BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
CARSOLI - SONO 251 GLI ATTUALI POSITIVI NEL TERRITORIO: Sono 251 gli attuali positivi . di cui 4 in ospedale, nel territorio Carseolano. Intanto l'amministrazione Comunale ha comunicato per domenica 23 Gennaio, una nuova giornata di screening con tamponi antigenici gratuiti per tutti i ragazzi che frequentano le scuole di L'AQUILA - IN CINQUE ORE DUE SCOSSE DI TERREMOTO IN PROVINCIA: La terra torna a tremare nell'Aqulano, indìfatti nel pomeriggio e nella serata si sono rscontrate due scosse di terremoto, ben distinte dalla popolazione. Alle 16.03 con magnitudine 2.5 con epicentro a Scanno, ed in serata alle 21.47 a Capitignano.Si è FOLDS OF TIME| IL PRIMNO VISEO- ALBUM DI MUMEX TRIO: Louis Siciliano, Roberto Bellatalla e Mauro Salvatore insieme per un Ulisse in musica: un viaggio sperimentale jazz e metafisico. Pensando a John Coltrane Redazione- Un Ulisse della musica che fa della ricerca la sua stessa ragion d’essere. Un viaggio sperimentale per RIGOPIANO, FINA| VICINI AI FAMILIARI DELLE VITTIME, LAVORARE PERCHE' GLI ERRORI NON SIANO RIPETUTI: Redazione- “Nel giorno del quinto anniversario della tragedia di Rigopiano, la comunità del Partito Democratico abruzzese esprime vicinanza ai familiari delle vittime. Il nostro auspicio è che il percorso processuale arrivi fino all’esaurimento, e che emergano in modo chiaro le TERAMO| #NOGREENPASS #NONTOCCATEIMINORI #NAZIONALE: Redazione- In merito all’articolo pubblicato sul messaggero di quest’oggi “Poliziotti come buttafuori: i clienti senza green pass bloccati all'ingresso del locale” []fatti accaduti a Teramo di fronte al locale LA CONTEA di M. Z. Di seguito le dichiarazioni di NICO LIBERATI CASOLI CITTÀ DELLA MEMORIA: L’ambasciatore sloveno inaugurerà il “Memoriale europeo dell’ex campo fascista di Casoli (CH)” il 27 gennaio 2022 in occasione del Giorno della Memoria Redazione- Verrà inaugurato giovedì 27 gennaio 2022, nel pieno rispetto delle norme anti covid-19, in occasione del Giorno LEGA| SPACCIATORE PERCEPIVA SUSSIDIO A PESCARA, RIVEDERE NORME EROGAZIONE: Redazione- “Ennesima truffa del Rdc: questa volta, accusato di percepire indebitamente il sussidio uno spacciatore. Grazie all’ottimo lavoro della Guardia di Finanza di Pescara sono stati sequestrati a casa del presunto pusher 45 chili di marijuana per un valore di ESCE RITRATTO DI UN SOGNO 2| L'ALTA MODA VISTA ATTRAVERSO LE BIOGRAFIE DI 7 STILISTE ITALIANE: Redazione- Il 12 dicembre presso la meravigliosa location dell’hotel Abitart****(Roma) si è tenuta la conferenza stampa per il lancio del nuovo libro Ritratto di un Sogno vol. II edito da SG MEDIA AGENCY e scritto in collaborazione con la fashion TRIBUNALI, DI GIROLAMO (M5S): EMENDAMENTO GRIPPA-M5S ALLA CAMERA PER PROROGA E DOTAZIONE DI PERSONALE: Redazione- Voglio ringraziare la collega parlamentare del Movimento 5 Stelle Carmela Grippa che alla Camera dei Deputati ha presentato un argomentato emendamento al decreto Milleproroghe per mantenere in attività i tribunali abruzzesi di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto. Alla proposta DIRITTO E MITO NELLA RUBRICA DI MICHELE FINA: Redazione- Nel 94esimo incontro della rubrica di Michele Fina “Dialoghi, la domenica con un libro” sono stati ospiti Luciano Violante (presidente emerito della Camera dei deputati, presidente della Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine) e Fabrizio Di Marzio (professore ordinario

MIGRANTI, IL CARDINALE BERGOGLIANO FRANCESCO MONTENEGRO: -E' GESU' CHE VIENE SUI BARCONI-. VADA A DIRLO ALLA MADRE DI PAMELA

Il Cardinale Francesco Montenegro Il Cardinale Francesco Montenegro

Redazione-Chiesta cattolica sempre più venduta. Il cardinale bergogliano Montenegro arriva persino a propagandare l’invasione islamica. In barba al Vangelo il sorosiano afferma: : “È Gesù che viene sui barconi”. Lo dovrebbe spiegare alla madre di Pamela, ai familiari delle vittime di Kabobo, alla turista polacca stuprata a Rimini e a tutte le vittime dell’immigrazione selvaggia.Non accogliere i migranti significa non credere in Dio. Non le ha mandate certo a dire il cardinal Montenegro. Questo è solo l’ennesimo richiamo in materia d’immigrazione proveniente dalla Chiesa cattolica e dai suoi esponenti.

Giorni “caldi”, nei quali si sta discutendo soprattutto della gestione dei fenomeni migratori. Mentre stati membri dell’Ue, politici e commentatori si esprimono sul tema a vari livelli, i prelati continuano a tirare “bordate” al governo. La sensazione è che dalle parti di Piazza San Pietro, dal caso Aquarius in poi, non abbiano gradito l’annuncio della chiusura dei porti. Ma neppure il cambio di linea promosso dal ministro Matteo Salvini sembra essere andato a genio. Da settimane, infatti, i vescovi non fanno che appellarsi all’umanitarismo del Belpaese. Un tratto tipico, che nella visione degli ecclesiastici non dovrebbe essere modificato. L’arcivescovo di Agrigento è uno di quelli che in questo periodo è intervenuto con più costanza. Durante l’omelia per la celebrazione di San Calogero, il porporato italiano non ha fatto altro che ribadire la posizione già espressa dal cardinal Ravasi e dalla maggior parte degli altri uomini di Chiesa.

“È una civiltà – ha esordito – ma purtroppo anche una religione che disconosce i diritti degli uomini, che fabbrica i poveri, e poi non li vuole perché danno fastidio, e li lascia morire”. “I migranti, i poveri – ha continuato l’arcivescovo di Agrigento, come riportato dalla Sir – sono un termometro per la nostra fede. Non accoglierli, soprattutto chiudendo loro il cuore, è non credere in Dio – ha scandito il porporato –. Poi il virgolettato più “duro”: “È Gesù a venire da noi su un barcone, è lui nell’uomo o nel bambino che muore annegato, è Gesù che rovista nei cassonetti per trovare un po’ di cibo”. “Ogni migrante – ha chiosato Montenegro – è una storia e una vita che, ci piaccia o no, s’intreccia con le nostra”. Ancora un altro ammonimento: “I poveri e i migranti – ha detto – hanno un nome come noi, sognano come noi, sono pieni di paure come noi, sperano come noi, vogliono una famiglia come noi, credono in qualcosa o in qualcuno come noi, osano come o più di noi, desiderano essere trattati come noi”. Non deve esserci, quindi, nessuna differenza di trattamento tra chi arriva nel Belpaese e chi in Italia c’è già. Come a dire che “Prima gli italiani” è un slogan non riconosciuto dal Vangelo.

“La parola di Dio – ha insistito il cardinale – ci mette in guardia dall’essere ipocriti. Corriamo il pericolo di essere ipocriti quando stacchiamo la preghiera dalla vita; quando mettiamo la maschera dei buoni e poi, quando accadono le tragedie, sempre più frequenti, ci giriamo dall’altra parte, come se la cosa non ci interessasse, semmai recitiamo qualche preghiera per acquietare la nostra coscienza”. “No”, quindi, al cattolicesimo di comodo, che prega per ripulirsi la coscienza dinanzi alle tragedie. “È vero – ha concluso il cardinale – che non possiamo risolvere noi problemi complessi come quelli dell’immigrazione e della povertà ma come cristiani abbiamo il dovere della compassione, uno dei nomi più belli della carità”. La Chiesa cattolica non sembra intenzionata a mollare la presa. Di migranti e immigrazione si parlerà ancora molto.

Altari “contro” scranni parlamentari.

Fonte:riscattonazionale.org

Ultima modifica ilMartedì, 10 Luglio 2018 12:07

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.