BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI - ERA IL 25 MAGGIO DEL 1944, UN COLPO ALLA TESTA DI UN NAZISTA, TOLSE LA VITA A FERRANTE: Il 25 maggio 1944 fu uccisa con un colpo di pistola Elvira Ferrante, legata a formazioni partigiane(nella zona operava la banda partigiana Madonna del Monte). L’episodio avvenne a Carsoli,presso il ponte: la località era già da tempo luogo di internamento CARSOLI - OTTANTANNI FA IL PAESE, SOTTO I BOMBARDAMENTI, VENNE RASO AL SUOLO: Era il 16 Aprile del 1944, Carsoli venne bombardata ripetutamente, riportando molte perdite civili, ed il paese bìvenne raso al suolo per la totalità. Nel 2004, il presidente della Repubblica Italiana conferi' alla cittadinanza di Carsoli, la medaglia d'Argento al CAMPLI FLEGREI - LA TERRA NON HA PACE, CONTINUANO LE SCOSSE DI TERREMOTO: Uno sciame sismico intenso, quello che in queste ore si sta registrando nel Napoletano, nella zona dei Campli Freglei. Una lista lunghissima, infatti,dalle 9.35, che ha contato oltre 70 eventi di varia intensità in un lasso di tempo ridotto, e MUORE IL CALCIATORE MATTEO GIANI, AVEVA AVUTO UN ARRESTO CARDIACO IN CAMPO, AVEVA 26 ANNI: Purtroppo questa mattina il cuore di Mattia Giani, ha smesso di battere. La gravità dell’accaduto, durante la partita di calcio, è stato subito chiaro a tutti i presenti allo stadio di Campi Bisenzio, struttura che ospitava il Castelfiorentino. Mattia, 26 CINEMA - 57 ANNI FA SI SPEGNEVA UNA STELLA, MORIVA IL GRANDE TOTO': Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, per l’eternità noto come Totò, lo aveva previsto: solo alla sua morte gli avrebbero riconosciuto lo status di grande artista e così fu, nonostante la sua poesia CARSOLI - FIORI E COLORI PER IL MONUMENTO AI CADUTI: Il sindaco, Velia Nazzarro, insieme all'amministrazione comunale, ha voluto porgere ai nostri caduti un po di colore, e note profumate, inserendo nel complesso del monumento dei caduti, dei fiori, nella iuole adiacenti al memoriale. Un gesto che rende il luogo GROTTAFERRATA - "GROTTA PICCANTE PEPERONCINO DI VINO" CON GLI ERRESEI, PIZZICA E TARANTE INFUOCHERANNO LA PIAZZA: A Grottaferrata, dal 19 al 21 aprile torna la manifesta dedicata al connubio tra il vino locale del il peperoncino: Grotta Piccante, Peperoncino Di Vino. Un felice connubio che vede anche il festeggiamento del patto di amicizia fra i comuni AVEZZANO - TROVATO SENZA VITA IN CASA L'AVVOCATO CARLO LUCCI: La notizia è appena arrivata in redazione. Un tragedia che ha sconvolto la comunità di Avezzano , e del mondo degli avvocati. Subito dopo pranzo è stato trovato senza vita il 58enne avvocato avezzanese Carlo Lucci.Sembrerebbe, le cause della morte, UN ANNO FA MORIVA A NEW YORK MARIO FRATTI: Inaugurato all’Istituto Italiano di Cultura un Archivio in onore del grande drammaturgo abruzzese     Redazione – Un anno fa, il 15 aprile, Mario Fratti moriva nella sua bella casa al 146W della 55^ Strada di New York, la città nella quale il PROTEZIONE E PREVIDENZA: CON POSTE ITALIANE NUOVI INCONTRI INFORMATIVI GRATUITI ONLINE PER I CITTADINI: Redazione-  “La protezione” e “La previdenza”. Sono i temi che verranno affrontati, rispettivamente domani, martedì 16 e giovedì 18 aprile, nel corso dei nuovi appuntamenti online di educazione finanziaria, completamente gratuiti e rivolti a tutti i cittadini , organizzati da Poste

IL PREMIER UNGHERESE ORBAN SMASCHERA IL FOLLE PIANO DI SOROS E UE: -VOGLIONO UN'EUROPA METICCIA E ISLAMIZZATA-

Victor Orban Victor Orban

Redazione-Victor Orban smaschera il piano folle e criminale dell’Unione Europea e del terrorista finanziario George Soros: “Vogliono creare un’Europa nuova, meticcia ed islamizzata”. “L’afflusso di migranti in Europa consiste nel privarla della sua identità cristiana e nazionale”. Non solo Soros, anche l’Italia ha i suoi eversivi che progettano la sostituzione etnica del popolo italiano, i criminali del PD e i cattocomunisti guidati da Bergoglio.

Il primo ministro Viktor Orbán ha chiaramente invitato gli ungheresi a diffidare dal potere del Sith (termine utilizzato nella saga di Guerre Stellari per indicare certi personaggi, in grado di utilizzare il ‘Lato Oscuro della Forza’) nel suo ultimo discorso sulla crisi migratoria in Europa. Il premier magiaro ha anche definito l’Europa centro-orientale come l’ultima zona del continente libera dai clandestini. “Non dobbiamo mai sottovalutare il potere del lato oscuro”, ha affermato, facendo riferimento alla famosa serie cinematografica per identificare le trame di coloro che si trovano dietro l’invasione programmata, aggiungendo che “non hanno una struttura solida ma reti molto estese”.

“L’Unione Europea ed alcuni dei suoi membri chiave sono stati presi in ostaggio dall’impero finanziario e speculativo che stanno imponendo un’invasione orchestrata di nuovi immigrati”, ha detto Orbán a Budapest lunedì, aggiungendo che questo misterioso ma ben noto potere finanziario si trova dietro l’ultimo grande esodo programmato di esseri umani che ha inondato l’Europa con milioni di clandestini, molti dei quali di religione islamica.

“Questo piano è stato sviluppato per rendere l’Europa un continente meticcio multiculturale“, ha dichiarato il Primo Ministro in occasione di un evento commemorativo per l’anniversario della rivolta anti-sovietica esplosa nel 1956 in Ungheria, aggiungendo che “solo noi siamo riusciti a sollevarci contro di esso”, riferendosi chiaramente ai governi dell’Ungheria, della Polonia, della Repubblica Ceca e della Slovacchia, che hanno preso una posizione forte contro le politiche migratorie ed hanno rifiutato di accettare le quote obbligatorie di clandestini imposte da Bruxelles.

Orbán ha poi definito l’Europa centro-orientale come l’ultima zona “libera dagli immigrati” di tutto il continente. Il leader ungherese ha espresso la speranza che, agendo congiuntamente, l’Ungheria, la Polonia, la Repubblica Ceca e la Slovacchia possano bloccare l’immigrazione di massa. Ha continuato dicendo che l’obiettivo finale del massiccio afflusso di immigrati in Europa consiste nel privarla della sua identità cristiana e nazionale. Il primo ministro ha poi sottolineato che “l’Europa dovrebbe rimanere sicura, accogliente, civile, cristiana e libera” e dovrebbe riconquistare lo splendore che aveva prima di abbracciare il multiculturalismo.

Le osservazioni di Orbán riguardanti il “potere finanziario” dietro l’immigrazione di massa fanno chiaramente riferimento al miliardario americano George Soros, di origini ungheresi. Il primo ministro magiaro nel mese di luglio aveva già accusato Soros di voler creare un “un’Europa nuova, meticcia ed islamizzata“, ed ha ripetutamente spiegato come finanziatore di Ong alimenti ad arte la crisi migratoria, aggiungendo che “Bruxelles è finita sotto l’influenza di George Soros”. Le parole di Orbán sono state riprese dal Deputato ungherese András Aradszki, il quale ha affermato che “Soros e i suoi compagni vogliono distruggere l’indipendenza e i valori degli Stati nazionali” invadendo di clandestini l’Europa: ha attaccato il miliardario chiamandolo “Satana”.

Le ultime osservazioni di Orbán arrivano nel momento in cui i paesi dell’Europa centrale ed orientale operano una virata verso destra. In Austria, due partiti contrari all’immigrazione hanno raggiunto le prime due posizioni nelle elezioni parlamentari e ora si prevede che formeranno la coalizione di Governo. Solo una settimana dopo, le elezioni politiche in Repubblica ceca si sono concluse con la vittoria di un movimento anti-establishment guidato da un politico soprannominato ‘il Donald Trump ceco’, particolarmente noto per le sue severe critiche contro le politiche migratorie dell’Ue.

L’Ungheria è impegnata in un’aspra battaglia contro Bruxelles, a proposito delle quote di distribuzione dei clandestini, insieme alla Polonia ed alla Slovacchia, questione originata dalla risoluzione Ue adottata nel 2015 per la riallocazione di circa 160.000 “rifugiati” per un periodo di due anni, dei quali solo circa 27.700 sono stati effettivamente ricollocati. Budapest si trova ad affrontare anche le pressioni ricevute per via della recinzione (il famoso “muro”) che copre un quarto della lunghezza dei suoi confini, progettata per impedire l’afflusso di immigrati. Nonostante le ripetute critiche da parte della troika, Budapest si rifiuta di rimuoverla spiegando che ha contribuito a

ridurre il flusso di clandestini del 99,7 per cento dal 2015

Fonte:riscattonazionale.net

Ultima modifica ilSabato, 25 Novembre 2017 13:24

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.