BENVENUTI SU CAVALIERENEWS

Arrow up
Arrow down

le vostre notizie a portata di web

Log in
Ultime Notizie
SALERNO| 74° EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA: Redazione- È tutto pronto per la 74esima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno che si terrà, in diretta Fb dalla fanpage della kermesse (https://www.facebook.com/festivaldelcinema/?epa=SEARCH_BOX) per le interviste agli ospiti e sulla piattaforma digitale ufficiale (https://festivaldelcinemadisalerno.teyuto.com) per la visione VILLA TIBERIA HOSPITAL| BREAST CENTER: Redazione-  54.976 casi, pari al 14,6% di tutte le nuove diagnosi: questa è l'incidenza stimata del tumore alla mammella per l'anno 2020. È la neoplasia più frequente nelle donne di qualsiasi età ma oggi, grazie ai progressi della ricerca e MAKER FAIRE ROME| EUROPEAN EDITION 2020: Dal 10 al 13 dicembre 2020 su www.makerfairerome.eu  Redazione- La Maker Faire Rome - European Edition 2020, il più grande spettacolo di innovazioni e creatività al mondo, per la prima volta in versione virtuale, porterà la musica all’attenzione di appassionati e CAOS SANITA' | I SINDACI DE ROSA- DI NATALE- GIOVAGNORIO SI RIVOLGONO ALLA PROCURA: Redazione- La disastrosa emergenza sanitaria, con il triste corollario che l'accompagna, dalla carenza di posti letto a quella del personale, la mancanza di strumentazione adeguata per le diagnosi, che ha condotto all'implosione della linea di individuazione e tracciamento, fondamentale per INTERVISTA ALLA POETESSA E SCRITTRICE ALESSANDRA IANNOTTA: Redazione- È in libreria e negli store digitali “Panni al vento”, il nuovo libro di Alessandra Iannotta pubblicato da L'Erudita. Una raccolta di centouno poesie scritte in questi ultimi cinque anni. Sono tutte fotografie di attimi rubati al divenire delle L’AQUILA| IN TUTTA LA PROVINCIA PER OGNI CINQUE ABITANTI QUATTRO LIBRETTI E OTTO BUONI POSTALI: Redazione- Con 243mila libretti postali attivi al 30 settembre, quella aquilana si conferma la prima provincia abruzzese nel rapporto tra questo storico prodotto di risparmio e il numero degli abitanti. In questa speciale classifica sul risparmio in Abruzzo, L’Aquila si ROMEO E GIULIETTA NEGLI ATER| UN' AMORE POPOLARE: Uno Shakespeare da guardare affacciati alle finestre, nei cortili dei palazzi popolari dell’ATER dal 10 al 13 Dicembre 2020. 10 e 11 dicembre ore 17.00 Ater Quarticciolo, 12 e 13 dicembre ore 17.00 Ater Primavalle, E online su www.facebook.com/lacittaideale Redazione- Il teatro dove ABRUZZO| PD IN ASCOLTO: Redazione- Si terrà giovedì 3 dicembre, a partire dalle 18.30, in diretta Facebook sulla pagina del Partito Democratico abruzzese, l’iniziativa “La voce dei territori”, un confronto con i sindaci e gli amministratori. Interverranno Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e presidente SOTTO LA LENTE - INTERVISTA AL SINDACO DI TAGLIACOZZO: Redazione- Oggi per la rubrica SOTTO LA LENTE, ho il piacere di intervistare il Sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio. I punti dell'intervista sono forti, la sanità marsicana, territoriale, il brutto momento sociale che stiamo vivendo......<< Buonasera Sindaco 1. Come sta gestendo questo TAGLIACOZZO - L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, OLTRE AL DRIVE-IN NEL CAPOLUOGO, ORGANIZZA LO SCREENING DI MASSA ANCHE CON UNA POSTAZIONE MOBILE PER: Redazione- A Tagliacozzo è in grande attività l’organizzazione del drive-in comunale, coordinato dal Consigliere comunale Danilo Iacoboni, che prosegue lo screening di massa, voluto dalla Regione Abruzzo, con i tamponi gratuiti forniti dal Governo nazionale. La postazione fissa nel capoluogo

LE NOSTRE ORIGINI:TRA EQUI E ROMANI

Redazione-La piana del Cavaliere situata alle falde dei monti Simbruini e confinante con le provincie di Roma e Rieti, è stata per secoli sede di uno dei più grandi e forti popoli della penisola: gli Equi.

Vissuti in queste terre fin dal 1750 a.c. Provenienti dal nord Europa, furono tra quei popoli che ebbero la forza e il coraggio di marciare più volte e a più riprese contro l'esercito che dominerà l'Europa e parte dell'Asia, l'esercito romano. Nel 1184 a.c. uniti con i Volsci, i Sabini, gli Etruschi e gli Umbri, riuscirono a cacciare i Pelasgi che a quel tempo dominavano nella penisola. Virgilio ci narra che questi popoli erano condotti da Messapo e Marenzo condottieri etruschi, e Ufente capitano equo.

Per oltre due secoli gli Equi hanno combattuto Roma, riportando sempre delle vittorie e infliggendo ai romani delle grosse perdite. Coriolano alla testa di Equi e Volsci riuscì ad entrare nella città eterna, nei pressi dei colli Albani, saccheggiandola e dando vita ad ogni tipo di rappresaglia. Potevano benissimo impadronirsi della città e forse cambiare la storia, ma la madre Vetruria e la moglie Volummia lo convinsero ad abbandonare e a tornare nei propri territori. Da questo momento furono ripetuti gli attacchi romani, e davanti ad un poderoso esercito gli Equi e i Volsci decisero  ritirarsi ognuno a difendere le proprie città. Questa decisione risultò fatale per entrambi i popoli, visto che uniti avevano sempre avuto la meglio, questa volta in 50 giorni furono annientati. Anche se furono tenuti in gran prestigio, non verranno più menzionati nella storia.

L'indole di questo popolo era basata sulla indissolubilità della famiglia e della patria, sulla difesa della propria terra con la vittoria o con la morte. Erano rispettosi della vita e non avrebbero mai combattuto Roma , se non fossero stati molestati visto che avevano il rispetto delle  proprieta altrui. Ma a Roma serviva uno sbocco nell' Adriadico. Erano considerati istitutori della legge feziale e sacra. Gli Equi erano governati per gli affari civili, militari e religiosi da un MEDIXTUTICUS. Virgilio ci narra che l'uomo equo era solito coltivare il proprio terreno armato. Tra le loro armi ricordo  le frecce di selce e di bronzo, la fionda e lo sparo simile al pillo romano, oltre a spade e scudi. Un'arma che i romani copiarono a questo popolo fu la taga, piccola spada posta sul braccio. Indossavano elmi di bronzo con delle creste superbe. Si riunivano in determinati luoghi per prendere qualsiasi decisione e adoravano solo il loro Giano. L'impero Equo era formato da città tutte indipendenti tra di loro. Esse erano: Trebe ( Trevi ), Nersae ( Nesce frazione di Pescorocchiano ), Vitellia ( Bellegra ), Tibur (Tivoli), Affilae (Affile) e l'antica Carseoli, che all'epoca era situata nel territorio del comune di Oricola, più precisamente nei pressi dell'attuale Civita di Oricola, sui suoi incantevoli sei colli. Il territorio equo era dunque compreso tra Nesce, Tivoli e Trevi, e Carseoli si trovava proprio al centro, e forse è per questo che è stata la città più grande, che ha raggiunto anche i 50000 abitanti. Ebbe una potente e massiccia conduttura di acqua, proveniente da Vivaro Romano, grazie ad un acquedotto di un metro per lato, chiamato tutt'oggi Muru Portusu. fu cinta da tre diverse foggia di mura.

Ebbe anfiteatro, tombe e templi. Vi fu residente l'imperatore Massimino, vi passarono Ottone primo e secondo. Quest'ultimo, al dire del Pieralice vi costruì un palazzo in località Campo. Vi dimorarono gli imperatori Claudio e Nerone e il grande scrittore Ovidio vi soggiornava durante i suoi viaggi a Roma. L'antica Carseoli, malgrado le pesanti perdite resistette all'attacco di Annibbale, che tanto sgomento causò nell'antica Roma. La città eterna vi inviò 4000 famiglie. Fu devastata durante la guerra marsa, resistette alle dominazioni franche e normanne, ma dovette cedere ad Agilulfo re dei Longobardi, ai Saraceni e agli Ungari. Una bolla di Onorio III afferma che ancora esisteva nel 1217. La distruzione definitiva avvenne da parte di Federico II, reduce dalla Puglia nel 1242 . La maggior parte dei sopravvissuti si rifugiarono ad Oricola, che era stato sempre un oppido fortificato di Carseoli, ed  oggi risulta la vera e leggittima erede. Una piccola parte diede origine all'attuale città di Carsoli, mentre altri andarono nei paesi limitrofi. Nella nostra zona sono molti i cognomi romani, ma le vere origini, forse provengono da quel popolo, che con la tenacia e l'astuzia ha tenuto testa per secoli ad un impero che solo un tradimento poteva far declinare.

La piana del cavaliere inizialmente era chiamata  Ager Carseolanum, ovvero pianura carseolana, dal nome dell'antica metropoli. Il nome attuale nasce intorno al 600 d. c., da una disavventura di un cavaliere recatosi in questo luogo. Costui mentre tornava dalla caccia, si trovò in serio pericolo e trovò rifugio presso un pastore del posto. Giunto a Roma pregò i Colonnesi di edificare una struttura che potesse accogliere i viandanti. Il locale fu chiamato osteria del Cavaliere, e la piana ne assunse il nome.

(di Angelo Minati)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.