centrosinistra in Abruzzo: Luisa Russo a Francavilla al Mare, Gianfranco Di Piero a Sulmona, Francesco CONTRO IL GREEN PASS E L'OBBLIGO VACCINALE COVID 19 SUI MINORI: Redaziione- Precisano  in  una nota  congiunta  Sonia  ARINA,   Francesco CIATTONI, Nico LIBERATI,  Beatrice MARINELLI , Marco GAMBINI ROSSANO, portavoce  dei  sit-in  ‘No  Green  pass’  in  Abruzzo  e  Marche . "Obbedienti alla costituzione, pacificamente, continuiamo a manifestare  il nostro dissenso, contro il E' ONLINE -DAMMI UNA MANO- DI MAX RASA: Redazione- Ritorna Max Rasa, front man dei “Cani Bastardi Band”, con “Dammi una mano”, un rock melodico intenso e immediato che, raccontato da un videoclip davvero bello, affronta il complesso complicato ed eterno tema dei conflitti generazionali. Il rapporto genitore-figlio PRESENTAZIONE LIBRO| -UNA DONNA IN GABBIA- DI ANTONELLA POLENTA: Redazione- Finalmente Casa Cantoniera riapre le porte al pubblico!!! Domenica 17 ottobre 2021 dalle ore 11:00, la scrittrice Antonella Polenta presenterà il suo libro “Una donna in gabbia”. Noi della Comunità Giovanile di Arsoli TNT vi aspettiamo presso la nostra IL 15 OTTOBRE 1872 NASCEVA IL CORPO DEGLI ALPINI: Redazione- Costituiti il 15 ottobre 1872, gli Alpini propriamente detti sono il più antico Corpo di Fanteria da montagna attivo nel mondo, originariamente creato per proteggere i confini montani settentrionali dell'Italia con Francia, Impero austro-ungarico e Svizzera Nel 1888 gli Alpini furono inviati alla loro prima ABRUZZO SANITA' - DA LUNEDI NUOVE REGOLE PER L'ACCESSO AI REPARTI OSPEDALIERI:  Redazione- Da lunedì 18 ottobre cambiano le modalità di accesso di visitatori e accompagnatori nei reparti ospedalieri, nelle sale d'attesa dei pronto soccorso e nelle strutture residenziali della rete territoriale.Lo comunica l'Assessorato alla Sanità, specificando che le nuove disposizioni saranno GRUPPO CONSILIARE UNIONE CIVICA PER CARSOLI| A TELECAMERE ACCESE: Redazione- Dal Gruppo Unione Civica per Carsoli, riceviamo ed integralmente pubblichiamo il seguente comunicato:<< Ancora una volta si sono verificati atti vandalici nel nostro territorio che, questa volta, hanno riguardato il nuovo edificio scolastico, inspiegabilmente senza copertura di telecamere, come, sembra, sia POSTE ITALIANE: AD AVEZZANO 6 NUOVI TRICICLI TERMICI “BASSE EMISSIONI” PER LA CONSEGNA DI CORRISPONDENZA E PACCHI: Garantiranno più sicurezza negli spostamenti e maggiore capacità di carico per i portalettere per un servizio di recapito più efficiente      Redazione-– Mezzi ecologici per consegne più “green” e sicure ad Avezzano. Sono entrati in funzione, infatti, 6 nuovi tricicli termici a

IL PREMIER UNGHERESE ORBAN SMASCHERA IL FOLLE PIANO DI SOROS E UE: -VOGLIONO UN'EUROPA METICCIA E ISLAMIZZATA-

Victor Orban Victor Orban

Redazione-Victor Orban smaschera il piano folle e criminale dell’Unione Europea e del terrorista finanziario George Soros: “Vogliono creare un’Europa nuova, meticcia ed islamizzata”. “L’afflusso di migranti in Europa consiste nel privarla della sua identità cristiana e nazionale”. Non solo Soros, anche l’Italia ha i suoi eversivi che progettano la sostituzione etnica del popolo italiano, i criminali del PD e i cattocomunisti guidati da Bergoglio.

Il primo ministro Viktor Orbán ha chiaramente invitato gli ungheresi a diffidare dal potere del Sith (termine utilizzato nella saga di Guerre Stellari per indicare certi personaggi, in grado di utilizzare il ‘Lato Oscuro della Forza’) nel suo ultimo discorso sulla crisi migratoria in Europa. Il premier magiaro ha anche definito l’Europa centro-orientale come l’ultima zona del continente libera dai clandestini. “Non dobbiamo mai sottovalutare il potere del lato oscuro”, ha affermato, facendo riferimento alla famosa serie cinematografica per identificare le trame di coloro che si trovano dietro l’invasione programmata, aggiungendo che “non hanno una struttura solida ma reti molto estese”.

“L’Unione Europea ed alcuni dei suoi membri chiave sono stati presi in ostaggio dall’impero finanziario e speculativo che stanno imponendo un’invasione orchestrata di nuovi immigrati”, ha detto Orbán a Budapest lunedì, aggiungendo che questo misterioso ma ben noto potere finanziario si trova dietro l’ultimo grande esodo programmato di esseri umani che ha inondato l’Europa con milioni di clandestini, molti dei quali di religione islamica.

“Questo piano è stato sviluppato per rendere l’Europa un continente meticcio multiculturale“, ha dichiarato il Primo Ministro in occasione di un evento commemorativo per l’anniversario della rivolta anti-sovietica esplosa nel 1956 in Ungheria, aggiungendo che “solo noi siamo riusciti a sollevarci contro di esso”, riferendosi chiaramente ai governi dell’Ungheria, della Polonia, della Repubblica Ceca e della Slovacchia, che hanno preso una posizione forte contro le politiche migratorie ed hanno rifiutato di accettare le quote obbligatorie di clandestini imposte da Bruxelles.

Orbán ha poi definito l’Europa centro-orientale come l’ultima zona “libera dagli immigrati” di tutto il continente. Il leader ungherese ha espresso la speranza che, agendo congiuntamente, l’Ungheria, la Polonia, la Repubblica Ceca e la Slovacchia possano bloccare l’immigrazione di massa. Ha continuato dicendo che l’obiettivo finale del massiccio afflusso di immigrati in Europa consiste nel privarla della sua identità cristiana e nazionale. Il primo ministro ha poi sottolineato che “l’Europa dovrebbe rimanere sicura, accogliente, civile, cristiana e libera” e dovrebbe riconquistare lo splendore che aveva prima di abbracciare il multiculturalismo.

Le osservazioni di Orbán riguardanti il “potere finanziario” dietro l’immigrazione di massa fanno chiaramente riferimento al miliardario americano George Soros, di origini ungheresi. Il primo ministro magiaro nel mese di luglio aveva già accusato Soros di voler creare un “un’Europa nuova, meticcia ed islamizzata“, ed ha ripetutamente spiegato come finanziatore di Ong alimenti ad arte la crisi migratoria, aggiungendo che “Bruxelles è finita sotto l’influenza di George Soros”. Le parole di Orbán sono state riprese dal Deputato ungherese András Aradszki, il quale ha affermato che “Soros e i suoi compagni vogliono distruggere l’indipendenza e i valori degli Stati nazionali” invadendo di clandestini l’Europa: ha attaccato il miliardario chiamandolo “Satana”.

Le ultime osservazioni di Orbán arrivano nel momento in cui i paesi dell’Europa centrale ed orientale operano una virata verso destra. In Austria, due partiti contrari all’immigrazione hanno raggiunto le prime due posizioni nelle elezioni parlamentari e ora si prevede che formeranno la coalizione di Governo. Solo una settimana dopo, le elezioni politiche in Repubblica ceca si sono concluse con la vittoria di un movimento anti-establishment guidato da un politico soprannominato ‘il Donald Trump ceco’, particolarmente noto per le sue severe critiche contro le politiche migratorie dell’Ue.

L’Ungheria è impegnata in un’aspra battaglia contro Bruxelles, a proposito delle quote di distribuzione dei clandestini, insieme alla Polonia ed alla Slovacchia, questione originata dalla risoluzione Ue adottata nel 2015 per la riallocazione di circa 160.000 “rifugiati” per un periodo di due anni, dei quali solo circa 27.700 sono stati effettivamente ricollocati. Budapest si trova ad affrontare anche le pressioni ricevute per via della recinzione (il famoso “muro”) che copre un quarto della lunghezza dei suoi confini, progettata per impedire l’afflusso di immigrati. Nonostante le ripetute critiche da parte della troika, Budapest si rifiuta di rimuoverla spiegando che ha contribuito a

ridurre il flusso di clandestini del 99,7 per cento dal 2015

Fonte:riscattonazionale.net

Ultima modifica ilSabato, 25 Novembre 2017 13:24

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.